indice

home
in corso
primo piano
storia di arte struktura
archivio: mostre
archivio: opere
artisti
edizioni
arte struktura shop
contatti

artisti


in questa pagina:

più di 400 brevi biografie di tutti gli artisti che hanno partecipato alla mostra
"l'arte costruisce l'europa"
o che sono/stati in relazione con arte struktura

BIOGRAFIE ARTISTI

(vedi anche archivio opere e mostre)
costruttivismo - concretismo - cinevisualismo - nuova visualità e madi internazionali

per accedere subito alle singole biografie fare clic su uno dei seguenti nomi in rosso

licia alberi, bruno aloisi, getulio alviani, cesi amoretti, giovanni anceschi, cesar andrade, vladimir andreenkov, alfredo anghinelli, federico antelo, federica antonioli, richard anuszkiewic, marina apollonio, maurizio arcangeli, carmelo arden quin, vincenzo arena, antonio asis, kengiro azuma, orazio bacci, waldo balart, guido baldessari, mario ballocco, eva maria bányász, giuliano barbanti, william barbosa, paola baroncini, horst barting, lucio battaglia, silvano battistotti, claude belleudy, fulvio belmontesi, franco bemporad, michele benedetto, benjamin, carlo bernardini, ira bernardini, paola bernasconi, paolo bertelli, elio bertin, tullio bertinotti, angelo g.bertolio, ode bertrand, michele berton, elio bertin, charle bezie, alberto biasi, dominique binet, jac bisschops, mario bisson, martin blaszko, hartmut böhm, marzia boldi, bolivar, agostino bonalumi, beppe bonetti, fernando bordoni, davide boriani, gloria bornacin, claude bourguignon, andrea bozzolini, silvano bozzolini, jean branchet, marina brasili, fabrizio breschi, ary brizzi, franco bruzzone, mihaly bucskó, giancarlo bulli, simone butti, antonio calabrese, sara campesan, giancarlo caporicci, carmelo cappello, carmine caputo di roccanova, lex caral, maurizia carantani, eugenio carmi, ines carnuccio, nicola carrino, john carter, lita casparis luparello, clarissa cassiau, laura castagno, enrico castellani, alberto cavalieri, saverio cecere, sandra cendon, alberto cerchi, carolina cerverizzo, chagnon, giovanni chiarlo, alberto chubac, miki cisani, pasquale ciuccio, geneviève claisse, bruno coen, renzo colognese, danilo colombi, gianni colombo, michelangelo conte, liliana contemorra, ives contreras brunet, elisabetta cornolò, toni costa, franco costalonga, salvador costanzo, henk crowel, carlos cruz dies, marco curro', salvatore cuschera, miro cusumano, giuseppe d'addario, suzanne daetwyler zihlmann, denise dall'olio lang, oscar d'amico, marcello de filippo, eef de graaf, roland de jong orlando, pino de luca, guy de lussigny, mario de maio, gianfranco de palos, davide de paoli, renato de santi, daniel de spirt, gabriele de vecchi, gilbert decock, françois decq, elvira del rosso, hugo demarco, gioppé di bella, antonio di maria, nino di salvatore, konrad dietrich, piero dorazio, angelo dozio, colette dupriez, pablo f.edelstein, graciela elizalde, emmanuel, leo erb, rita ernst, istván ezsiás, celestino facchin, giulio fain, jános fajó, maria pia fanna roncoroni, alida fasano, jean claude fauçon, magdalena fernandez, elena fia fozzer, ennio finzi, ole folmer hansen, piergiovanni fontana, mirella forlivesi, salvatore fornarola, reale f. frangi, coca frigerio, simonetta frigerio, roland fritz meyer, joel froment, aldo fulchignoni, willy furrer, walter fusi, gyorgy galgóczy, antonio gallinaro, bruno gambone, marco lino gandini, lorenzo gandolfo, miguel gandolfo, heinz gappmayr, ferruccio garau, ferruccio gard, alberto garibbo, annamaria gelmi, karl gersner, paolo ghilardi, andrzej gieraga, julien gil, denise gilles, fabrizio giorgi, jo girodon, franco giuli, hansjorg glattfelder, betty gold, jerzy grabowski, franco grignani, dorota grynczel, paolo gubinelli, rené guiffrey, nicole guyhart, istván haasz, istván harasztÿ, rity jansen heijtmajer, octavio herrera, laselo herzczegh, max huber, stefano iakeo, nicole istvan, herman jara, anton jerkovic, maria ester joao, edoardo jonquieres, michel jouet, herbert kapitzki, meta keppler, branco kolaric, laszló kovács tamás, anneke klein kranenbarg, alfons kunen, antonia lambele, edoardo landi, josée lapeyrère, giuliano latini, john law, yves marie le cousin, ettore le donne, julio le parc, shelly inez lependorf, jean leppien, giovanna lerzo villa, luciano leventi, anders liden, peter liebl, josef linschinger, eugenio lopez, jenni losinger-ferri, peter lowe, gino luggi, laura luoratoll, francesco lussana, eduardo mac entyre, giuseppe macchione, marina madeddu, giovanni m.maesano, enzo maiolino, antonio malavend, estuardo maldonado, marisa malerba de luca, antonio manfredi, bence marafko, attilio marcolli, enzo mari, luciano marin, jaildo marinho, giosuè marongiu, ruben marquez, vincenzo mascia, vittorio matino, akos matzon, almir mavignier, pierre mavropoulos, giorgio mazziotta, raul mazzoni, mcba, jean melé, aldo mengolini, gianni metalli, renato milo, paolo minoli, giuseppe minoretti, mintoy, vera molnar, alvaro molteni, e.musso monsanto, marcello morandini, françois morellet, giovanni morello, guido moretti, mitsouko mori, philippe morrison, leonardo mosso, piero mottola bruno munari, georges nadra carlo nangeroni, giorgio nannei, mario napoli, lionella nardi molteni, giuliana natali, knut navrot, giorgio nelva, roger neyrat, gianfranco nicolato, jo niemeyer, gianni nigro, mario nigro, alvaro occhipinti, angela occhipinti, francis olin, manlio onorato, janusz orbitowski, otto ulrich, simon oud, eduardo palumbo, jacques palumbo, jan pamula, malek pansera, fabrizio parachini, vincenzo parea, g.vittorio parisi, jakka parni, nicola pascarella, claude pasquer, alain péclard, gianfranco peiretti, vincenzo pellitta, jorge pereira, giorgio peretti, jelena peric, giovanna perillo, antonio perrottelli, gloria persiani, nicolò perusino, ivan picelj, lorenzo piemonti, attilio pierelli, daniele pieretti, marcello pietrangeli, marco pignatti, marta pilone, gaetano pinna, osvaldo poggio, ferruccio polacco, rogelio polesello, yves popet, valentina povarova, vittorio presepi, salvador presta, carla prina, giuseppe profumo, henri prosi, domenico pupilli, julian raczko, marek radke, giancarlo raina, davor rapaic, mauro reggiani, hilda reich duse, laura remoli, pasquale rhusso, milena rigolli, bridget riley, romano rizzato, jaume rocamora, eduardo rodriguez, renée rohr, wolf roitman, roel rolleman, sergio ronzani, giuseppe rosa, horacio garcia rossi, claudio rotta loria, jean claude roussel, eliseo rovatti, nelly rudin, laura ruggeri, franco russo, anna sacerdote, massimo salvadori, sergio sansevrino, romano santucci, natale sapone, sato satoru, gualtiero savelli, jànos saxon szász, giuseppe schepis, nicol schoffer, paolo scirpa, alfredo sciuto, massimo scoditti, gian mario scola, rino sernaglia, michel seuphor, stefan sevastre, roberto sgarbossa, elisabetta sgherza, turi simeti, victor simonetti, tullio simoni, sirello, claudio sivini, mogens skjoth, kennet snelsom, francisco sobrino, stefano soddu, jesus raphael soto, renato spagnoli, filomena iride spissu, fausta squatriti, anton stankowski, klaus staudt, jeffry steel, joel stein, hans steinbrenner, andré stempfel, walter strack, giovanna strada, ugo strina, maria suardi, grzegorz sztabinski, vinicio tartarin, stevan tesic, patrizia tibaldo, nacha timer, luis tomasello, armando tomasi, jorrit tornquist, victoria trench, bjarne w.troelstrup, alfredo troisi, giuseppe turati, giorgio ulivi, otto ulrich, arthur usner, philippe vacher, piet van zon, grazia varisco, galina vasilyeva, roberto vecchione, milena veljkovic, francesco ventura, dirk verhaegen, luigi veronesi, giorgio villa, jean pierre viot, emanuele viscuso, jaak vuylsteke, digna weiss, elisabet weiss, jacques weyer, lily wicnudel, ludwing wilding, martin worn, mireille wunderly, shizuko yoshikawa, yahya gaber youssef, attilio zanetti righi, piergiorgio zangara, guido zanoletti, eugenio zanon, romano zanotti, piet van zon, milan zoricic, paola zorzi, opy zouni, giuseppe zulberti, georg zuter,

artisti contemporanei

costruttivismo - concretismo - cinevisualismo - nuova visualità e madi internazionali


pionieri
natalija gontcharowa, lioubov popova, theo van doesburg, ilja tschaschnik, vassily kandinsky, marcel louis baugnet, waclaw szpakowski, lajos kassak, sonia delaunay, leon tutundijan, pavel mansouroff, wladyslaw strzeminski, étienne beothy, andré heurtaux, josef albers, piet mondrian, auguste herbin, victor vasarely, henrik berlewi, henry stazewski e katarzyna kobro, jean hans arp, marcelle cahan, max bill, camille graeser, richard paul lohse, bruno munari, michel sephor
gruppi

esponenti del gruppo N, gruppoT, GRAV (group de recherche d'art visuel), azimuth

movimenti
movimento madi internazionale: madi italia, ungheria, francia, belgio, stati uniti




licia alberi

verona 1942. vive e opera a milano. dal 1970 allestisce esposizioni personali a broni di pavia a milano, udine e provincia. molte le rassegne in italia e all'estero: zagabria, francoforte, dusseldorf, caracas ... nel 1982 dipinge le sue prime opere cromoscopiche e costruisce ludorami a dislocazione cromatica virtuale dopo aver superato ricerche di sintesi strutturale. nel 1985 risulta tra gli aderenti all'incontro di comunicazione delle "direttrici operative della nuova visualità" che avrà luogo ad arte struktura e che darà vita al "gruppo della nuova visualità '85". è presente a molte delle iniziative di arte struktura.



bruno aloisi

titolo: senza titolo - 2000

nasce il 1938 a fiume freddo, catania dal 1948 risiede a milano. nel 1965 viaggia in europa e soggiorna fino al 1967 a londra dove espone alla hampstead gallery e alla richmond gallery. dopo lo studio di forme tese alla spazialità sul finire degli anni '80 realizza opere inoggettive. usa materie luminose registrandone alterazioni e impressioni di movimento delle forme-luce e combinazione di tagli e profondità. si dedica alla scenografia televisiva e regia teatrale. scrive recensioni, espone a milano, vicenza, forlì, numerose esposizioni in slovenia.



getulio alviani

titolo: "superficie"-1991

udine 1939. vive a milano. già dalla fine degli anni 50 l'informazione visiva lo coinvolge quale problematica primaria unita all' interesse per i problemi inerenti la plasticità strutturale. le prime opere inoggettive sono del 1957. protagonista degli anni 60 riprende le ricerche che furono dei raggisti sulla propagazione delle radiazioni luminose nello spazio. realizza per primo "superfici a textura vibratile" in alluminio, atte ad assorbire, riflettere e propagare la luce nello spazio. attento alla fenomenologia della forma e del colore si interessa oltre all'oggetto alla progettazione delle macchine che lo producono. scrive testi teorici, critici e introduzioni a importanti edizioni: albers, mansuroff, berlewi, vaserely. le sue opere sono esposte nei più importanti musei del mondo. mantiene contatti con l'europa dell'est, americhe, giappone.



cesi amoretti

titolo: obliqua - 1996

sanremo 1941-1997. studia all'accademia di brera (mi) contemporaneamente lavora come designer. degli anni '70 è la ricerca sui valori di luce, colore, forma e del '72 i primi risultati astratto-geometrici: forme essenziali, dettate da una esigenza di purezza. dal 74 approfondisce la strutturazione del cerchio e lo studio del colore inteso come segno. dal '75 con il "luminismo" il color viene affrontato come significato. la tela, incorniciata o libera lungo la parete o sul pavimento, é memoria del passato e percezione del presente.



giovanni anceschi

milano 1939. studi di filosofia, psicologia e artistici. è professore ordinario di disegno industriale presso lo iuav (ve). è designer, saggista e organizzatore di ?cultura della visibilità?. negli anni sessanta compare tra i fondatori del movimento di arte cinetica e programmata che già allora si presentava in chiave interattiva, critica e sociale. arte programmata e design rivolto al settore industriale, meglio se pubblico e per tutti. ha rapporti con il gruppo t, gruppo n e tutte le realtà sperimentali del momento. è quindi docente alla scuola di ulm (hochschule für gestaltung) già frequentata nel 1962 con tomàs maldonado. da trent?anni insegna discipline della comunicazione visive e multimediali nell?università italiana.



cesar andrade

titolo: puntigrama - 1992

tocuyo - venezuela 1939. vive a colombes. dopo la laurea si dedica all' insegnamento. la prime opere inoggettive sono del 1968. concentra la sua ricerca sulla trasformazione della materia e della luce. le superfici sono determinate per attivare la percezione con disposizioni lineari, contrasti di luce-ombra senza interruzione. crea forme geometriche attraverso la ripetizione seriale e l?impiego razionale del colore. in molte opere utilizza chiodi.



vladimir andreenkov

titolo: senza titolo - 96

nasce il 1930 in belorussia, vive a mosca dove compie studi artistici. dal 1960 è membro dell?unione degli artisti. dal 1958 espone e lavora nel campo della pittura, scultura e grafica con predilezione per l?incisione a colori. in alcune opere la simmetria strutturalmente impostata o suggerita è contraddetta. la composizione emerge in un equilibrio non statico "del tutto" dato da forma, colore, coerenza e una definizione dipendente da materiale e tecnica.



alfredo anghinelli

titolo: composizione 1995.

milano 1939. vive a milano. le prime opere inoggettive sono del 1991. la sua ricerca approfondisce e sviluppa forme geometriche per proporre figure di ipotesi architettoniche frammentate da scansioni cromatiche in trasparenza. partecipa al "movimento internazionale madì italia" realizzando opere dove lo spazio apparente in tridimensione è dato sia dalla composizione cromatica che coerentemente alla poligonalità del piano stesso.



federico antelo

titolo:mediazione contingente - 2000

nasce il 1976 a san fernando, buenos aires dove compie studi artistici. è professore di pittura. dal 1994 partecipa a saloni e esposizioni collettive. l?opera si apre in due sensi: dall?interno attraverso la sua struttura con piani sovrapposti e aperture ad incastro; dall?esterno attraverso la relazione con il fruitore. estende gli ambiti specialistici della geometria al linguaggio artistico e sociale. affronta problemi inerenti spazio-luogo, ambiguità, definizione; ideazione-intuizione,"sospensione" e movimento.



federica antonioli

vive a milano. giovane artista dell'area milanese rivolge il suo interesse al rigore del linguaggio geometrico non senza qualche riferimento ironico o simbolico al mondo degli oggetti hi-tec . realizza oggetti e gioielli in metallo privilegiando la sfera, il quadrato, le forme lineari. anche nelle opere, sovente in bianco e nero ricorre a queste figure. nel 2005 è tra le finaliste del concorso ?pari opportunità ? l'altra metà del lavoro? inail, sul tema del lavoro femminile.



richard anuszkiewic

erie, pa usa, 1930. studi artistici e di architettura al cleveland institute e alla yale university. già dai primi anni sessanta compare tra i fondatori della optical art. nel 1961 il museum of modern art (moma) di new york acquisisce la sua prima opera. molta della sua produzione si caratterizza attraverso un formato rettangolare verticalizzato dove proporzione ed equilibrio compositivo fanno pensare ad una moderna classicità attuata attraverso le forme dell'astrazione geometrica. sovente più elementi rettangolari concentrici, simmetrici, dai forti e singolari contrasti cromatici, creano effetti ottici. l'occhio , come in tutta l'arte cinetica, è sollecitato percettivamente. lo spettatore è chiamato ad interagire sia con il movimento oculare (fissazioni) che muovendosi nello spazio. nelle opere degli ultimi anni la struttura ortogonale risulta talvolta trasgredita.



marina apollonio

trieste 1940. risiede a padova. studi artistici a venezia. frequenta i corsi di santomaso e, nel 1960, si dedica a soluzioni per architettura d'interni. nel '62 inizia ricerche sulla comunicazione visiva. realizza quindi i primi rilievi metallici a susseguenze cromatiche alternate. aderisce al movimento internazionale "nova tendencija" esponendo a zagabria. nel '66 è alla galleria op-pop di francoforte, al centro arte viva feltrinelli di trieste, alla galleria del naviglio a milano. nel 68 serializza multipli di dischi ad animazione eletromeccanica. la sua attenzione è rivolta al cerchio e alla spirale. attraverso corone circolari concentriche attua una programmazione cromatica con gradazioni alternate e progressive. ottiene così valori cromatici relativi, virtuali. dal '75 realizza anche opere ortogonali su sfondo nero.



maurizio arcangeli

titolo: arrivi - 1987

montecosaro (macerata) 1959. compie studi artistici. è professore ed attualmente insegna al liceo artistico di bari. risiede a milano. la sua prima personale è del 1982. sviluppa le esperienze intraprese dagli anni 50 sulla tela estroflessa. dell?89 è l?esposizione "la tela estroflessa nell?area milanese dal 1958 ad oggi" arte struktura mi. realizza sagome con tela dipinta ad olio su telai di legno. più strutture monocrome disponibili nello spazio in cui il vuoto ha una valenza attiva e libera. indaga non senza ironia l?analitica dicotomia tra realtà e finzione.



carmelo arden quin

titolo: "logo" 1991

rivera - uruguay 1919 - savigny-sur-orge 2010. studia arte, letteratura, filosofia, diritto. nel 1935 incontra torres garcia a montevideo dove nel 1936 realizza anche le prime opere inoggettive ed entra a far parte della brigata internazionale contro il fascismo spagnolo. nel 1941 fonda la rivista "arturo" e nel 43 a buenos aires costituisce il "gruppo arturo" con bailey, kosice, tomas maldonado , prati. nel 1946 fonda il movimento internazionale "madì". nel 1948 si trasferisce a parigi. è teorico, divulgatore e artista. le sue opere implicano il concetto di poligonalità, geometria, uniformità del colore. le forme piane e i "coplanal", piani poligonali che definiscono l'opera madi non sono semplici supporti ma parti integranti della costruzione di un'opera unitaria e originale che si relaziona sia con lo spazio esterno che interno. (sue opere sono presenti nei più prestigiosi musei del mondo).



vincenzo arena

titolo: opera 8 - 2001

pizzo calabro 1932. ha vissuto a bruxelles, parigi, bordeaux, singapore e teheran. nel 1968 fonda a parigi il gruppo co.mo. (constructivisme et mouvement) con, tra gli altri, breuer e seuphor. a roma nell?81 costituisce il gruppo "spazio documento" con estuardo, maldonado e altri artisti. studia e realizza una pittura seriale dove la forma basica o lo stesso modulo, variano leggermente e progressivamente di forma, posizione, colore in base a funzioni matematiche. analisi e ripetizione del segno che è mentale quindi astratto, sono inseriti in una visione dinamica dello spazio.



antonio asis

titolo: expression visuelle - 1993

buenos aires 1932. dopo gli studi artistici è professore. vive a parigi dal 1956 quando si trasferisce e conosce vasarely, soto, agam, schaeffer . le prime opere inoggettive sono del 1957. tra i protagonisti più autentici dell'arte ottico-cinetica internazionale si dedica alla ricerca sulla percezione cinetica e sulla dinamica armonia di gamme cromatiche, legate a forme geometriche: sfere e spirali fissate alla tavola o nello spazio, griglie metalliche. le sue ricerche sulla vibrazione e sulla smaterializzazione della superficie ne fanno un pioniere della nuova generazione.



kengiro azuma

titolo: "mu" - 1990

yamagata - giappone 1926. vive a milano. studia all'università di tokio e all'accademia di brera. le prime opere inoggettive sono del 1958. affronta la bidimensionalità e approfondisce ricerche nel campo della scultura imprimendo perforazioni per rendere visibile il carattere materico dell'opera. fa emergere le proprietà della materia, della composizione e della corrosione visti come inevitabili e necessariamente come fenomeni negativi.



orazio bacci

titolo: "sintesi n°153" - 2005

orazio bacci è nato a milano nel 1941. si occupa di fotografia dall'età di 15 anni con la guida del padre ed ha così modo di frequentare gli studi dei pittori di avanguardia a milano, dove, nel 1960, inizia a dipingere. è attivo nel panorama artistico dagli anni 60. perviene all'astrazione geometrica e in seguito giunge fino a superare il piano ortogonale convenzionale con opere multiple che compone nello spazio. del 2007 è la mostra "the beautiful guangzhou: arte senza confini" ad albissola che segna un incontro tra due culture: in esposizione opere di artisti italiani e cinesi.



waldo diaz balart

titolo: "module" 2004

banes, holguin 1931. vive a liegi. frequenta l'univerità di la habana, cuba. dal 1959 al 1962 conduce studi artistici al moma di new york. dal 1967 è docente di arte alla southampton university sempre a new york. le prime opere inoggettive sono del 1960. espone e presenta conferenze in molte università, centri culturali, musei di diversi paesi: polonia, spagna, olanda, italia. la sua ricerca è costantemente rivolta alla dualità colore-luce. riprende l'idea costruttivista e considera il costruire una dinamica positiva. propone soluzioni razionali, geometrie piane chiare evidenziate dal colore.



guido baldessari

titolo: lirismo ritmico - 1972

venezia 1938. vive a venezia. inizia a dipingere nel 1954, espone in pubblico dal 1963. la sua ricerca indaga le variabili luce - colore - energia - dinamismo. utilizza uno schermo, o filtro, che scompone il segno e il ritmo. costruisce immagini con colore puro e geometria coniugando esattezza scientifica e ambiguità emozionale. dalla ricerca ottica alle realizzazioni cinetiche vuole che la sua pittura sia "una manciata di coriandoli per una massa di sonnambuli".



mario ballocco

milano 1913. vive a milano. dal 1947 allestisce esposizioni a buenos aires, bruxelles, graz, san paolo e molte altre città in italia. dopo esperienze di tipo figurale nel 1950 realizza le prime opere inoggettive proponendosi, senza preclusioni o rigidità dogmatiche, verifiche percettive legate a proposizioni spazio temporali. nel 1950 è promotore del gruppo "origine". la sua ricerca orientata all'essenzialità compositiva, negli anni 90 giunge alla riduzione cromatica del bianco e nero. le opere presenti in musei e collezioni pubbliche e private sono state oggetto dell'attenzione della critica in italia e all'estero. tra i critici e autori italiani che hanno scritto sul suo lavoro: apollonio, argan, ballo, beringheli, caramel.



walter ballmer

titolo: spazio

liestal - svizzera 1923. vive a milano. esplica la la sua operatività in campo industriale e nella ricerca artistica. del 1952 le prime opere inoggettive. nel 1956 inizia la collaborazione con adriano olivetti che continua nella direzione di milano quale responsabile delle relazioni culturali. si inserisce direttamente nella fase operativa del sistema comunicazione concentrando la sua ricerca sul metodo. confronta le più avanzate tecniche comunicazionali e il loro diretto inserimento nel mondo della produzione, distribuzione, comunicazione. per le sue opere sceglie forme corrispondenti a rappresentazioni assonometriche che inscrive e divide in reticoli e sottomoduli a campitura uniforme e colori primari.



eva maria banyaz

titolo: ripartizione di un quadrato - 1999

pecs - ungheria 1956. risiede a pecs. studia arte dedicandosi in un primo tempo alla ceramica e dal 1986 alle arti grafiche. dall?88 i suoi interessi sono rivolti alla pittura. è membro sia dell?art fund ungherese che del movimento internazionale madi da quando si è costituito in ungheria. la sua opera costruita geometricamente risponde ad un linguaggio formale e cromatico razionale, essenziale e concreto. in alcune opere più recenti la dialettica costruttiva del piano poligonale unita a quella cromatica rivelano qualità primarie sottese ad una realtà più superficiale.



giuliano barbanti

titolo: distanze - 1999

nasce il 1936 a sesto san giovanni dove vive. dopo gli studi si dedica all'insegnamento e dirige la scuola civica di pittura "faruffini". le esperienze tardo informali sono seguite dalle prime opere inoggettive del 1967. sesto san giovanni si rivela una fucina dove molti artisti impegnati traducono la certezza della loro coscienza in lavori dove prevale la dimensione geometrica, modulare scandita in campiture. con l?aerografo giuliano barbanti ottiene sulla tela un continuum spaziale precisato da linee orizzontali e verticali in trasparenza cromatica. dagli 90 al 2004 sviluppa il tema delle interferenze.



william barbosa

titolo: abstract dual - 1999

ocana - colombia 1955. nel '75 si trasferisce in venezuela. di formazione autodidatta. si allontana dalla solidità formale per avvicinarsi ad una visione dinamica dello spazio. "usa l?acciaio in modo non convenzionale mutato in torsione, giro; apertura ad una geometria organica...". abbandona i fondamenti classici della scultura e la converte in interazione con lo spazio in cui la dualità si evidenzia come costante. è presente ad alcune delle più importanti iniziative madi e a alle maggiori rassegne del costruttivismo internazionale.



paola baroncini

titolo: panello di curva - 1992

faenza 1960. vive a faenza. si diploma all?accademia di belle arti di bologna. inizia ad esporre in pubblico nel 1980. le prime opere inoggettive sono del 1988. l?intervento pittorico, costituito da un sottile rilievo acrilico, rende la superficie della tela un campo visivo monocromo con forme anche trapezoidali. realizza opere anche di piccolo formato contraddistinte da linearità e ritmo.



renato barisani

titolo: luna rossa - 1980

napoli 1918. compie studi artistici e frequenta i corsi dell?istituto superiore di arte decorativa di monza. dal 1947 è membro attivo di molti gruppi artistici: "gruppo del sud" (1947/50); "gruppo arte concreta napoletana" (1950/55); "m.a.c." di milano ( 1953/57); "nuova scuola europea" di losanna e gruppo "geometria e ricerca". nel 79 riprende la ricerca sui fotogrammi. dell'84 è la sua nuova ricerca chiamata "astrazione organica". realizza opere con più elementi a sagoma libera che dispone sulla parete alternando parti dipinte ad altre in legno naturale. alcune opere emergono come stratificazioni cromatiche di forme geometriche essenziali. progetta anche gioielli, realizza ceramiche e alcuni mosaici ('96).



horst barting

titolo: 261 unterbrechungen 1991

militsisch - germania 1936. vive a berlino. le prime opere inoggettive sono del 1978. collabora con un computer-team alla accademia delle scienze di berlino. la sua ricerca realizza strutture lineari modificate da interruzioni il cui ritmo è determinato dalla lunghezza della linea tracciata. il colore interviene, ottenendo nuovi sistemi strutturali.



lucio battaglia

titolo: ?struttura?-1991

losone (ch) 1929- roma 2003. nel 54 si trasferisce nella svizzera francese, frequenta giovani artisti legati alla cultura francese e sviluppa ricerche parallele al cubismo che sfociano nell'astratto informale. nel 1962 si trasferisce a roma e realizza le prime opere astratto-concrete. 69-82 realizza ampie stesure di colore intersecate da spazi lineari e una costante linea di tensione. dagli anni 80 la ricerca geometrica sviluppa la preminenza del colore sulla forma che viene esaltata e al tempo stesso integrata. usa una tecnica di velatura per proporre una gradazione di luminosità soffusa.



silvano battistotti

titolo: "piccola orchestrazione n.23" ? 2004

milano 1940. vive a milano. studi scientifici, di medicina e odontotecnica. a milano frequenta corsi di nudo (brera) e di storia dell'arte (iulm). ha come insegnante paccagnini. allievo di berio dagli anni 80 è compositore di musica elettronica. per la realizzazione delle sue opere utilizza tutti i materiali dal legno al polistirolo, in particolare materiali di recupero "per riportarli ad una nuova vita emozionale". compone opere geometriche con analogie musicali. dagli anni 70 intercala periodi di astrazione geometrica a periodi informali. dal 2000 si occupa di computer grafica.



claude belleudy

titolo: 353 -1999

nizza - francia 1938. vive a greolières. forme sensuali e ondulate caratterizzano le opere degli anni 60 caratterizzate da collages, sovrapposizioni, piccole sfere legate a fili invisibili, immagini aerodinamiche. dalla pittura passa quindi al basso-rilievo. già dai primi anni 70 le sue opere sono interamente inoggettive. negli anni 80 usa cartone ondulato per forme semplici e libere nello spazio. nel 1990 partecipa a "groupe madi" alla galerie metaphore di parigi. nel 94 reintroduce il movimento pendolare già indagato nel 67. il movimento che si produce risulta organizzato da un sottile gioco di equilibri regolato in base a leggi fisiche.



fulvio belmontesi

titolo: verifica - 1995

grottolanza 1919 - vigevano 2000. frequenta la scuola d?arte di faenza. le prime opere inoggettive sono del 1960. approfondisce la ricerca del colore dalla cui geometria interna fa scaturire una struttura. i segni diagonali precisano lo spazio, esaltato da tonalità cromatiche chiare. usa materiali industriali. dal '77 fa parte del gruppo "sincron" di brescia. dopo la presenza nell'ambito del concretismo lombardo degli anni 80-90 fa parte del gruppo "modulo" di macerata. negli anni '90 realizza la nuova serie di opere "germinazioni" dove continua l'esplorazione del confine tra progetto e creatività. nel 2000 non potrà essere presente all'inaugurazione della grande mostra retrospettiva "fulvio belmontesi - decostruzione dell'oggetto" arte struktura (mi)



franco bemporand

titolo: "9215 punti" - 1970

firenze 1926. studia a firenze. negli anni cinquanta si trasferisce a roma dove si occupa di regia e sceneggiatura cinematografica. nel '57 è a milano dove allestisce una personale alla galleria "montenapoleone". da allora vive e lavora a milano. già dalle prime opere astratte degli anni cinquanta il suo lavoro si caratterizza attraverso composizioni otticamente dinamiche dove la ripetizione seriale mai esattamente identica di elementi geometrici si differenzia ulteriormente attraverso più allineamenti orizzontali. del 1970 sono le opere denominate "typwriting" "fitte successioni di segni dattilografici a sequenze di allignamenti orizzontali"(belloli). sempre negli anni settanta realizza le prime tele cinevisuali puntiniste da cui emergono linee o percezioni reticolari date dall'instabilità percettiva.



michele benedetto

titolo: "ribaltamento del triangolo"-1982

campomaggiore 1914. vive a pietrasanta di lucca. dal 1957 al 1974 studia e lavora a milano, avvicinandosi all'arte e alla scultura in particolare. le prime opere inoggettive sono del 1974 anno in cui si trasferisce nello studio di pietrasanta. ispirato delle avanguardie storiche europee sviluppa una geometria essenziale sovente caratterizzata da poligonalità romboidali dagli angoli acuti disposti verticalmente. realizza sculture concretiste di piccolo e grandi dimensioni, proponendo una ricerca plastica costruttiva intorno all'articolarsi della materia. esegue anche interventi di arredamento urbano.



benjamin
titolo: "grecque"-1994

acambro - messico 1943. vive a parigi. realizza le prime opere inoggettive nel 1975. recupera all'arte i prodotti delle nuove tecnologie, incorpora e assembla colori fluorescenti che per la loro luminosità innovano l'opera.



carlo bernardini

titolo: ombre di luce - 1998 viterbo 1966. compie studi artistici a roma. insegna all'accademia di belle arti di sassari, milano, palermo e attualmente all'accademia di "brera" a milano. vive a roma e viterbo. del 1997 è la pubblicazione del saggio teorico sulla "divisione dell'unità visiva" edito da stampa alternativa. affronta ricerche visive concentrando la sua attenzione su aspetti immateriali quali ombra, luce, tempo, componente psico-fisiologico nella proposizione e fruizione dell?opera d?arte. realizza grandi installazioni ambientali esterne e sculture pubbliche permanenti in acciaio inox e fibre ottiche in diverse città italiane.



ira bernardini



paola bernasconi

titolo: rosso2 - 1994 monza 1966. vive a villasanta. dopo la maturità artistica ottiene la laurea in architettura al politecnico di milano dove ha modo di conoscere le ricerche sul decostruttivismo di attilio marcolli. realizza le prime opere inoggettive nel 1990. la sua formazione professionale inizia in studi grafici e di architettura contemporaneamente prosegue la sua ricerca artistica e gli studi sulle teorie e tecniche dell?arte costruttiva e programmata con attenzione alla cromatologia. dal 91 insegna all'istituto europeo di design e successivamente al politecnico di milano. nel 94 è cofondatrice dello studio "color & surface" occupandosi di progettazione del colore. predilige le forme archetipe di triangolo e quadrato per approdare a forme più complesse e ricerche di arte applicata nel campo della bio e alta tecnologia.



paolo bertelli

titolo: CGO/179 - 1999

genova 1961. vive a genova e a gundholzen (lago di costanza). studia filosofia ed epistemologia. per anni ha rapporti diretti con artisti provenienti dall'area dell'astrattismo europeo. lavora nel campo della progettazione elettronica. si occupa di pittura e ricerca: teorie del colore e della luce. dal 1998 è consulente alla ricerca presso l'istituto di chimica-fisica all'università di genova. artisticamente tiene presente l'aspetto sovrastrutturale, posizionale, psicologico (gestalt) consapevole inoltre del diverso significato che il colore può assumere in culture differenti.



elio bertin

titolo: senza titolo - 2000

venezia 1928. studi artistici a venezia. si dedica alla ricerca nel campo della grafica. dagli anni 70 costruisce oggetti mobili per la grande distribuzione commerciale mentre artisticamente continua a proporre opere più convenzionali. negli ultimi anni la ricerca sullo stato della materia e tecnologica che era stata essenzialmente degli oggetti mobili viene inglobata nella produzione artistica.



tullio bertinotti

titolo: tensione - 1995.

genova 1922. vive a genova. studia all'accademia linguistica. è accademico di istituti superiori di coltura ed arte e consulente tecnico del parlamento europeo. dal '65 alterna agli studi di filosofia e letteratura la pratica pittorica e studi di ottica. approfondisce la ricerca sul raggismo e le avanguardie storiche europee. le prime opere inoggettive sono del 1971. la geometria è protagonista della sua ricerca; sulla superficie fa interagire opposte sollecitazioni quali segno, linea, forza e tensione. propone il colore come generatore di luce ed energia.



angelo bertolio

titolo: 922 - 1995

mornago 1934. vive a barasso. frequenta l'istituto tessile industriale di bergamo ed è studioso di archeologia con incarichi ufficiali. nel 1969 realizza le prime opere inoggettive con la creazione di moduli serali componibili. nel 1970 propone "architettura di una forma primaria" dove, sulla scia di studi sulla spiritualità antica, costruisce immagini riducendo la forma, prima al suo carattere essenziale, quindi ad uno schema ideologico basato sul suo processo di trasformazione pervenendo infine ad una nuova immagine. dal 1980 elabora e propone un simbolismo costruttivo. realizza sculture come architetture, opere bidimensionali sviluppate in tridimensione per l'architettura che considera a più grande avventura dell'uomo. dal 1999 entra a far parte del movimento madi italia.



ode bertrand

titolo: "le labyrinthe III" - 1999

parigi 1930. si dedica alla danza per poi orientarsi alle arti plastiche. assistente di aurelie nemour sviluppa presto un percorso personale nel campo dell'astrazione geometrica e arte concreta. dagli anni 70 espone serie di lavori. le sue opere essenziali, quasi ascetiche pervengono al bianco e nero delle più recenti e incisive trame ottiche. il raro uso del colore è limitato, tonale e monocromo. una classicità che ha paralleli con quella della grecia classica. la linearità e proporzione è ottenuta però col ricorso alla sezione aurea e, con le trame ottiche, risulta interrotta o provocata da lievi, inconsueti scostamenti che interagiscono dinamicamente sollecitando problematiche logiche, visive, percettive.



michele berton

titolo: senza titolo - 1984

padova 1954. vive a milano. si laurea in lettere all'università di firenze. approfondisce la conoscenza della filosofia buddista inoltre studia e pratica l?arte della calligrafia giapponese. le prime opere inoggettive sono del 1993. modula i colori allineandoli nella loro singolarità, in modo costante, ottenendo percorsi ondulati e circolari. cerca di intercettare, de-finire, il limite in un continuum spazio-temporale dove l'opera si cristallizza e a quel punto continua oltre i suoi stessi confini.



elio bertin

titolo: "geometrie variabili"-

venezia 1928. compie studi artistici a venezia. si dedica alla ricerca nel campo della grafica. dagli anni 70 costruisce oggetti mobili per la grande distribuzione commerciale mentre artisticamente propone esposizioni con linguaggi più convenzionali. negli ultimi anni la ricerca sullo stato della materia e tecnologica che era stata degli oggetti per la grande distribuzione viene finalmente inglobata anche in campo artistico.



charle bezie

titolo: ?1055? - 1998

varades - francia 1934. vive a parigi dove studia arte. degli anni 70 sono le prime opere inoggettive. usa i colori nelle tonalità del nero, bianco e rosso. compone con la linea verticale, orizzontale e obliqua bande cromatiche che si dilatano fino a interagire strutturalmente con l'opera. nel 91 realizza le prime opere découpées ed entra a far parte del movimento madi. la serie "croix" e "ortho" è un richiamo alla tradizione astratta, costruttivista e concretista e conferma l'attitudine al superamento della geometria come dato statico. nella realizzazione di un oggetto (l'opera) ritiene che l?aspetto volontario ne riveli uno più nascosto e intuitivo, subcosciente.



alberto biasi

titolo: politipo -1990

padova 1937. vive a padova. agli studi classici seguono la facoltà di architettura e il corso sup. di disegno industriale. le prime opere inoggettive sono del 1957. nel 1959 forma il primo collettivo e nel '61 è teorico e cofondatore del "gruppo n": avanguardia europea nel campo della ricerca visiva oltre che il più politicizzato tra i gruppi degli anni 60 in italia. autore di poesie visive sottolinea l'importanza della percezione e dell'interazione opera-fruitore. nel 61 è fra i promotori di "nuove tendenze" e nel 62 fra gli iniziatori dell'arte programmata. negli anni 70 continua le ricerche su cinetismo virtuale, spazialità cangiante e movimenti armonici con la serie "politipo". nel '91 fa parte del movimento madi italia. la ricerca su luce e percezione è affrontata attraverso prismi e strutture lamellari. queste ultime in opere più recenti implicano sollecitazioni dell'area (cerebrale) simbolico-cognitiva.



dominique binet

titolo: - 1999

parigi - francia 1934. studia arte, pittura murale e storia dell'arte. vive ad ivry sur seine. svolge attività grafica (edizioni promov), didattica e animazione per ragazzi e adulti. dall?85 realizza opere inoggettive. forme d'incastro realizzate con collages di tela su tela con effetti di volume dovute a più angolazioni e piani. il colore limitato al bianco e nero giunge fino al nero su nero, bianco su bianco dato da diversi materiali e texture. lavora su luce ed ombra su una composizione geometrica tendente all?equilibrio dei piani e allo strutturarsi tridimensionale. fa parte del movimento madi. nelle opere più recenti la luce diventa essenziale. la tendenza è quella di realizzare opere tridimensionali, strutture risolte a partire dal volume e in assenza di colore



jac bisschops

titolo: "here" - 2005

bocholtz 1952. il suo lavoro risente degli interessi per l'architettura e dei molti viaggi intrapresi in diversi paesi. dipinti, disegni, forme geometriche essenziali e multipli sono combinati senza trascurare l'importanza del colore e della sua percezione. il colore è il risultato di molte prove. sperimenta e utilizza diversi sottili strati di pigmento. nei pannelli di legno, carta o tela la struttura dell'opera implica specifiche caratteristiche materiche che restando visibili la denotano ulteriormente. con le sue opere cerca di far emergere l'intima relazione tra forma, colore e sensazione invitando alla chiarezza e meditazione quale contrappeso alla invadenza visiva contemporanea.



mario bisson

titolo: dec 01? - 1998

catania 1964. compie gli studi presso il politecnico di milano dove insegna disegno industriale ed è ricercatore al dipartimento "indaco" (industrial design, arti, comunicazione e moda), al dipartimento didattica colore e luce diretta da attilio marcolli e dell'unità di ricerca e didattica di semiotica diretta da massimo bonfantini. insegna in diverse scuole di design tra cui l'istituto europeo di design di milano dove è stato professore di semiologia e morfologia operativa nell'area del basic design.



martin blaszko
berlino 1920. vive a buenos aires. lascia la germania nel 1933 per recarsi a parigi dove nel '38 conosce marc chagall. in argentina studia pittura e disegno con carmelo arden quin. nel 1946 è cofondatore del gruppo madi. nel 1952 riceve un premio dall'istituto d'arte contemporanea di londra per il progetto per il "monumento al prisonero politico desconocido", esposto poi alla tate gallery. innumerevoli i riconoscimenti. dagli anni sessanta partecipa a numerose biennali quali la biennale di san paolo e di venezia. nel 1970 pubblica un manifesto sulla "responsabilità politica degli artisti". nel '90 è invitato dal moma di new york per l'esposizione "latin american of the century". nel '96 è invitato all'esposizione al centro de arte reina sofia di madrid.


hartmut bohm

titolo: quadratzahlen - 2004

kassel - germania 1938. vive a lunem. è insegnante. nel 1959 realizza il primo lavoro sistematico completamente pianificato con calcoli matematici per costruire immagini a progressioni geometriche. seguono le prime opere inoggettive. l'obiettivo è la riduzione sintetica di figure geometriche di base per ottenere una rigorosa essenzialità. quasi sempre domina il bianco, raramente oppone colori in sequenze tonali. utilizza materiali prelevati dal contesto contemporaneo dove più elementi concorrono alla costruzione dell'opera. il materiale, è assunto nella sua componente concreta: peso, colore, riflessione, reazione alla manipolazione. le sue opere sono presenti nei maggiori musei di tutto il mondo.



marzia boldi

tit.: volume da intersecazione di linee curve /1-2000

studi artistici a verona dove vive. realizza opere per commissioni pubbliche, espone dal 1987. l'opera non rappresenta e non rimandare non ritiene necessaria la mediazione di metafore e mitologie. ricerca invece forme originarie "della germi nazione prima del senso" (meneghelli) tematica che fu già del futurismo. si avvale di linee filiformi nelle cui intersezioni appaiono concentrazioni materiche al limite della tenuta, equilibrio realizzato in uno spazio limitato nella tensione tra possibile ed "eccesso". con l'atelier creativo "il gioco delle forme" (verona 2004) invita alla scoperta di forme primarie, legate soprattutto al mondo della natura, attraverso la prospettiva della terza dimensione, propria della scultura.



bolivar

titolo: protomadi I - 1993

salto - uruguay 1932. vive a parigi. è uno dei protagonisti del movimento madi di cui fa parte in francia. attualmente è segretario del movimento "madi internazionale". le prime opere inoggettive sono del 1975. dipinge su legno e su tela rilievi e sculture mettendo in rapporto piani instabili dipinti con i colori della natura. si interessa di antropologia che vive e reinterpreta artisticamente attraverso la coerente rettitudine ortogonale e il colore suprematista che in alcune tra le più significative opere madi giunge fino al nero. realizza strutture razionali senza cedere a velleità tecniciste o puriste con combinazioni e accostamenti di formati monocromi. le sue opere sono esposte nei più importanti musei del mondo e americhe in particolare.



agostino bonalumi

vimercate 1935. vive e lavora a milano. studia disegno tecnico e meccanico. nel '57 alla galleria pater di milano espone le prime opere pre-pop basate su elementi oggettuali incollati sulla tela. nel 1960 fonda, con manzoni e castellani, l'ormai storica rivista "azimuth". dello stesso anno sono le sue tele monocrome "imbottite". è invitato più volte alla biennale di venezia e san paolo. lavora come scenografo. il suo impegno teorico si esplica attraverso la collaborazione con riviste specializzate e non , in italia e all'estero. rappresentante della ricerca sulla tela estroflessa nell'area milanese utilizza la tela e la sua intelaiatura non come supporto ma in quanto elementi strutturali.



beppe bonetti

titolo: metarazionalità - 1998

rovato 1951. risiede a rovato. alle opere astratte e di impronta surreale degli anni 60 seguono ricerche materiche, cromatiche, l?elaborazione di opere concretiste. dal 79 frequenta ambienti artistico-culturali ed effettua viaggi di studio. dall?83 attraverso una serie di opere sulla "metarazionalità" indaga il rapporto tra ordine e disordine, logico e illogico. nell'aspetto "trasgressivo" non ricerca una ragione di fondo né vuole superare le istanze razionali convenzionali ma affianca a queste l'elemento irrazionale, gestuale, istintivo che ritiene vitalizzante in quanto tale.



fernando bordoni

titolo: "AC-9.90/MN"- 1990

mendrisio 1937. vive a lugano. studia all?accademia di brera. dal 64 al 66 vince tre borse di studio federali svizzere di pittura. riveste incarichi museali per il comune di lugano dove è anche docente al liceo e scuola magistrale. le prime opere inoggettive sono di primi anni 70. al '72-73 risalgono "le pneuimmagini" incise, le geometrie romboidali e i labirinti; al '75-76 i parallelismi verticali; al 75-78 le trasparenze. degli anni 80 sono invece le composizioni alternate e le parole dipinte. le composizioni rivelano strutture modulari proprie della pittura seriale, diagonali racchiuse in quadrati, geometrie romboidali, labirinti colorati, parallelismo verticale, trasparenze monocromatiche.



davide boriani

milano 1936. studi classici ed artistici. è insegnante e teorico. dopo le iniziali esperienze di scenografo alla scala frequenta l'accademia di brera dove entra in contatto con i futuri componenti del gruppo T di milano di cui farà parte. dagli anni 50 intraprende la sua attività avvalendosi di tecniche tradizionali e sperimentali. nel '59 anceschi, lo stesso boriani, colombo e devecchi, partecipano con manzoni e castellani all?organizzazione e attività della galleria azimut. qui incontra mack, mari, massironi, il gruppo motus, con cui condividerà l'esperienza dell'arte programmata e delle nuove tendenze. dello stesso anno è la prima mostra del gruppo t. supera la tendenza all?azzeramento delle arti visive di quegli anni introducendo nelle opere la quarta dimensione, cioè la componente temporale percepibile attraverso il movimento, una variazione imprevedibile ed irreversibile dell?immagine e della struttura spaziale dell'opera. realizza opere con polvere di ferro mossa da magnete e motore in cui micromovimenti fanno pensare a organizzazioni biomorfe. continua la sperimentazione in modo non dogmatico e talvolta non privo di ironia



gloria bornancin

titolo: "righe: 15" - 2004

premosello chiovenda 1962. vive a intra, verbania. studia all?accademia di brera. la sua ricerca comprende l'incisione, le arti grafiche e l'illustrazione. integra l'attività artistica con l'esperienza didattica . è docente di educazione visiva alla sezione sperimentale del liceo artistico di omegna. dal 1986-88 lavora come free-lance per varie agenzie pubblicitarie, tiene corsi d'arte all'istituto tecnico di verbania, opera nel settore dell'incisione calcografica. nel 1988 esegue le prime opere inoggettive. si dedica all?esplorazione concettuale della geometria propone composizioni mosse ed elaborate. utilizza materiali diversi su supporti dove crea composizioni, trasparenze, rapporti di sintesi tra materia, segno, colore che verifica continuamente durante l'esecuzione.



claude bourguignon

titolo: composizione 410 - 2002

parigi 1930. vive a parigi e ousson-sur-loire. dopo gli studi alla scuola di arti applicate di parigi si occupa di disegno pubblicitario per l'industria. lavora all'accademia frochot e nel '62 segue l'insegnamento di henri goetz. dal 1951 inizia a esporre le prime opere di impronta cubista. nel 1970 perviene alle opere di astrattismo costruito. dal '75 all'89 insegna pittura e disegno all'accademia goetz. dal '65 al 90 studia e restaura tavole antiche, moderne e contemporanee per la galleria denis rené e vasarely . nel 2005 è invitato a gyor dalla fondazione mobil museum madi ungherese. non da titolo alle opere caratterizzate da forma e linee essenziali e che considera un mezzo per stimolare l'immaginazione.



andrea bozzolini

titolo: "blue a fez"-1995

poggibonsi 1945. vive a milano. le prime opere astratto-geometriche sono del 1970. la sua operatività si esprime nella scelta di forme quadrate: quadrati in sovrapposizione che determinano una serialità frammentata e sottointendono una espansione modulare. il contrasto cromatico è evidenziato da reticoli opachi e lucidi. si occupa dell'archivio storico del padre silvano bozzolini.



silvano bozzolini

titolo: "le carré rouge"-1994

fiesole 1911 / parigi 1999. collabora alla fondazione del giornale "posizioni" e del movimento "arte d'oggi". del 1946 sono le prime opere inoggettive. nel 47 è ospite a parigi e inizia a frequentare l'ambiente artistico. nel 49 si trasferisce da firenze a parigi in bicicletta. gli anni 50 e 60 sono caratterizzati da intensi dibattiti sull'arte inoggettiva e sui problemi politici dell'epoca. con andré bloch , fondatore della rivista "art d'aujoud'hui", firma il manifesto ed entra nel comitato (1052) del "groupe espace". con jeanne modigliani illustra l'ebdomadario comunista "azione" su racconti di kafka . il suo linguaggio coniuga ritmi che dialogano linearmente in forti tonalità. le superfici acquistano semplificazioni mentre le forme sezionate e in movimento diventano verticali e orizzontali anticipando costruzioni strutturali di non comune ampio respiro.



jean branchet

titolo: milano I - 1999

lons-le-saunier - francia 1934. vive e studia all?accademia di nantes, città che accoglie il surrealismo di breton e il costruttivismo di gorin. prosegue gli studi alla scuola di telecomunicazioni e scienze economiche della sorbonne. nel '63 si trasferisce a parigi. dopo un primo periodo di riduzione stilizzata si orienta a forme asimmetriche ispirate ai totem. del '81 sono le prime opere inoggettive che evidenziano la sua ricerca sulla luce: cerchi, triangoli, quadrilateri in una gamma di possibilità combinatorie con attenzione alla interazione visivo-sonora. strutture caratterizzate da piani di colore bianco rosso e nero. degli anni 90 sono i rilievi, le sculture e le forme découpées. si avvicina alle tematiche del movimento madi al quale aderisce dal 1993.



marina brasili

titolo: pangea - 1992

viterbo 1958. vive a la spezia. studi artistici all'accademia di carrara. le prime opere inoggettive sono nel 1990. è fondatrice dell'associazione culturale "coordinata zero", la spezia, con cui organizza mostre e eventi. tiene moduli di pittura e incisione all' "officina delle idee"(ls) e "coordinata zero". utilizza più mezzi tecnologici, stampa su carta fotografica file originati dal disegno in una compenetrazione tra pittura e fotografia. tenta di tornare ad una arte che sia comunicazione, simbolo, rito sociale non esente da riflessioni esoteriche. nelle opere concrete preponderante è il senso del movimento, la relazione spazio-tempo governata da rigide coordinate matematiche che permettono allo spazio-colore di dilagare o negare. forme geometriche quadrangolari ribaltate e bilanciate nello spazio.



fabrizio breschi

titolo: senza titolo - 1996

livorno 1950. studi artistici a firenze. è professore all'accademia di firenze e di brera. vive a milano. al 74 risalgono le opere denominate "robot". dall?83 dipinge in chiave astratto geometrica. compie viaggi in europa, soggiorna a parigi dove approfondisce le teorie dell'arte contemporanea e sperimenta nuove tecnologie. abbandona gradualmente i colori a favore di un "raffreddamento" cromatico con l'uso del bianco e nero e della sfumatura di effetto volumetrico. nelle ultime opere la costruzione si realizza al centro del quadro attraverso lo sforzo dialettico di forze diverse che si attraggono ma che non si congiungono. in tutta la sua operea, compreso "neon in flux" del 2007, è riscontabile un ponte tra i pionieri del costruttivismo e il futuro.



ary brizzi

titolo: "dominante 2" - 1999

avellaneda - argentina 1930. compie studi artistici a buenos aires. è professore in disegno e pittura murale. fa parte del centro di indagine e ricerca in comunicazione di massa, arte e tecnologia della città di buenos aires. molte le cariche istituzionali. nel 1982 è segretario generale dell?accademia nazionale di belle arti. si avvale di elementi minimi: linea retta spostata nel piano, interazione di piani, spazi e cromi dati per spostamento. l?energia della luce nella distanza tra emissore e ricettore ingenera un contraddittorio sentimento di fugacità e immanenza. il linguaggio è assunto come "in/formazione" di pensiero. considerato un maestro dell'astrazione argentina ritiene inalienabile la verifica della percezione: la gestalt del colore non disgiunta dalla sensibilità e dalle sue aperture.



franco bruzzone

titolo: senza titolo - 2000

altare (savona) 1934. studia lettere moderne ed insegna storia dell?arte nei licei statali . vive a pietra ligure. negli anni 60 è pittore e ceramista ad albissola dove, con altri artisti contemporanei conosce l?artista cubano lam che gli trasmetterà un immaginario-totemico. le forme organiche degli anni 70 si evolvono in senso geometrico. progressivamente identifica un segno chiuso sempre più strutturato e geometrizzato in analogia con la pagina scritta. nei lavori recenti senza ulteriori specificazioni prevalgono progettualità e infinite possibilità combinatorie del segno.



mihaly bucsko

titolo: "rotation" - 1999

budapest - ungheria 1974. compie studi artistici a budapest dove risiede. dal 1989 partecipa alle iniziative del gruppo di encs venendo così a conoscenza delle teorie del costruttivismo. sperimenta più tecniche: serigrafia, scultura, pittura in forma libera e geometrica. trova corrispondenza tra la disgregazione del bordo convenzionale dell'opera e la libertà di pensiero. si avvicina quindi allo spirito del movimento madi di cui entra a far parte. è presente alle maggiori iniziative del madi ungherese e internazionale. realizza strutture geometriche sintetiche dove figure primarie sviluppano più complesse angolazioni risultato di intersezioni virtuali e dove l'equilibrio cromatico è ricercato a partire dalla forma-colore.



giancarlo bulli

senza titolo - 1991

pietrasanta di lucca 1925. vive a cornate d'adda. si laurea in medicina e chirurgia e si dedica alla pittura e scultura. nel 1970 costruisce i suoi primi rilievi inoggettivi. nel 1980 realizza opere in legno di grandi dimensioni con elementi dislocabili relazionati a specifici spazi architettonici. negli anni 90 l'impegno artistico si definisce ulteriormente sul piano sociale, linguistico, programmatico. è cofondatore del "movimento internazionale madi italia". utilizza, gessi, legno, marmi per piani e profondità diverse in relazione con lo spazio. da metà degli anni 90 intraprende un'indagine sul tempo con la mostra "da piero a piet" e "vedere il tempo" giungendo a interpretare il tempo in modo non lineare con opere decostruttiviste

.


simone butti

titolo: verticale - 1990

carpendolo 1912 / 1999. studia all?istituto beato angelico di milano e all'istituto d'arte "toschi" di parma. si occupa di pubblicità. la sua sperimentazione approda all'inoggettività nel 1960. si impegna nella ricerca luce-colore, trasparenza, spazialità. una astrazione geometrica per ipotesi di costruzioni architettonici di città ideali. un ampia gamma di colori sono gli elementi basilari dell?opera.



antonio calabrese

titolo: geometria eccentrica - 1992

roma 1925. è tra i fondatori del gruppo "r73". dal 1960 opera nella ricerca neocostruttivista. predilige il rapporto lineare dedotto da un'idea razionale geometrica. intraprende ricerche con il sistema del calcolo vacuum col quale assume sulla superficie del cartone l'impronta lineare della forma, in un processo di rilievi , di vuoti e di pieni, realizzato con l'aspirazione dell'aria esistente tra il foglio e la controforma.



sara campesan

titolo: luci tecnologiche - 2003

mestre 1924. vive a mestre. compie studi artistici a venezia. nel 1964 partecipa ai gruppi "dialettica delle tendenze" e "set di numero". opera nel campo delle strutture modulari con materiali plastici. del '65 sono le prime opere inoggettive. è presente nel collettivo sincron e alla fondazione di "donnarte" a roma. con il libro oggetto "virginia wolf" continua il suo impegno rivolto alla problematica femminile. nel 1978 fonda "verifica 8+1" . articola la ricerca con due forme di base: il disco, che si trasforma in ellisse e spirale. attraverso tracciati e movimenti minimali realizza vortici cinetici e apparenti tridimensionalità. cerca di formulare nuovi valori tra razionalità ed emotività.



giancarlo caporicci

titolo: reflexions - 1996 napoli 1946. vive a parigi. studia arte a brera (mi) e progetta interventi in spazi pubblici. nel 1983 realizza le prime opere inoggettive basate sul controrilievo e la tensostruttura. costruisce rilievi polimaterici a tessitura orizzontale, verticale, diagonale e modulatori visivi a rilievo parietale: è cofondatore del movimento madi italia. negli anni 90 tiene corsi d'arte nelle scuole primarie a vitry. allarga il suo orizzonte materico lavorando la pietra e coniugando tecnologie avanzate con una consolidata sensibilità formale e costruttiva.



carmelo cappello

titolo: "41/99" - 1978 1919 ragusa. vive a milano. nel 1937 inizia la sua attività di scultore, è eletto accademico nazionale. le prime opere inoggettive sono del 1960. componenti costanti delle strutture: la curva legata nel cerchio oppure inarcata nell'ellissi, un rigoroso equilibrio dei rapporti bidimensionali, peculiarità della superficie. approfondisce la ricerca della scultura in "movimento" e scultura cinetica . costruisce forme dinamiche intorno ad un centro di luminosità.



carmine caputo di roccanova

titolo: - 2004

studi artistici e di architettura a milano. è architetto e insegnante. alla fine degli anni 60 realizza una serie di "quadri polifunzionali". nel 96 è tra i promotori della manifestazione "arte da mangiare-mangiare arte". lo stesso anno sulla rivista "il broletto" viene pubblicato il nuovo manifesto di cucina futurista scritto nel 96. del 2002 è il manifesto artfood. nel 2004 presenta la personale "dettagli" ( vismara, milano) opere dove l'astrazione geometrica risulta applicata rigorosamente ma contestuale ad una riflessione sul manierismo geometrico non priva di ironia come nell'opera "caduta del dettaglio".



lex caral

titolo: "senza titolo" - 1991

parigi 1935. vive a parigi. nel 1982 realizza le prime strutture cromatiche con ampi piani che si intersecano . stabilisce relazioni dialettiche tra forma e contenuto. partecipa alle iniziative del "movimento internazionale madi" contemporaneamente si impegna nel campo della poesia.



maurzia carantani

titolo: "senza titolo" - 1990

genova . vive a bergamo. studi artistici a bergamo. prende le distanze dagli insegnamenti accademici e e si diploma come ceramista. opera nell'abito della ricerca di forme e materiali. porta le sue ricerche nella didattica. insegna nelle scuole linguaggi e tecniche pittoriche, cromatologia, segno e colore. tema fondamentale del suo linguaggio sono elementi ritmici e contrasti, bilanciamenti e squilibri evocanti musicalità e poesia. i cromatismi, nel costante gioco dialettico tra spazio, geometrie e diversi materiali giunge fino ad accostare "nero su nero".



eugenio carmi

titolo: studio - 1996

genova 1920. vive a milano. industrial-designer e grafico progetta e realizza multipli e edizioni d'arte. nel 1965 le prime opere inoggettive. dal 1973 tiene seminari d'arte visiva in molti centri ed università in italia e all'estero. la sua ricerca privilegia schemi logici, figure calibrate di incidenza segnaletica, a unico movimento direzionale. forme geometriche sovrapposte, trasparenze, linee rette e curve, evidenziate da accordi cromatici e scale tonali aprono l'opera a nuove e più profonde dimensioni percettive. in alcune opere coesistono campiture con accordi cromatici ed altre in bianco e nero. a volte sperimenta la fisicità della materia.



ines carnuccio

titolo: resonancias I - 2002

nasce il 1966 a buenos aires dove compie studi artistici alla scuola naz. di belle arti. è docente in disegno e pittura. frequenta un corso di pittura all'università del new jersey e un corso di aerografo con raul mazzoni. gli artisti argentini mc.entyre e ary brizy hanno modo di vedere e sostenere il suo lavoro. oggi vive a barcellona. in uno spazio monocromo e aereo dispiega vibrazioni, ondulazioni, più figure geometriche sinuose, susseguenti e conseguenti oppure nastri in cui il ritmo e la simmetria si alternano a composizioni più libere. attraverso i mezzi dell?arte astratta ricerca esiti di tipo estetico, spirituale e cosmico.



nicola carrino

titolo: decostruttivo - 2004

taranto 1932. vive a roma. compie studi classici e artistici. nel 1963 realizza le sue prime opere inoggettive con i ?costruttivi?. esegue quindi i ?costruttivi trasformabili?: oggetti, sculture modulari in metallo, polistirolo, tela , legno. composizioni che svolge e modifica nel tempo in spazi pubblici. l'uso del materiale è concreto a partire dalle specifiche caratteristiche. la scultura si offre come risultato di un processo trasformativo. sue costanti sono il dinamismo, il rifiuto della simbologia e la sintesi geometrica spazio-temporale.



john carter

titolo: folding planes - 2001

middlesex, inghilterra 1942. vive a londra. le sue prime opere inoggettive risalgono al 1973. costante del suo lavoro è il rapporto pittura-scultura che realizza in "oggetti da muro". le sue caratteristiche bi e tridimensionali sono determinate da superfici piatte, divise con esatte misurazioni in spazi-colore e volumi-masse, con scanalature e fori. l'uso della polvere di marmo intensifica le qualità scultoree delle costruzioni.



lita casparis-luparello

titolo: senza titolo (scultura inox)

segesta 1944. vive a zurigo. studi artistici a catania. realizza le prime opere inoggettive a metà degli anni 70. sperimenta lo sviluppo della linea retta per costruire strutture diagonali, forme quadrate, cubi isometrici. predilige l'alluminio sia naturale che smaltato con colori primari di intensità tonale. progetta e realizza strutture di grandi dimensioni per spazi pubblici.



clarisa cassiau

titolo: transferencia VIII - 1999

nasce il 1957 a buenos aires dove compie studi artistici. nel 1981 compie viaggi di studio in europa e stati uniti. dagli anni 90 sfida i limiti del linguaggio geometrico. struttura e destruttura la linea contemporaneamente spostandosi nel piano, aprendo spazi, rompendo nella virtualità le basi offerte dalla simmetria. supera la dicotomia tra spazio reale e illusorio soprattutto con le pitture-rilievo dove linee in rilievo, colore e incidenza della luce sul piano concorrono alla creazione di opere concrete. il rigore compositivo soggiace e risponde a un substrato razionale ma liberato al dato sensibile in un processo di poetica relazione e spiritualità. il dato dimensionale nella composizione degli elementi conferisce ulteriore identità al suo lavoro.



laura castagno

titolo: "senza titolo"

torino 1938. vive a pino torinese. terminati gli studi in architettura è ricercatrice, industrial design e docente. dirige l'istituto alvar aalto. si occupa di progettazione sperimentale urbanistica e di arredamento modulare. nel 1963 si applica nelle ricerche di organizzazione estetica di segni semplici e complessi e realizza le prime opere inoggettive. le costruzioni tridimensionali in acciaio propongono un sistema flessibile e riutilizzabile, mentre le sperimentazioni policrome presentano gamme di strutture elementari e circonferenze disassiate. il suo approccio progettuale analitico è sovente accompagnato da supporti e materiali originali ed anticonvenzionali.



enrico castellani

titolo: "superficie bianca" - 1997

castelmassa 1930. vive a celleno. studia prima a novara e milano quindi belle arti e architettura a bruxelles. si trasferisce quindi a milano dove conosce manzoni con il quale da vita alla rivista e galleria azimuth. concretezza e spiritualità lo portano a ricercare le potenzialità della superficie della tela nella sua massima tensione e ad elaborare un metodo ideativo costruttivo che sarà la sua cifra costante e rigorosa. nelle superfici degli anni sessanta i colori primari resi brillanti da estroflessioni appena accennate azzerano la struttura compositiva di base per trasformarsi in elemento strutturale unitario. ad una suddivisione matematica in progressione dello spazio alterna elementi aleatori. succedono quindi le opere con abbandono del dato casuale con reticoli calcolati e strutturali. "superficie bianca" del '97 corrisponde al bisogno di assoluto ed essenziale. rifiuto cioè di compromessi con quei linguaggi pittorici che "propongono una problematica spuria, e non essenziale allo sviluppo dell'arte..."(castellani)



alberto cavalieri

titolo: "T.E.N.S." - 1994

genova 1927 - reggimonti di bonassola 2011. studi linguistici. nel 1952 si trasferisce a milano dove vive e lavora fino al 1987. nel 1973 realizza le prime opere inoggettive con sequenza di immagini a sviluppo progressivo strettamente razionale. introduce materiali tecnologici . plastiche e resine e costruisce opere monocrome di pittura segnica. compie ricerche sulla dinamica della diagonale. rispettivamente del 1976 e 78 sono il libro-quadro "i temi - una storia di segni" e "giuliano gramigna-alberto cavalieri" libro composto di dodici poesie e xilografie (milano-zagabria). sonda in modo indipendente soluzioni estetiche non convenzionali.



saverio cecere

titolo: "senza titolo" - 1994

santa paolina 1951. vive a monforte irpino. studi artistici a maracay, venezuela. da subito interessato ai movimenti d'avanguardia nel '67 fonda il collettivo studentesco "dubeca" con cui espone nella piazza della sua città . del '68 sono le prime opere inoggettive. dagli anni 90 affronta il problema dell'espansione dell'immagine nello spazio e supera il limite del supporto ortogonale. costruisce strutture tridimensionali poligonali con il colore in alternanza fra i piani. aderisce al movimento madi. sempre impegnato, conduce la sua ricerca sull'elemento modulare, seriale, compositivo. moduli lineari imprimono segmentazioni con diversi gradi angolari rendendo l'opera multidirezionale e manipolabile. opere come ipotesi di un progetto inteso sia come realtà estetica che oggetto: prodotto e mezzo di sviluppo sensibile.



sandra cendon

titolo: irruption espacial 2 - 1999

buenos aires 1964. studi artistici a buenos aires. è docente di pittura e disegno in diversi istituti. dal 1985 inizia la sua attività espositiva. realizza opere rivolte al presente e al futuro basate su sequenze di luci composte dinamicamente. ricerca un equilibrio nello spazio, nella forma, nel movimento, nel colore. rende percepibile una forza, una tensione attraverso accenti e vibrazioni che arrivano a riscattare la struttura. mentre l'essenza dell'opera si dovrebbe presentare da sé. del 2007 è la partecipazione alla "primera biennal de arte geometrica" in argentina, presenti i maggiori esponenti argentini e internazionali nel campo dell'arte astratta (iniziativa che si distingue per il rifiuto di assegnare premi e l'assenza di una giuria).



alberto cerchi

titolo: in quadrature/tessiture - 2003

la spezia 1960. vive a genova dove compie studi artistici. è insegnante. le prime opere inoggettive sono del 1992. compone con linee verticali e orizzontali in parallelo per inserire un andamento a trama e ordito. nel quadrato esamina la relazione tra spazio e colore. grafico e illustratore, da dodici anni ha avviato con coca frigerio un'attività di laboratori dimostrativi, principalmente nelle scuole materne, elementari e medie, per la diffusione del "metodo munari". ha realizzato percorsi espositivi per la valorizzazione della grafica infantile ed ha sviluppato ricerche sulla costruzione del libro d'artista. tra le altre esperienze: le collaborazioni con il centro per l'arte contemporanea" l.pecci" di prato e la mostra-laboratorio al "sesc pompeia" di san paolo del brasile.



carolina cerverizzo

titolo: interconexiones III - 1999

nasce il 1950 a buenos aires dove studia arte e insegna pittura. dal 1978 inizia la sua intensa attività espositiva. inserita nella tradizione del costruttivismo contemporaneo ne trattiene la sua funzione decantata e rigorosa. la sua sensibilità ha registrato tutte le tappe concettuali e formali dell'astrazione geometrica. la risultante è una grande libertà con cui opera la creazione di un linguaggio che non si limita al puro visibilismo ma lo carica di metafore e allusioni.



louis chagnon

titolo: della serie "la ligne droite" - 2002

parigi 1955. storico di formazione è insegnante. dal 1995 si dedica interamente all'arte realizzando opere tecnicamente ascrivibili alle esperienze dell'arte concreta. ritiene l'arte una ricerca spirituale rivolta all'assoluto, per definizione inaccessibile. pur scrivendo testi sull'argomento ne rifiuta ogni teorizzazione definitiva. ritiene che oggi sia l'individuo e una libertà acquisita, non contrastabile, a sostituire ciò che fu proprio dell?avanguardia. realizza dipinti, collages, rilievi che alternano nella composizione vibrazioni e nuove forme in un sereno equilibrio.



giovanna chiarlo

titolo: "senza titolo" - 1996

alessandria 1962. vive a siniscola. studi artistici. le prime opere inoggettive sono del 1990. strutture in ferro smaltato si sviluppano con base triangolare, lati morbidi e sinuosi. utilizza colori forti che hanno la funzione di evidenziare il movimento formale e conferire dinamismo. il giallo, il rosso e il verde interagiscono sia con la freddezza del materiale che con la forma. propone costruzioni dove il gioco tra pieno e vuoto si unisce all'equilibrio dato dall'attrito tra diversi materiali e colori. materia ed aria, finito e infinito si incrociano, si uniscono e allontanano.



alberto chubac

titolo: "senza titolo" - 1996

genéve 1925. vive ad aspremont. studi artistici a ginevra e parigi. molti i viaggi-soggiorno in europa, africa e america. negli anni 50 conosce l'ambiente artistico parigino. al 52 risalgono le prime opere astratte, al '57-58 le tele astratte della "scuola di parigi" e le sculture con materiali di recupero. nel 58 a nizza entra nel "laboratorio 32". è il primo esponente della "scuola di nizza" a esporre a new york ('60). degli anni 80 sono l'environnement ludico e i mobiles. nell'88 torna al legno, cartone, fili e all'astrazione geometrica in quanto semplicità ed economia costruttiva "dettata dalla progettualità dello spirito piuttosto che dalla forma". costruisce strutture bi e tridimensionali, superfici piane spaziate su griglie risultanti da studi geometrici di base. propone giochi combinatori in una gamma selezionata di colori.



miki cisani

titolo: "senza titolo" - 2004

giuseppe d'addario

titolo: "struttura cromatica" - 2004

dal 72 fa parte della compagnia "teatro 3". considera il teatro amatoriale un momento culturale di carattere sociale, momento di libera interazione tra le persone. parallelamente si interessa di grafica, fotografia e pittura. realizza composizioni con larghe sezioni angolari compenetrate dove la stesura nella sua componente materica permane irrisolta.

verticali e diagonali. i colori scuri costringono i colori chiari in spazi limitati, rendendo subalterna la struttura. nelle opere più recenti struttura l'opera ortogonalmente.



nino di salvatore

titolo: spazio gestaltico curvo 41 - 1988

verbania 1925. vive a milano. nel 1947 realizza le prime opere inoggettive. fonda e dirige la "scuola politecnico di design". nel 1949 entra nel "mac". il percorso operativo si precisa con risultati gelstatico-concreti, le ovali asimmetriche, primo e secondo archetipo, il cerchio e il quadrato con un ulteriore definizione dello spazio gestaltico e gestaltico-curvo. la spazio é inteso come psicopercettivo perchè non é soltanto il risultato della presenza del materiale ottico, ma anche della partecipazione dell'osservatore.



pasquale ciuccio

titolo: work n.1631 - 1998

napoli 1950. dal 1973 al '77 vive in inghilterra dove nel '74 inizia la sua attività artistica. dal 1977 vive in svizzera. tende a superare l'opera singola attraverso il dittico o lavori a più elementi dove possiamo riscontrare elementi seriali, la disposizione ortogonale o il taglio percepibile come indifferenza o "durata" "...necessario a mettersi in sintonia con l'opera". con le sue opere cerca di captare il silenzio e invitare alla contemplazione. usa forme elementari per arrivare all'essenziale. lavora con pochi colori, sovente nero e blu, intesi sia in senso spirituale che psicologico.



geneviève claisse

titolo: vide monopolaire - 2002

1935 quiévy. vive a parigi. del 1958 è la prima esposizione. dal 1961 espone regolarmente da denise rené. si appassiona per gli scritti teorici di kandinsky e di herbin di cui sarà assistente. si trasferisce a parigi. fin dall'inizio del suo lavoro affronta il problema della composizione a partire dal binomio fondamentale forma-colore. col tempo sottolinea l'importanza dell'organizzazione dello spazio e del movimento. tende ad una nuova visualità priva di ridondanza. attraverso passaggi obbligati sperimenta il colore con intensità per raggiungere composizioni sempre più lineari. aliena da un fare meramente tecnico condivide una visione del mondo chiara, razionale, scientifica, antioscurantista.



bruno coen

titolo: senza titolo - 1998

nasce il 1939 a milano dove vive e lavora. si diploma all'accademia di brera. amico di ennio morlotti frequenta il suo studio. inizia la ricerca artistica nel 1980 con grande speranza e libertà pervenendo all'astrazione. tematiche della sua ricerca sono raccolte nelle opere denominate: studi materici monocromatici, geometrici e informali. dal 1996 al 98 nel silenzio dello studio ligure realizza le tele presentate poi nel 2000 nella mostra dal titolo "il silenzio della ricerca". contemporaneamente scrive il libro di poesie "respiro delle stelle". nel 2006 è la mostra "50 artisti per il sorriso di un bambino" all'arengario a milano.



renzo colognese

titolo: "ritrovare le regole" - 1997



danilo colombi

titolo: "composizione n.101/99" - 1999



gianni colombo

titolo: "senza titolo" - 1991

milano 1937. studi artistici all'accademia di brera. nel 1959 realizza i primi rilievi monocromi. fonda il "gruppo T" con anceschi, boriani, de vecchi e varisco. progetta, sperimenta e realizza opere a carattere ambientale per sollecitare le funzioni percettive dello spettatore attraverso il movimento, le intermittenze, la luce artificiale e generatori elettronici. realizza la "topoestesia", "lo spazio eleastico", "lo spazio curvo", e "lo spazio diagonimetrico". ultima testimonianza di una vita dedicata alla sperimentazione.



michelangelo conte

titolo: "angolare"



liliana contemorra

titolo: "senza titolo" - 2003

genova 1926. vive a genova. realizza le prime opere inoggettive a metà degli anni 70. problema base della sua ricerca: rendere visibile un processo formativo, cromatico, compositivo, plastico, di strutturazione architettonica. predilige il metallo, i materiali plastici i colori primari. realizza tele, sculture, ambienti concepiti con i mezzi della psicologia della forma, del colore della materia pervenendo ad un insieme spazio-forma. le sue opere si misurano con lo spazio superando i limiti del piano ortogonale. è tra i fondatori del movimento madi a genova.



ivan contreras brunet

titolo: évocation gothique - 2001

1927 santiago del cile. vive a parigi. le prime opere inoggettive sono del 1952. nel 1968 a parigi è tra i fondatori del gruppo "co.mo." (constructivism et mouvement). i suoi rilievi mobili provocano, attraverso il movimento, rapporti strutturali di colore in uno spazio tridimensionale nel quale si muovono masse sospese, instabili e trasparenti in poetiche gradazioni cromatiche.



elisabetta cornolò

titolo: guardando l'europa - 2003

luino 1965. vive a maccagno. si diploma all'accademia di brera insegna a luino e collabora col civico "polo museale della fondazione parisi-valle". nel 1989 realizza i primi lavori inoggettivi. si dedica alla progettazione e creazione di opere bi e tridimensionali. usa materiali particolari come il silicone. i suoi lavori offrono risultati compositivi variabili con dissimetrie dinamiche. l'uso del colore è concreto oppure con predilezione per il contrasto forte e chiaro in bianco e nero. superati i limiti del formato ortogonale dal 2004 fa parte del movimento madi internazionale.



toni costa

padova 1935. nel 1960 con chiggio, landi, massironi e biasi fonda il "gruppo N". come tutti i gruppi cinetico-visuali è coinvolto in una ricerca e sperimentazione collettiva. è quindi coorganizzatore di una serie di attività che lo vedono impegnato sul piano della ricerca visuale, della musica concreta e dell'industrial design. il suo orientamento verso il costruttivismo è dunque reinterpretato attraverso l'impegno e la teoria del gruppo. alla sua iniziale proposizione optical succederanno invece le proposte cinetiche e dell'arte programmata. oggi gestisce in comproprietà una società sportiva. con il gruppo N è presente in numerose mostre nazionali e internazionali.



franco costalonga

titolo: "operazione E 96" - 1996

venezia 1933. vive a chirignago. partecipa ai gruppi ?dialettica delle tendenze?, ?sette? e ?8+1?. nel 1967 realizza le prime opere inoggettive. nel 1976 aderisce al gruppo di artisti del centro culturale "verifica 8+1" di mestre. dopo le tensioni passa agli oggetti cromocinetici, ai corpi speculari deformati, strutture a doppio elicoide, oggetti sui gradienti di luminosità, strutture sui movimenti della simmetria pseudorilievi. arricchisce le sue indagini percettive di nuove aperture metaforiche, liberamente allusive a immaginative virtualità spaziali.



salvador costanzo

titolo: nova 32 - 1997

nasce il 1940 a buenos aires dove compie studi artistici. è professore di pittura e arti visive alla scuola nazionale di belle arti. con altri maestri argentini come maldonado, ary brizzi, carmelo arden quin apre nuove possibilità di ricerca nel campo dell'astrazione. nella sua opera è presente l'aspetto intenzionale, espressivo e concettuale. ha realizzato tele, collages e libri d'artista. lavora sulla condizione di "déplacement" della forma in uno spazio geometrico virtuale. l'opera come un campo di forze attrattive conduce nella profondità dello spazio pittorico e della meditazione come esercizio laico del "sacro". dal 1981 al 96 in piena maturità artistica rifiuta sia il nuovo a tutti i costi che lo scontato criticando una tendenza che capovolge ed equipara i due aggettivi.



henk crowel

titolo: "n.86" - 2004





carlos cruz diez

titolo: adicion por cambio de frequencia - 1988

caracas - venezuela 1923. vive a parigi. studi artistici a caracas e parigi. nel 1960 si trasferisce a parigi e realizza le prime opere inoggettive. è professore di arti plastiche alla scuola di comunicazione sociale e università in venezuela. ha diretto la cattedra di ricerche cinetiche alla scuola sup. nazionale di belle arti. punto di partenza della ricerca sono le "fisiocromie" che generano atmosfere cromatiche per un effetto puramente fisico, giustapposizioni di bande lineari strette, il cui colore si legge diversamente secondo la posizione dello spettatore e la sorgente di luce. realizza le "cromosaturazioni". lo studio del colore nelle continue maturazioni è determinante anche per gli interventi nello spazio architettonico. è tra i massimi rappresentanti di arte cinetica in venezuela.



marco currò

titolo: lucigrafia - 1996

1964. vive a vigevano. dopo gli studi è fotografo giornalista. soggiorna in molte città europee e nordamericane. lavora professionalmente con l'agenzia "photofinish" nel 1885-88. per la sua ricerca e critica si concentra sulla qualità e ridondanza dell'informazione. interessato all'arte concreta ricerca l'essenzialità pervenendo nel 1988 alle prime fotografie "non oggettive" dove la luce è fotografata in quanto tale. da queste esperienze nasce la serie ?lucigrafie. usa il mezzo fotografico con indipendenza e creatività. le opere, costruite in modo controllato, nell'interazione tra materiale, colore, riflessione e rifrazione evidenziano originali particolarità della luce.



salvatore cuschera

titolo: "respiro di un rettangolo n°5" - 1993

scalino 1958. vive a milano. studi artistici presso l?accademia di brera. nel 1984 le prime sculture inoggettive in lamiera colorata, concepite come sintesi di espressività plastica, pittorica e architettonica. la struttura è determinata da una verticale asimmetrica rispetto al piano orizzontale che imprime dinamismo. usa in prevalenza il ferro o lamiere, verticali con colori primari.



miro cusumano

milano 1938-1987. studi artistici a milano e viaggi culturali in europa e nord africa. inizia ad esporre nel 1957 con la "1°mostra di pittura universitaria" quindi alla mostra nazionale di disegno di lissone. alla fine degli anni cinquanta intraprende discontinue esperienze informali per orientarsi, subito dopo, al superamento della gestualità. a partire dal 1967 precisa la sua ricerca sui moduli cerchio-quadrato a colori-complementari. del '74 è la mostra alla staaats-und-universitatsbliothek di amburgo e partecipa alla rassegna "le connessioni simultanee" alla maison de la culture di namur (fr). il suo lavoro si evolve attraverso campi relazionati in forma agerarchica, libera. quasi si trattasse di materializzazioni consentite in qualunque punto dello spazio e che qui emergono visivamente attraverso un pulsare intermittente di segmentazioni, tratti cesurati, semi e archi di circonferenza. la presenza di microstrutture concentriche diversamente orientate crea campi visivi originali in atmosfere cosmiche rarefatte.



giuseppe d'addario

titolo: "struttura cromatica" - 2004

dal 72 fa parte della compagnia "teatro 3". considera il teatro amatoriale un momento culturale di carattere sociale, momento di libera interazione tra le persone. parallelamente si interessa di grafica, fotografia e pittura. realizza composizioni con larghe sezioni angolari compenetrate dove la stesura nella sua componente materica permane irrisolta.



suzanne daetwyler zihlmann

titolo: "quadro magico 3x3, diradarsi, addensarsi" - 2005

berna, ch 1948. artista operante a basilea. nel 2005 è presente in olanda all'importante salone internazionale di arte concreta e costruttiva "concret VIII" nata dalla collaborazione tra il mondriaanhuis e la tedesca dülmen kun gallery. è membro di visarte, società svizzera di arti visive. si ispira all'astrazione geometrica e per questa mostra propone un'opera composta ortogonalmente in delicate tonalità cromatiche.



denise dall'olio lang

titolo: IV '05 - 2004-5

vienna 1964. studi artistici e di grafica al politecnico di milano. nel 1989 è visual designer, designer grafica a vienna, dusseldorf, parigi e milano. artista indipendente, dal 1993 espone in austria e italia. la pittura costituisce il centro di gravità della creazione artistica con lo scopo utilizzando la forma e il colore, d'ottenere un equilibrio tra spirito, cioè costruzione, e anima vale dire intuizione. queste due componenti si condizionano e influenzano reciprocamente. si avvale delle molte possibilità date dai materiali e dalla tecnologia



oskar d'amico

titolo tam gram-madi composition - 1994

castel frentano 1923 - albuquerque (new mexico) 2003. ha vissuto ad albuquerque. ha studiato arte e frequentato l'università di architettura di napoli. negli anni 60 si trasferisce a new york, abbandona le iniziali posizioni espressionista-figurative per concentrarsi sulla composizione astratta. negli anni 70 definisce la sua idea di costruttivismo "nuova geometria". in francia nel 93 incontra arden quin, aderisce al movimento madi e diviene uno dei fondatori del movimento madi statunitense. ad albuquerque fonda la galleria madi arte struktura international inc.



marcello de filippo

titolo: silver-blue-green k.37 -2002

nel 1957 a roma approfondisce gli studi artistici e di scenografia. nel 61 è premiato dal centro sperimentale di cinematografia. collabora con visconti e fellini. dagli anni 60 ha rapporti con ambienti artistici del tempo. usa acriticamente materiali nuovi e tradizionali: p.v.c,?eternit?; legno, rame. ricerca la chiarezza progettuale quale manifestazione di un lucido stato di coscienza. sostituisce lo spazio generico con una situazione percettiva: verifica della sua e nostra condizione.



eef de graaf

titolo: "triangulaire vormen verwerkt in kwuadrant - 2005

delft, olanda 1939. studi all'accademia di amersfoort. il suo lavoro si ispira all'arte costruita. giunge all'astrazione geometrica con opere monumentali e oggetti-sculture dalla forma triangolare o piramidale. le figure o volumi talvolta sono composizioni modulari oppure simmetriche. talvolta due triangoli sembrano riflettersi con una distorsione a effetto prospettico. sovente nel comporre su formati triangolari utilizza contrasti molto forti come bianco, nero e giallo.



roland de jong orlando

titolo: " ritmo / 15 gradi" - 2004

schijndel 1961. studi artistici a tilburg e amsterdam. ricopre ruoli istituzionali: associazione nazionale scultori olandesi, fondazione "arte e cultura" di zijpe (nl). ritiene le infinite forme naturali riconducibili a pochi elementi geometrici di base. utilizza assi a profilo tondo o quadrato per organizzare, combinare, manipolare le opere. lavora liberamente e in modo avvincente dando vita a molte soluzioni. evita scelte troppo sistematiche, le anomalie sono analizzate e talvolta inserite con forme estranee. gli elementi così ricomposti formano un nuovo intero che è più della somma delle parti. il progetto globale, sempre visibile, risulta realizzato attraverso ripetute micro-deviazioni nello spazio. Tutte le forme venute all'esistenza tramite l'ordine si possono ricondurre a forme primitive quale il cerchio, il triangolo, il quadrato e le loro equivalenti nello spazio



pino de luca

titolo: "sequenza di tracce di un quadrato distorto" - 2003

monteroni di lecce 1939. vive e insegna a genova. studi artistici aroma. si interessa alla musica e alle varie tecniche artistiche. al 1964 risalgono le prime opere inoggettive. partecipa al ?manifesto della nuova visualità 1985?. le sue opere risultano cofigurazioni di segni concreti formati e strutturati ritmicamente nello spazio del "campo" da una visualità costruita. l?elemento privilegiato della sua ricerca è il colore che si realizza in una gamma dai toni freddi e caldi. tende a delimitare le strutture geometriche anche in giochi di trasparenze e richiami. utilizza vari formati anche tondi all'interno dei quali compone le sue opere.



guy de lussigny

titolo: "moria" - 1997

cambrai, francia 1929. vive a parigi. le prime opere inoggettive risalgono agli anni sessanta. crea uno spazio con assenza di prospettiva, equilibri formali precisi e alternanze cromatiche. alla base il quadrato di diverse dimensioni, linee rette in costruzioni complesse e logiche.



mario de maio

titolo: "piccola costruzione scenografica" - 1990

milano 1928-2010. laureato in geologia si occupa di musica, teatro, editoria. del 1962 le prime opere inoggettive. approfondisce la caratterizzazione visiva e tattile delle superfici e l?intervento della luce nei rapporti forma-colore-spazio. esegue scansioni verticali in rilievo e assemblaggi di telai quadrati, monocromi. nell'85 è tra i redattori del manifesto della "nuova visualità". esegue collages cartacei e composizioni lignee, strisce e tavole strappate o spezzate, allineate o sovrapposte dove una luce tagliente e radente mette in luce le proprietà materiche e invita a riflessioni.



gianfranco de palos

titolo: microstruttura - 1998

sesto san giovanni, mi. si dedica allo studio della musica, agli studi classi e artistici a brera. nel 55 è strumentista. nelle sue opere non è da sottovalutare il riferimento al ritmo come scansione del tempo nello spazio e nella superficie. i contrasti sono tradotti geometricamente e composti a partire da superfici circolari o semicirconferenze piene, vuote; onde, linee. struttura le sue opere su formati non convenzionali pubblica aforismi e poesie in cui è evidente l'impegno sociale. del 92 è la mostra ?un punto per pieno? a brera.



davide de paoli

titolo: serie "superfici dimensione materiche" - 1991

milano 1936. vive a milano. dopo gli studi classici frequenta l?accademia di brera. la prime opere inoggettive sono del 1970. approfondisce una ricerca sulla superficie nei possibili sviluppi tridimensionali e i sui materiali come il bronzo, il ferro, il rame. da forme geometriche di base realizza strutture di piccole e grandi dimensioni anche per interventi ambientali. apre un laboratorio e una scuola di lavorazione artistica del metallo nel quartiere isola di milano oggi oggetto di cronaca perché minacciato di sfratto come molti altri cittadini del quartiere.



renato de santi

titolo: anticanone 1 - 2000

nasce il 1956 a castelfranco veneto dove risiede. studia scenografia a venezia e teatro comunale di treviso. illustra il libro ?teoria e uso del colore?. dagli anni 80 insegna storia dell?arte nelle scuole e nell?88 è collaboratore con l?università di padova. nel 77 realizza le prime opere inoggettive. a partire da forme geometriche elementari compie ricerche sulle strutture modulari. si interessa di problemi inerenti la percezione, la forma, il colore. considera l?ordine progettuale una necessità ma anche un mezzo. predilige bianco e nero in quanto dialogo degli opposti, complementarietà tra luce ed oscurità.



daniel de spirt

titolo: trasparenze - 1993

parigi - francia 1947.vive a parigi. la prime opere inoggettive sono del 1974. i tratti colorati e autonomi definiscono gli spazi nello spazio e ne diventano rivelatori. la trama quadrata è in supporto al colore e nella evoluzione della ricerca subisce una rotazione, proponendo l?essenzialità della forma.



gabriele de vecchi

titolo:?se lo guardi è 1 se li guardi i quadrati sono 2?-1990

milano 1938. vive e insegna a milano; fondatore del ?gruppo t?, architetto, designer, progetta e realizza argenti. le prime opere inoggettive sono del 1956, seguite dalle ?superfici vibratili e pulsanti? da ricerche sulla vibrazione e instabilità connesse alla condizione cinetica del campo percettivo e fenomenologico. realizza ambienti a strutturazione angolare, intermittenza cromatica, ombre portate, parametri virtuali, stimolazioni percettive, un ambiente cromostatico circolare, i cronorama.



gilbert decock

titolo: quadri - 2000

knokke - belgio 1928. vive a knokke. studia all?accademia di bruges, le prime opere inoggettive sono all?inizio degli anni ?70. evidenzia strutture lineari essenziali, ricorre alle forme geometriche elementari del cerchio e del quadrato, confrontandole, sovrapponendole, combinandole nella simmetria di costruzioni assiali in bianco, nero grigio.



francois decq

titolo: "senza titolo" - 1990

parigi - francia 1951. vive a castillion. nel 1980 le prime opere inoggettive. propone strutture in cui l?astrazione diviene geometria, connessa alla scultura. costituisce forme razionali a piani sovrapposti in una ampia gamma cromatica. nella complessità della costruzione l?incisività della diagonale diviene elemento portante. partecipa al ?movimento internazionale madi francia?.



elvira del rosso malacrida

legnano 1915. è insegnante. nel 1942 costituisce il m.a.s.f.i. e per questo è condannata dal regime ad un anno di carcere. lavora come disegnatrice tessile e stilista. realizza scarpe ed accessori. quindi come stilista rivolge la sua attenzione al metallo. progetta gioielli e si occupa di didattica. nel '77 tiene corsi di storia e teoria della moda contemporanea. l'esperienza nel campo dell'arte applicata le permette di proporre opere dove affronta e risolve problemi concreti inerenti la struttura, la composizione e il materiale.



hugo demarco

buenos aires 1932 - parigi 1995. è professore di pittura e disegno a buenos aires. nel '63 si stabilisce in francia. del '56-59 le due prime collettive a buenos aires. nel '61 la sua prima personale da denise rené a parigi. introduce nelle sue opere elementi riflettenti che suggeriscono l'idea del movimento reale. trasferisce problemi ottici nell'arte lumino-cinetica che arricchisce usando una luce "nera" o violetto intensificando così la relazione tra forme, spazio e movimento. le sue opere sono fondamentalmente animate da una continua ricerca, poiché questa favorisce lo sviluppo dell'immaginazione evitando di cadere in un sistema ripetitivo o in uno stile accademico. coerente all'ideale cinetico di una maggiore qualità del lavoro di gruppo rispetto a quello individuale partecipa a numerose mostre collettive dedicate all'arte cinetica e programmata.



gioppé di bella

titolo: "senza titolo" - 2003

milano 1940. vive a milano. le prime opere inoggettive sono del 1972. nel 1967 è ospite al "villaggio artisti" di sesto san giovanni centro di scambi culturali tra artisti italiani e stranieri negli anni 60-70. la sua ricerca perviene ad una superficie speculare con linee incise e tagli netti. realizza opere di rigore geometrico mediante la modulazione delle sezioni, formate da un insieme di incisioni, da cui una si eleva, generando con la sua tridimensionalità una quarta misura dello spazio delineata dalla luce riflessa. usa preferibilmente materiale plastico e acciaio inox ma sperimenta volentieri anche i materiali tecnologici di uso quotidiano.



antonio di maria

titolo: ?rot gelb blau?-1991

catania 1946. vive a zurigo e wigoltingen, svizzera. studi di ebanisteria e visita alla scuola di catania. le prime opere inoggettive sono del 1974. dal 63-68 più soggiorni all'estero. nel 64 apre un atelier a zurigo e si confronta con il concretismo svizzero. nell'88 è co-fondatore del "gruppo X". interessato ai problemi del cromatismo nello spazio crea, con il colore e con i triangoli e i rombi accostati, nuove e più ampie figure evidenziate dalle linee


konrad dietrich

titolo: senza titolo - 2000

zurigo 1944. vive a firenze. studi artistici a basilea. è artista e geometra. soggiorna in svizzera, francia e canada. frequenta l'istituto di restauro di firenze, città dove svolge l'attività artistica occupandosi di teoria del colore e della forma. interessato alla scienza rifiuta la sua mistificazione. ha vasti interessi culturali: trasferisce e reinterpreta la profondità di un mandala avvalendosi di strumenti scientifici desunti dall?ambito culturale da cui proviene. indaga il campo della teoria del colore e della forma. riferimento ultimo nella sua ricerca resta il processo neurofisiologico e percettivo. si interessa a formulazioni matematico-geometriche del rapporto colore, termicità, emotività e indici di ricorrenza del ritmo neurovegetativo.



piero dorazio

roma 1927. con perilli, accardi, attardi, consagra, guerrini, sanfilippo e turcato danno vita al gruppo "forma 1". il manifesto ne puntualizza l'indirizzo in difesa di un'arte astratta e marxista. del '53 è la prima personale a new york. in quegli anni inizia a rompere le superfici geometriche in un tessuto ordinato ma inquieto di segni-colore. la luce e il colore diventano sempre più centrali nel suo lavoro. un tessuto molto fitto di linee libere, elementari, parallele si susseguono con andamenti sovente obliqui in sovrapposizioni e trasparenze che ne moltiplicano profondità e tonalità.



angelo dozio

titolo: reticolo blu - 1985

merate 1941. vive a merate. nel 1969 realizza le prime opere inoggettive. la sua ricerca si concretizza in forme basate su una logica di rapporti dimensionali. una segni e colori per esprimere l?energia, la durata, la vibrazione. il colore è denso e intenso le linee poggiano su andamenti e parallelismi orizzontali e verticali. costrisce anche strutture dinamiche per andamenti urbani.



colette dupriez

titolo: percezione trasformazione di due superfici quadrate - 1998

lille - francia 1945 milano 1997. studia a lille e a parigi. nel 1963 esegue le prime opere cinetiche. realizza volumi messi in movimento attraverso un fluido di base, in realizzazioni condizionate dalle leggi di gravità. in altri casi il tema della specularità ad essere centrale: l?immagine riflessa e l?ombra sono protagoniste dell?opera, in cui forme, linee e volumi sono esposti ad ambiguità percettiva. privilegia plexiglas e acciaio inox per gli effetti di trasparenza, specularità e deformazione.



pablo francisco edelstein

titolo: serie-cinta duble de moebius - 1962/99

nasce il 1917 in svizzera e trascorre l' adolescenza in europa. nel 1935 ottiene la cittadinanza argentina. dopo vari anni dediti all?attività agricola essendo alunno di lucio fontana e sotto la guida di J.larco e r.soldi si dedica pienamente alle arti plastiche. per tre anni è docente quindi ricopre l'incarico di assessore alla cultura. dalle sue prime ceramiche, pitture, disegni, busti di personaggi contemporanei passa alla lavorazione dei metalli. realizza opere anche monumentali, scrive articoli e tiene conferenze. dal 1977 espone e realizza sculture sperimentando nuovi materiali sviluppando un ricco linguaggio che relaziona al "millennio industriale". affronta problemi inerenti la materia e la forma nello spazio.



graciela elizalde

titolo: lineal 2 - 2003

artista argentina. realizza opere geometriche dense di ritmi ed effetti di trasparenza. costruisce opere con la tecnica del collage in una cromia misurata ma chiara e vivace.



emmanuel

titolo: senza titolo - 2003 nasce il 1946 a parigi dove vive. nel 1976 espone alla galleria denis rené composizioni, trame di carta grigie, nere, bianche in cui la sovrapposizione oltre a valori geometrici crea una profondità ottica. utilizza vetro e speciali pellicole giocando con l?ambiguità del bianco e nero riflesso e invertito. ciò che nella pellicola è bianco si trasforma in nero e ciò che è piatto nello specchio diventa rilievo. ?l?opera sprigiona una forza fascinosa: a metà tra il rigore del filo di piombo e il passaggio all?oscillazione, alla perturbazione possibile...? (a.g.gnuyen) con denise rené partecipa all?esposizione dall?astrazione geometrica al cinetismo? marsiglia 1981



leo erb

titolo: "originale" - 1991

sankt ingebert 1923. vive a kaiserlautern - germania. terminati gli studi è insegnante. le prime opere inoggettive sono del 1947. nel 77 è presente a "documenta", kassel. parte da forme geometriche di base che si precisano mediante la sovrapposizione, incastri e slittamenti di piani in una rotazione illusoria che si estende nello spazio prefigurato. la prospettiva e il bianco assoluto assumono un ruolo determinante per strutture e rilievi parentali. percorsi luminosi sottolineano l?andamento dei campi in successione scalare.



rita ernst

titolo: linee nel rosso - 1996

nasce il 1956 a windisch. vive a zurigo e in sicilia. studia arte a basilea. nel 1982 atelier-soggiorno a parigi. espone dal 1990 in molti paesi d?europa. si rifà alla tradizione delle avanguardie storiche dell'arte concreta. alle composizioni in rilievo alterna tele di forte contrasto e intensità cromatica. la coesistenza di vaste campiture grigie e piccole aree di colori saturi, vivaci è strutturata e presume sensibilità della dinamica cromatica e psicologica. equilibrio, ritmo, modularità sono liberamente trasgrediti, sottesi o utilizzati suscitando paesaggi mentali che sanno confrontarsi con le più avanzate esperienze dell'arte contemporanea.



istvan ezsias

titolo: homonna n.12/D - 1999

nasce il 1943 a vinar, ungheria. risiede a budapest. studia arte. nelle arti applicate è seguito anche dal padre pittore. ha come primo interesse estetico le strutture del microcosmo. nel 1960-70 si rivolge alle avanguardie artistiche europee in particolare costruttiviste. oppone un'arte razionale a fronte dell?odierno attacco mediatico e della confusione tra "inconsistente e consistente". del 1976 è la scultura madi "omaggio a lissitsky" dove forma, colore, materiale concorrono nel conferire dinamicità all'opera. solleva questioni sulla relazione tra idealità, linguaggio e concretezza del reale. negli anni 90 lavora con il gruppo di scultori e artisti di colonia presenti al simposio internazionale ?artisti in gyor? (h). fa parte del movimento madi ungherese.



celestino facchin

titolo: sincroeuritmie - 1999

farra d'alpago, belluno. vive a belluno. dal 1960 compie viaggi studio in molti paesi. dal 68 al 71 è in argentina, brasile, uruguai dove compie studi perfezionando le sue tecniche e conoscenze. conosce gli esponenti delle avanguardie artistiche del neocostruttivismo. entra in "set numero" di venezia, "sincron" di brescia e nell'associazione culturale autogestita "verifica 8+1". inventa particolari figure geometriche implicanti situazioni matematiche che rivelano aspetti formali paradossali. si interessa di fisica, fisiologia delle forme e del colore. per le sue opere utilizza colori puri, accesi. costruisce spazi virtuali avvalendosi di elementi geometrici. figure geometriceh paradossali o metamorfiche che interagiscono psicologicamente con il pubblico.



giulio fain

titolo: cromo strutture - 1990

s.vito al tagliamento 1933. vive a bolzano. dal 1970 svolge ricerche sui fonemi cromatici raggiungendo risultati originali e percettivamente stranianti. nel 1975 realizza le prime opere inoggettive. dall'82 al 86 realizza "la linea armonica, articolazioni minime e elemntari".sviluppa un modulo geometrico matematico che denomina ?radice di 36? per un architettura cromatica. miscela i colori complementari e costruisce le forme in composizioni di piani decostruiti. negli anni 90 esce dal quadrato chiuso per una configurazione più libera e dinamica. aderisce al ?movimento internazionale madi italia?. nel 96 partecipa alla rassegna curata da attilio marcolli "decostruttivismo"



janos fajo

titolo: LW . nr: 920 - 1999

nasce il 1937 a oroshaza, ungheria. vive a budapest dove studia arti applicate e pittura decorativa. nel 1966 realizza le prime opere costruttiviste. nel 69 compie viaggi di studio in europa occidentale. lavora con vasarely e nel 79 stringe amicizia con max bill. diviene assessore artistico del binder studio di budapest. superata la convenzione del piano quadrato o rettangolare negli anni 90 entra a far parte del movimento madi internazionale. la struttura delle opere è di largo respiro e si relaziona sia con lo spazio esterno che interno alla composizione. affronta la dicotomia tra costruzione ortogonale e linea obliqua, tra micro e macro dimensioni, tra bianco e nero. il dispiegarsi dell?opera nello spazio e una percezione traslata si misurano con un'ambiguità solo apparente.



maria pia fanna roncoroni

titolo: oggetto gioco grafico - 1975

milano 1941. vive a villorba (tv).studi d'arte e grafica a milano, ginevra e buenos aires. dal 1965 si dedica alla scultura e nel 1977 inizia la sua ricerca sul segno-simbololuilei e sul labirinto. con sara campesan e ad altri sei colleghi nel 78 fonda il centro culturale verifica 8+1 di mestre, punto di riferimento internazionale dell'arte strutturalista. dallo stesso anno inizia a occuparsi anche di mailart. dal 91 chiude la sua ricerca sul segno-simbolo luilei e sul labirinto. realizza i "libri muti". le opere ispirate all'astrazione geometrica sono composte da triangoli, quadrati in progressione sovrapposti che si spostano, si assemblano, si ricompongono in un gioco dinamico. opera sulle dualità e opposizioni, espresse anche attraverso contrasti cromatici.



alida fasano

titolo: "è mio" - 1992

milano 1950. vive a milano. studi artistici a monza e al politecnico di design nino di salvatore. realizza le prime opere inoggettive nel 1980. compie ricerche sulla comunicazione visiva e sul colore. la composizione si evidenzia attraverso campiture di colore uniforme progettualmente strutturate mentre per il grado di definizione è lasciato spazio alla peculiarità del mezzo espressivo. le composizioni modulari, variando nei ritmi e nel colore, creano piani e fondi che si intersecano e si sovrappongono ora avvicinandosi ora sfuggdo chi le guarda. spazi scanditi da forme geometriche e da linee di forza che sembrabo suggerire percorsi obbligati.



jean claude faucon

titolo: "senza titolo" - 2004

bruxelles - belgio 1939- 2006. vive a bruxelles. studia accademici e di disegno. si dedica all'insegnamento sostenendo sempre le iniziative didattiche rivolte all'arte. nel 62 realizza le prime opere inoggettive, pubblica un saggio sui contrasti di colore e compie ricerche sulla psicologia delle forme. frequenta artisti d'avanguardia. considera l'arte "una messa in discussione perpetua che catalizza la contestazione intellettuale o crea gli idoli di una società". elabora ricerche sull?accostamento e sovrapposizione di spazi poligonali e campite uniformi, evidenziati da colori a stesura piatta. negli anni 85 aderisce al ?movimento internazionale madi? di cui diventa coordinatore per il belgio.



magdalena fernandez arriga

titolo: senza titolo - anni 90

caracas - venezuela 1964. vive a caracas. studi in matematica e fisica a caracas, arte grafica alla boston university e a milano dove risiede durante gli anni 90. costruisce le prime strutture razionali nel 1989. le opere sono realizzate in funzione della geometria e di griglie dinamiche. di forme pure e modulari, dalla relazione tra pieno e vuoto, ritmo e movimento costruisce spazi ambientali per l?intervento dello spettatore. il suo lavoro si basa sulla sperimentazione visulae. il materiale (sovente trasparente) è messo nella condizione di interagire con le infinite possibilità strutturanti dello spazio, della luce e del pubblico.



elena fia fozzer

titolo: cromosettoriali - 2003

trento 1937. vive a trento. compie gli studi classici, frequenta l?accademia di venezia e di brera. le prime opere inoggettive sono del 1978. tiene corsi d'arte e propone le sue opere in sedi didattiche. costruisce i ?cromosettoriali dislocabili? per l?intervento dello spettatore: forme geometriche di base, triangoli e cerchi, in legno, tela, magnete, risolti in gradazioni cromatiche. progetta e realizza installazioni ambientali. struttura l'opera con più elementi tondi o poligonali liberamente interagenti nello spazio. è confondatrice del movimento internazionale madi italia.



ennio finzi

titolo: "cromoespansione : bianco e nero" -1971

venezia 1931. vive a mestre. si diploma all?accademia. nel 1950 entra nei movimenti veneziani d?avanguardia e realizza le prime opere inoggettive. scopre la dodecafonia e si appropria del principio della "dissonanza". segue un periodo di riflessione che lo avvicina alle teorie gestaltiche sulla fenomenologia della percezione. dagli anni 80 evidenzia la potenzialità del nero in contrasto col colore o tonalità più luminose all'interno di una spazialità strutturata. si avvale di tensioni espressive in cui il colore e la trasparenza si appropriano di caratteristiche denotative.



ole folmert hansen

titolo: "komposition" - 1992

copenhagen - danimarca 1937. vive a copenhagen. studia a praga e realizza le prime opere inoggettive all?inizio degli anni ?70. costruisce aree di colore definite in cui linee diagonali, orizzontali e verticali si proiettano l?una sull?altra o si sovrappongono per poi riemergere. la forma arrotondata del cerchio ammorbidisce l?immagine, in cui la linea è figura costante, che suggerisce associazioni direzionali. i colori creano un effetto cinetico.



piergiovanni fontana

titolo: "attimo" - 1999

pescia 1957. vive a pescia dove è assessore del comune. compie studi di architettura. recentemente realizza opere su lastre di materiale plastico ?forex? tagliato e piegato a caldo. predilige il bianco e nero. le superfici sovrapposte, traforate, découpée diventano rilievo talvolta dilatandosi in ondulazioni più o meno estese, compresse o condizionate dalla gravità.



mirella forlivesi

titolo: "rosonecometa" - 1985

pisa 1929. vive a milano. studia all?accademia di firenze. insegna disegno, arredamento e storia dell'arte. dai primi anni 60 frequenta gruppi d'avanguardia: il gruppo "tekne", il "gruppo 66" e centri culturali come "sincron" e "verifica 8+1". da subito interessata alla tridimensionalità realizza microsculture e gioielli. all?inizio degli anni ?70 esegue le prime opere inoggettive, componibili ed estensibili, dove volumi piramidali ribaltano e articolano la facce perimetrli svelando spazi interni. sceglie la diagonale come punto di partenza; la linea che divide le figure quadrilatere, divergendo negli angoli quali punti magici e perfetti. sperimenta vari materiali tecnologici come il plexiglas nelle sue componenti luminose. negli anni 90 aderisce al movimento madi italia



salvatore fornarola

titolo: "studio X progetto cromatico dalla scultura alla pittura"

penne 1936. vive a fermo. studi artistici è insegnante di decorazione a penne. nel 61 è chiamato a fermo da prezziotti che fonda una scuola d'arte dove insegnerà a molte generazioni di studenti nel laboratorio della sezione ceramica, ben attrezzato e tecnicamente al passo con le tecnologie più avanzate. le prime opere inoggettive sono del 1975. privilegia nelle costruzioni tridimensionali la malleabilità dell?argilla, risolvendola dialettica interno-esterno nella dinamicità delle forme. nelle opere bidimensionali propone ipotesi geometriche dove il colore interviene con chiare, trasparenti tonalità.



franco reale frangi

titolo: apertura al centro - 1996

milano 1933. vive a milano. fonda le riviste ?incontri d?arte?, ?art studio?, ?inform art?. nel 1989 sono le prime opere inoggettive. la ricerca è volta nel campo delle materia plastiche con studi sullo spazio-ambiente; realizza la ?cellula-abitale? in cui esplora le relazioni create da forme negative-positive, elabora la destrutturazione e l?aprirsi di forme immaginate con una interpretazione dell?archetipo del doppio. è cofondatore del ?movimento internazionale madi italia?



coca frigerio

titolo: "studio arte gioco: intarsi lineari"

milano 1937. vive a genova e milano. si diploma all?accademia di brera, nel 1962 progetta una scenografia concretista in materiale plastico trasparente e successivamente forme strutturali geometriche. è parte dell'ambiente artistico e culturale milanese degli anni 60-70. si dedica all'attività didattica nelle scuole, organizza laboratori creativi e pubblica libri. la sua operatività passa dalla linea colorata, che si intreccia in forme-superfici, ai labirinti di linee prospettiche e alle strutture modulari ambientali.



simonetta frigerio

titolo: "trasmigrazioni" - 2000

milano 1971. vive a milano. studia danza, letteratura, turismo. soggiorna in inghilterra dove approfondisce la lingua alla cambridge university. prende parte alla rassegna di poesia seguita da gian carlo majorino al bertoldt brecht di milano. fa parte di arte gioco con cui propone laboratori munariani nelle scuole materne. studia scienze dell'educazione. il suo lavoro rigorosamente geometrico insegue una modularità tendente al cinetismo. gli accostamenti cromatici sono ristretti a poche tonalità, a volte binarie.



joël froment

titolo: "limite" - 2003

versailles - francia 1938. vive a parigi e montreuil. studi artistici a parigi. realizza le prime opere inoggettive alla fine degli anni ?70. costruisce forme in rilievo basate sull?accostamento o spaccature di quadrati monocromi, dipinti in colori piatti uniformi. la stesura del colore ai bordi realizza effetti tridimensionali. dal 1985 fa parte del movimento madi internazionale dove ricopre la carica di presidente. sviluppa studi sul colore inteso come energia. le forme-colori diventano elemento costruttivo dell'opera creando relative accelerazioni, rallentamenti, continuità.



aldo fulchignoni

titolo: reticoli spaziali - 2003

napoli 1935. vive a napoli. già nel '55 espone con artisti di avanguardia. nel 1958 lavora come scenografo in brasile. ad una prima fase geometrica con colori armonizzati liricamente segue una maggiore metodicità. l?opera nella sua integrità plastica non viene più offerta come entità geometrica rappresentativa ma come valore spaziale, conoscitivo; principio morfologico di altre entità possibili. dalla fine degli anni 90 entra a far parte del movimento madi. nelle opere più recenti propone tensioni spaziali progettate tenendo conto della dinamica cromo-costruttiva. studia le infinite possibilità di combinazione ed equilibrio tra forme geometriche. realizza opere con incastri in legno di forme geometriche di vario spessore, bacchette che fuoriescono dal nucleo compositivo creando ulteriori dinamiche vettoriali.



willy furrer

titolo: "objekt nr.111" - 1992

zurigo - svizzera 1930. vive a zurigo. frequenta scuole specializzate di legatoria e disegno grafico. le prime opere inoggettive sono del 1984. caratterizzazione del suo lavoro è integrale la ricerca formale dell?arte con i valori e le tecniche dell? ?artigianato. parte dei principi della geometria, divide il campo con interventi di bande cromatiche per costruire spazi rettangolari perimentralmente sottolineati da colori più forti.



walter fusi

titolo: diagonali nel bianco - 1976

udine 1924. vive a firenze. terminati gli studi artistici a siena nel 45 si iscrive all'accademia di belle arti di firenze. frequenta l'ambiente artistico fiorentino ancora diviso tra il carisma di rosai e isolate ricerche d'avanguardie. tra il 58 e il 64 si svolge la sua esperienza informale che sfocia in una ricerca che implichi valori conoscitivi e razionali. negli anni 70 approda all'astrattismo geometrico raggiungendo un raro equilibrio. dal 65 alla fine degli anni 70 è a milano dove sperimenta le possibilità del concretismo. a quel periodo risalgono le tele tridimensionali. tornato a firenze tenta di conciliare segno, gesto, colore e sperimentazione di nuovi mezzi.



gyorgy galgóczy

titolo: "diagonale blu" - 1999

budapest 1952 dove risiede. si occupa di pittura, scultura, oggetti mobili, fotografia, computer grafica. nel 1992 è cofondatore del gruppo di avanguardia "in strumentum". quindi lavora come organizzatore al museo xantus janos e come fotografo per alcuni quotidiani. nel '96 entra in contatto con lo studio di architettura "ras". si pone l'obiettivo di un'integrazione tra arte, architettura, disegno. si interroga sul ruolo dell'arte, sulla sua attribuzione di valore e potere comunicazionale, multimediale oggi. fa parte del movimento madi internazionale.



antonio gallinaro

titolo: "strutura fondacion quadratos" - 1999

napoli 1943. vive ad ecolano. insegna arte a torre annunziata. è legato ai fondamenti dell'astrattismo europeo e al "mac" (movimento arte concreta). intende il lavoro di gruppo in senso aperto. per le composizioni geometriche e modulari utilizza materiali industriali. dagli anni 70 con "oggetto ondulato" propone una maggiore dinamicità. lavora anche nello spessore dell'oggetto sollecitando una continuità percettiva verso l'interno. evidenzia contraddizioni misurate piuttosto che l'assoluto dell'unicità.



bruno gambone

titolo: "bianco" - 1990

salerno 1936. vive a firenze. nel 1963 si trasferisce a new york quindi nel '67 a milano. le prime opere inoggettive sono del 1962. prosegue con grande coerenza nel suo personale linguaggio plastico, la strutturazione della superficie in forme quasi "vibratili" nella loro dinamicità. con la tela estroflessa è tra gli artisti dell'area milanese a sperimentare nuove possibilità. considera la tela e il telaio elementi costruttivi e non semplici supporti. forti tensioni emergono dall'interno verso la superficie dell'opera attraverso rigidi volumi, elementi angolari, spigoli che modellano, urtano, deformano la tela.



marco lino gandini

titolo: "reve" - 1990

torino 1937. vive a roma dove è docente. nel 1964 realizza le sue prime opere inoggettive con strutture geometriche di grande formato. si pone problemi concreti e di metodo. approfondisce la sua ricerca sui valori cromatici, timbrici e tonali. propone sovrapposizioni che si prestano a letture multiple. costanti della sua ricerca sono le forme romboidali e ritmi cromatici in funzione spaziale. colori, toni, alternanza di piani, articolazioni di linee determinano sulla superficie una diversità di livelli interagenti che definiscono otticamente lo spazio.



lorenzo gandolfo

titolo: "mondo virtuale n.3" - 1997

lavagna 1955 dove risiede. studia arte a genova dove è insegnante. del 1986 sono le prime esposizioni. muove da esperienze optical senza ulteriori definizioni teoriche. a partire dallo spazio e dalla luce propone, entro spazi geometrici semplici, effetti ottici e prospettici accostando il colore al bianco e nero. significativa è la mostra degli anni 90 "il movimento virtuale" esplicitamente dedicata a victor vasarely.



miguel gandolfo

titolo: "senza titolo" - 2002


mendoza, argentina 1965. vive a mendoza. studia arte ed è professore di arti plastiche e scultura. nel 1987 realizza le prime opere inoggettive. interessato alla tridimensione realizza scenografie e mobili con tecnica di ebanisteria. lavora con barre di legno: elementi prismatici articolati angolarmente in diversi gradi, in successione, talvolta modellati in superficie con decori preventivamente contraddittori. le sue opere riflettono una tensione latente, alcune sono circuiti chiusi, labirinti risolti in una loro interna saturazione, altre si dispiegano libere in uno spazio che sembra in formazione.




titolo: "heinz gappmayr" -

innsbruck 1925 dove vive. realizza forme geometriche strutturate avvalendosi di linguaggi astratti convenzionali e di simboli da lui stesso elaborati. struttura testi attraverso spazi, cesure, significati che sollecitano associazioni logiche. mantiene una netta separazione tra concetto ed oggetto (significato/significante). concetti e categorie quali spazio/tempo; quantità/qualità sono idee da non confondere con i singoli oggetti della percezione. mette a confronto i due termini concetto/oggetto introducendo i primi nei corrispondenti spazi reali sollecitando così da parte del fruitore nel confronto tra i due (termini) il nascere "dell'esperienza" estetica.



augusto garau

titolo: "composizione" - 1990


bolzano 1923. vive a milano dove è docente di teoria della forma al politecnico. le prime opere inoggettive sono del 1949. è tra i fondatori del movimento di arte concreta "mac". conduce una sperimentazione sulla psicologia della forma e la percezione del colore. pubblica saggi sui risultati dei suoi studi. nelle opere bidimensionali confronta piani elementari intersecati e sovrapposti in trasparenze cromatiche luminose. realizza opere dipinte ad olio dove si concretizza la sua ricerca sul rapporto colore-forma.



ferruccio gard

titolo: "venezia " - 1990

vestigne 1940. vive a venezia. nel 1970 esegue le prime opere inogettive. nel '78 approda coerentemente al neocostruttivismo proseguendo però in modo non dogmatico le ricerche dell'ultima avanguardia del secolo: la gestalt. si concentra sul rapporto spazio/luce, sul cromatismo e sulla percezione visiva. le modulazioni spaziali e cromatiche si concretizzano in costruzioni basate su quadrati in rotazione nei quali l'instabilità apporta dinamicità all'opera.



alberte garibbo

titolo: "silice" - 1990

monaco 1946. vive a nizza. del 1974 sono le prime opere inoggettive. attraverso l'immagine geometrica rivela un interesse per gli spazi divisi in linee longitudinali al fine di recuperare forme geometriche ascendenti. propone una sobrietà cromatica ricorrendo al bianco e al nero.



anna maria gelmi

titolo: "stella" - 1992

trento 1943 dove vive. studia all'accademia di brera e a venezia. gli esordi del 1970 si caratterizzano da subito attraverso l'astrattismo geometrico. dal '73 si confronta con diversi materiali: plexiglass, plastica, vetro. degli anni 80 sono le opere in bianco e nero. le trasparenze lasciano quindi il posto al colore e all'oro. lavora sul concetto di perimetro e soglia. interpreta l'architettura quale segno del tempo lungo i secoli. definisce perimetri, spazi ponendoli dialetticamente a confronto tra spazio e tempo, memoria storica e quotidianità, spazio simbolico e concreto.




karl gersner




paolo ghilardi

titolo: "ns-ci-153" - 1977

bagnatica 1930. vive a bergamo dove è insegnante. le prime opere inoggettive sono del 1968. costante il tema della rappresentazione virtuale della tridimensione, la struttura uniforme del colore, la regolarità delle campiture in un processo di razionalizzazione. attualmente perviene al segmento cromatico unico e alla figura dinamicamente aperta e seriale.




andrzej gieraga

titolo: "nokturn" - 1999

sliwniki 1934, polonia. compie studi artistici a lodz. grafico, disegnatore e insegnante evidenzia una particolare proprietà all'interno di un sistema dinamico. il risultato, selettivo e sintetico è proposto come processo quale estensione del pensiero visivo a nuove esperienze. con la sua ricerca indaga le stratificazioni e dimensioni della materia facendo emergere nuovi spazi. realizza opere in rilievo in carta e legno dove la composizione in molti casi supera i confini convenzionali del piano.



julien gil

titolo: "ort riojax" - 2004

logrono (la roja) spagna 1939. vive a madrid dove insegna. costruisce le prime opere inoggettive nel 1979. partecipa al gruppo "nuova generazione". le costruzioni bidimensionali basate sulla ripartizione del quadrato saturano la linearità perimetrale con colori che definiscono uno spazio dove la configurazione è stabilita da rapporti matematici.



denise gilles

titolo: "112" - 1998

martelange, belgio 1942. studi artistici a verviers dove vive. la sua pittura è inizialmente influenzata dalla potenza della natura: foresta nera e provenza. si interessa poi ai motivi astratti dei tappeti persiani. i viaggi nelle antille improntano il suo cromatismo. dalla fine degli anni 80 la ricerca artistica corrisponde a una riflessione interiore che nel 91 confluisce nel lavoro astratto. alterna partiture su superfici ortogonali a texture con diverse luminosità radenti. sovente il nero, colore dell'invisibile coesiste con l'immanenza e profondità del blu.



fabrizio giorgi

titolo: "G+1a/11" - 1992

livorno 1943. vive a livorno. le prime opere geometriche sono del 1983. sperimenta varie forme espressive. ricerca una struttura nella quale interpreta il segno simbolico, geometrizzato, riferibile ad immagini primordiali. le campiture figurano in sequenze ritmiche, in forme dinamiche spezzate e contratte, sottolineate da forti toni cromatici.



jo girodon

titolo: "quadrato in diagonale" - 1992

périgueux, francia 1926. vive e insegna a perigueux. realizza le prime opere inoggettive nel 1965. sperimenta il colore nelle sue applicazioni e possibilità cromatiche. la sovrapposizione delle immagini del quadrato pone in primo piano un risultato tridimensionale. fa parte del movimento internazionale madi.



franco giuli

titolo: "quadrato in diagonale" - 1991

cerreto d'esi 1934. vive a fabriano e a roma. del 1965 le prime opere inoggettive. si interessa al rapporto colore-luce, spazio-tempo. sperimenta materiali per opere angolate di grandi dimensioni. torna alla pittura col colore su juta. lavora sulle volumetrie creando piani illusori che evidenziano una tridimensionalità pittorica sottolineata dall'intervento di colori accesi. entra nel movimento madi italia . realizza elementi che si relazionano nello spazio, allontanamenti o potenziali ricongiunzioni con incastri solo parzialmente complementari avvalendosi anche di disegni a matita tracciati direttamente sulle pareti.



hansjorg glattfelder

titolo: "mir 218" - 1967/72

zurigo 1939. compiuti gli studi in diritto e artistici si trasferisce a milano. dal 65 al 68 prosegue nelle ricerche sulla permutazione lineare e simultanea di vari colori. gli allineamenti ortogonali a distanze regolari si trasformano in orditure e intrecci cromatici. opta quindi per strutture a rilievo piramidale otticamente instabili. dagli anni 80, con le intersecazioni e aberrazioni prospettiche, struttura l'opera dall'interno superando sia il formato che la composizione ortagonale convenzionale. interagisce percettivamente con la sensazione di profondità.



betty gold

titolo: "senza titolo" - 2004

austin, texas 1935. risiede a venice, california. pittrice, scultrice, fotografa. realizza opere tridimensionali di grande formato per ambientazioni urbane. il materiale metallico è verniciato oppure presentato a partire delle sue peculiarità materiche come ad esempio un velo di polvere di ruggine di ferro. le opere di minori dimensioni sono in bronzo o indoor con iserti in legno o acciaio spesso dipinti. la serie in acciaio è composta da angolari con pesanti tagli o saldature dove emerge l'interesse per una geometria complessa, per il movimento, lo spazio, la forma. fa parte del movimento internazionale madi.



jerzi grabowski

titolo: "struktura codu cyery cifrato" n.6 - 1996

varsavia, polonia 19933-2004. studia architettura. esperto d'arte grafica è docente in molte università europee. le prime opere inoggettive sono del 1975. la ricerca verte nel campo della pittura, del disegno e della grafica proponendo sequenze di immagini cromatiche e razionali. nel quadrato analizza e individua forme geometriche a campiture spaziale, ripartite attraverso calcoli matematici e colori saturi. in opere più recenti figure affusolate come squarci di luce si aprono nello spazio con colori che si avvicendano, sfumando.



franco grignani

titolo: "stella angolata" - 1993

pieve porto morone 1908 - milano 1999. architetto, teorico, sperimentatore si dedica al graphic design, alla fotografia e alla pittura affrontando i problemi della percezione visiva. le prime opere inoggettive sono del 1934. la costante della sua operatività che parte dall'assunto "ricerca come arte" è la continua evoluzione delle qualità formali. sviluppa una geometria atta a creare effetti bi e tri dimensionali attraverso l'astrazione, subpercezioni, distorsioni, permutazioni, induzioni, vibrazioni, psicostrutture, diagonali nascoste, fino alle rotazioni quadruple e molte altre sperimentazioni che lo porteranno alla creazione di spazi virtuali del tutto originali.



dorota grynczel

titolo: "composition u. 1" - 2002

jacowlany, polonia 1950. vive a varsavia dove studia e insegna arte all?accademia. l?interesse per il mondo naturale e la sua coerente complessità si riflette nell?attenzione al biomorfismo; riferimento riscontrabile nel suo lavoro in cui coesiste il ?sempre uguale? in-differenziato e la differenza. realizza trame in tessuto a cui viene sottratto materiale fino a mostrare la struttura di base. ha esposto nei più importanti luoghi del costruttivismo storico polacco.




paolo gubinelli

titolo: "spazio/luce" - 2003

matelica (marche) 1945. vive a firenze. studi artistici a macerata. coltiva interessi musicali. nel 65 si trasferisce a milano approfondendo lo studio della grafica e dell'architettura. entra a contatto con l'ambiente artistico milanese. soggiorna a roma e frequenta lo studio di uncini. dal 68 risiede a firenze. lavora essenzialmente sul materiale cartaceo. tratta la carta con incisioni, piegature, tagli inferti su acquerelli dalle tonalità rarefatte. del 76 sono le opere su cartoncino bianco. installa mostre anche in luoghi di contemplazione relazionandosi con lo spazio con formati non convenzionali. lunghi papiri si srotolano sospesi o posati. il bianco unito al morbido materiale tattile e ai solchi, talvolta ripiegati, conferisce luminosità alle opere.




rené guiffrey

titolo: "page 178" -

carpentras, francia 1938. vive a parigi. le prime opere inoggettive sono del 1965. approfondisce il problema della materia luce. costruisce la trasparenza con sovrapposizioni di lastre di cristallo per trovare il punto focale della luminosità. sceglie una forma geometrica di base per costruire strutture nello spazio con effetti ridimensionali. i quadrati sovrapposti creano sollecitazioni percettive mentre la neutralità del bianco e la trasparenza sembrano oltrepassare i limiti dell'opera.




nicole guyhart

titolo: senza titolo -
2000

rennes, francia 1948. da sempre opta per un'opera non ridondante e rigorosa. negli ultimi dieci anni il suo lavoro è ancora più costruito. si basa su rapporti esistenti tra superficie e forma, tra simmetria e asimmetria, tra statica e dinamica: in una parola sull'opposizione degli elementi. nel 1999 crea un gruppo di astrazione geometrica in seno al famoso "salon d'automne".




istvàn haasz

titolo: "linee nel quadrato" - 1999

nasce il 1946 a goncon, ungheria. vive a parigi. nell?88 è professore all?accademia di design (arte) e mestieri di budapest. negli anni 90 ottiene 2 borse di studio alla pollock-krasner foundation di new york. espone in molti paesi d?europa. compone piani orientati in più direzioni che risultano in rilievo. le forme con angoli leggermente enfatizzati suscitano geometrie e evidenziano un interesse gestaltico e una strutturazione incisiva ma essenziale. sovente le opere sono percorse e sezionate in senso prevalentemente verticale e talvolta orizzontale da solchi più evidenti che definiscono nette partiture lungo tutta l?opera.




istvàn harasztÿ

budapest, ungheria 1934. risiede a budapest. dal 1960 al '70 frequenta il desi hubere fine arts circle. realizza disegni decorativi con hammered e chain goods. ottiene l'incarico di decoratore del centro attila josef di budapest. già negli anni settanta con "cicada III" realizza una scultura dalla struttura mobile dove leve, pesi e contrappesi in equilibrio producono movimenti dati dalla gravità e inerzia entro una traiettoria circolare. è disegnatore di interni e curatore di allestimenti scenici. dagli anni ottanta è membro di varie associazioni artistiche e dal '93 dell'accademia di letteratura e arte széchenyi. utilizza i materiali a partire dalla loro specificità.



rity jansen heitmajer

titolo: "senza titolo" - 2004

amsterdam 1942. studi artistici e di grafica a amsterdam, di arte applicata a madrid e all'ateliers'63 di haarlem. perviene all'astrazione geometrica, il suo punto di partenza spesso è un concetto matematico. forme geometriche tagliate, chiuse e sovrapposte. attraverso il controllo delle forme nella loro interposizione e in relazione all'unità sviluppa differenze. ne risulta tradotto simultaneamente lo stao di tensione e/o armonia dell'opera




octavio herrera

titolo: "trasparenze" -1991

campo basso carobobo 1952. vive a evry (F). studia a maracay. le prime opere inoggettive sono nel 1977. agli inizi degli anni ?80 la ricerca affronta i problemi di una immaginaria costruzione archittetonica, rapportata a una struttura bi e tridimensionale. il bordo diviene vaso comunicante con lo spazio; le trasparenze cromatiche contribuiscono e evidenziare la tridimensionalità. in opere più recenti affronta il problema della rarefazione e sfumatura del colore quale elemento percettivamente spiazzante con effetti di espansione dello spazio. fa parte del ?movimento madi internazionale?.




lászló herzczegh

titolo: "20x20" - 1999

artista ungherese presente a molte delle più importanti manifestazioni madi esegue opere poligonali relazionate nello spazio. sue opere sono presenti nel madi mobil museum di budapest.




max huber

titolo: "silenziosa coerenza" - 1978-80

baar - svizzera 1919. vive a davesco-soragno (ch). studi artistici a berna, gent (belgio), roma. numerosi i viaggi in europa e oltreoceano. parallelamente alla pittura si è dedicato alla progettazione e al visual design. le prime opere inoggettive sono del 1940. ha preso parte al gruppo concretista ?allianz? e ha partecipato alle attività del ?mac?. realizza forme basate su rapporti geometrici e logici in un confronto di linee, curve e segmenti di rette; i colori luminosi accentuano il movimento della struttura.




stefano iakeo

titolo: ?asse di ampliamento?- 1993

baiano 1962. vive a milano. si diploma all?accademia di brera. nel 1988 realizza le prime opere inoggettive. si occupa di teatro, di musica e filosofia. progetta e costruisce moduli e spazi atemporali, diretti all?interazione compositiva, alla trasformazione della forma.




nicole istvan




herman jara

titolo: "diagonale en vert foncé" - 2000

realizza opere dalle tonalità sature dove trasparenze e composizione di elementi geometrici creano effetti prospettici e invitano a letture multiple. predilige la pittura ad olio.




anto jerkovic?

titolo: "circolo blu" - 1994

tuzla (bosnia) 1958 - scomparso. studi d'arte a zagabria. è membro del ?master painters workshop hazu?. negli anni 80 è presente in un clima artistico caraterizzato da conflitti generazionali che tende a risolvere cercando una conciliazione. sostituisce al nero delle tele ?monochrome paintings 3? dell'85 il blu che considera etereo e immateriale, contrapposto alla gravità e peso del nero. vuole così indicare la purificazione della materia, del gesto, dell?espressione, dell?improvvisazione in modo da integrare il lato umano dell?esistenza con la spiritualità. utilizza iscrizioni ed oggetti attivando l?attenzione sul loro significato in una interattiva potenzialità espressiva tra sensibilità visiva, cromatica e universo semantico.




maria ester joao

titolo: "moto perpetuo x" - 2003

buenos aires 1944. studi di architettura a bueno aires. è architetto. inizia l'attività artistica nel 1987 nel corso di creatività integrale martin-crossa. vive a buenos aires e milano. durante gli anni 80 soggiorna alcuni anni in italia. realizza opere utilizzando il colore bianco dove la composizione geometrica è evidenziata dalla superficie della tela in rilievo o con textura varibile data dalla stesura di pigmento o materiali di diversa densità. il bianco unito alla estrema definizione e precisione della costruzione geometrica crea un senso di calma, purezza e silenzio. in alcune opere emergono effetti di spazialità virtuale, in altre la costruzione è maggiomente oggettivata. le opere presentano simmetrie e composizioni circolari, con cerchi concentrici deassiati, oppure costruzioni reticolari sottoposte a contrazioni e addensamenti.




edoardo jonquières

titolo: "senza titolo" - 1993

buenos aires - argentina 1918 parigi 2000. studi artistici a buenos aires. è docente di storia dell'arte a buenos aires la plata. le prime opere astratto-geometriche sono del 52. è subito attirato dalla bauhaus, diffusa in quel periodo in america da albers e dal gruppo argentino "art concret". nel '50 a buenos aires anima il gruppo "arte nuevo". coltiva interessi poetici , letterari, pittorici. lavora in campo culturale all'ambasciata di francia in argentina. si trasferisce in francia. nel 58 è menbro dell'unesco. la sua opera è "poesia filosofica con preoccupazioni etiche". realizza lavori ad olio dove il motivo pittorico si organizza in equilibrate composizioni geometrico-razionali dai toni ombrosi di mezze tinte, dai cromatismi analitici e dove talvolta sono presenti elementi-relief.




michel jouet

titolo: "verticalità" - 1990

chalet - francia 1943. viva a chalet. le prime opere astratto-geometriche sono del 1970. la sua ricerca è volta ad individuare nella superficie monocroma assoluta un elemento che interrompe la spazialità uniforme per creare il dinamismo. composizioni lineari essenziali in bianco e nero o grigio.



herbert kapitzki

titolo: "dru 1" - 1991

danzica - germania 1925. vive a wilvberg e a berlino. insegna all?università di berlino. realizza le prime opere inoggettive all?inizio degli anni ?50. sviluppa forme geometriche, sezionandole in rette per costruire, sulla base della spirale un?immagine rotatoria in divenire su impercettibili tessiture programmate.



meta keppler

titolo: "art builds europe" - 2004

nasce il 1943 a reutlingen. vive a dresda in germania studia disegno tessile e esercita libera professione alle scuole superiore di nuertingen. dagli anni 90 espone in pubblico. nel suo lavoro l?ortogonalità, il quadrato è considerato come esperienza terrestre riflesso di un pragmatismo di eredità calvinista . la maggiore libertà compositiva dei vari elementi e colori è invece attribuita al cielo. la vivacità e profondità cromatica è data dall?accostamento di colori primari e tonali. del 2000 è la partecipazione al simposio internazionale costruttivismo-arte concreta in polonia.



branco kolaric

titolo: "rv 20" - 2005

pola (croazia) 1957. studi di grafica a zagabria. espone dal 1987. le opere non oggettive risalgono alla fine degli anni 80. fa parte del "grupa portun" con il quale partecipa a iniziative alla "casa della cultura" di rovigno. realizza opere fondamentalmente geometriche dove non nasconde l'aspetto materico e (in alcuni casi) gestuale. usa e compone rilievi con materiali contemporanei, tecnologici, naturali.



laszló kovács tamás

szeged, ungheria. risiede a budapest. in seguito a studi artisti, in scultura in particolare, è insegnante. dal 1986 è membro del camp of fine art di encs, gruppo di artisti riuniti attorno all'artista jànos fajó. dall'87 all'88 espone alla galleria m. dell'università tecnologica di budapest. con lo scultore csiky espone in una serie di mostre dal titolo "mediation". dal 1990 al '94 partecipa come membro alle iniziative del "latent element group" a budapest, eger, coesfeld e gyor. propone oggetti tridimensionali polimaterici che si misurano interagendo nello spazio sotto il profilo sia strutturale che formale ponendoci di fronte ad un fatto particolare.



anneke klein kranenbarg

titolo: "senza titolo" - 2004 krommenie, olanda 1961. vive a zaandam (nl). è attiva nel campo dell'arte visiva dal 87. lavora con la geometria avvalendosi di calcoli matematici, forme, rettangoli, quadrati, cubi che compone su lastre di plexiglas trsparente o opalino traforate dove lo spazio interno è relazionato attraverso fili di nylon. nelle opere composte sui due piani più distanziati e percorsi dai fili si creano spazi ed ombre, sollecitazioni percettive date dal fruitore che muovendosi coglie effetti di cambiamento, bi-tridimensionali. parte dall'ovvietà quasi inconsapevole della visione per sottolineare "l'importanza del modo in cui siamo in grado di osservare".



alfons kunen

titolo: "diagonal fraktal, FZ 2002/15" - 2002

neheim-husten 1923. studia ingegneria e costruzione macchine. dal 1950 all?82 lavora nella grande industria. ottiene la nomina e lavora come ingegnere, scultore e pittore autodidatta. dall?89 realizza sculture concreto-costruttive. entra nel gruppo di lavoro ?transformation? e ?alpha?. negli anni 90 approfondisce il tema del quadrato e dei frattali. espone in europa e in particolare in germania e polonia. propone sequenze logico-geometriche strutturate insistendo sulla diagonale.



antonia lambele

titolo: "enterpe" - 2005

liegi 1943. perviene all'astrazione geometrica e supera il formato ortogonale dell'opera. fa parte del movimento internazionale madi belgio.



edoardo landi

titolo: "influenza cromatica" - 1961-98

san felice sul panaro 1937. vive a vigliano biellese. le prime opere inoggettive sono del 1959, anno in cui fonda il "gruppo n". con il gruppo affronta ricerche d'avanguardia in campo cinetico e gestaltico. si avvvale dell'apporto della scienza per dare strumenti multimediali alternativi al condizionamento mediatico. ad una irrazionalità metafisica del fare arte, iconografica o simbolica, viene contrapposto l'uso di tecnologie e materiali correlati a ricerche e metodologie proprie della scienza in genere. si indagano dunque ipotesi o esemplificazioni formali relative principalmente ai processi o fenomeni percettivi. nel 61 partecipa al "movimento internazionale nuova tendenza ricerca continua" ed è presente alla manifestazionedella galerja suvremeneumjetnosti di zagabria. nel 65 forma il "gruppo enne 65" con biasi e massironi. punto di partenza è la ricerca sui processi percettivi individuali, nella progettazione di un'ipotesi. costruisce strutture cromatiche con configurazioni di forme elementari dinamiche, in continuo di divenire.



josé lapeyrère



montréjean (gers), francia 1944-2007. è contemporaneamente analista, scrittore e artista plastico. nelle opere di arte visiva è orientato all'astrazione geometrica dove supera il formato ortogonale ed entra ben presto a far parte del movimento madi francese. il suo lavoro si caratterizza nella volontà di superare le frontiere, in particolare quelle tra letteratura e arte. degli ultimi anni della sua vita sono le opere plastico-letterarie "in votos".

giuliano latini

titolo: "meridiane 15/ incontri su 3 domini" - 1990

asmara 1943. vive a milano. segue i corsi d?arte applicata e lavora come grafico progettista e fotografo. le prime opere inoggettive sono del 1980; approfondisce la ricerca nel campo della cromatologia, dell'immagine a struttura geometrica circolare e curva, della dinamicità.



john law

titolo: "intermittenze" - 1990

londra - inghilterra 1941. vive e lavora a londra. realizza le prime opere inoggettive alla fine degli anni '70. si occupa dello sviluppo di differenti modi in cui la luce ed i suoi riflessi negli specchi possono essere usati per costruire forme basate sulla "semplice aritmetica" e sulle "semplici proporzioni". un assemblamenti di materiali prefabbricati e tubi di neon identici di fronte a specchi allineati per creare una varietà di poligoni.



ives marie le cousin
titolo: "autour du point" - 1991

sfax - tunisia 1943-1992. studi artistici a parigi. si dedica all?architettura di interni, design, pubblicità, grafica. costruisce le prime opere inoggettive nel 1980. dal 1982, parallelamente a studi d'igiene naturale (naturopatia), che accompagnano la creazione come arte di vivere, intraprende l'attività nelle arti plastico-visive. le forme si caratterizzano per la costruzione poligonale e per la decisa tonalità cromatica. sezioni e corone circolari sono composte dinamicamente tenendo conto di forma e colore. partecipa al "movimento internazionale madi" e madi francia.



ettore le donne

titolo:" mm-struttura per chandrase khar" - 2000

revisondolo, l'aquila 1950. studi artistici a l'aquila. del 1975 sono le prime opere inoggettive. esordiceh negli anni 60. anni più tardi all'accademia di belle arti dell'aquila espone una serie di opere futuriste. nell'82 è a roma. fonda il "gruppo immanentista". nel 2001 il foglio "l'oracolo". effettua ricerche ed esposizioni rivolte al movimento iperspazialista. espone tra l'altro in contesti religiosi. realizza opere geometriche sovente caratterizate da linee a due colori alternati e in rilievo.



julio le parc

mendoza 1928. nel 1942 si trasferisce a buenos aires. studia arte e si interessa dei murales che alcuni artisti realizzavano per le "gallerie pacifico" al centro di buenos aires. la collocazione dei murales, il forte grado di esposizione lo portano a riflettere sul ruolo del fruitore dell'arte. del '57 sono le prime opere astratte. nel '58 grazie ad una borsa di studio del governo francese si trasferisce a parigi. nel 1960 fonda il grav ( groupe de recherche d'art visuel). nello stesso periodo entra a far parte del gruppo nuova tendenza. il maggio 68 lo vede partecipare ai cosiddetti "atelier delle persone" finché non viene espulso dalla francia per ritornarvici cinque mesi dopo grazie alle proteste di artisti e intellettuali. lavora con luce, riflessione, dispositivi in movimento, fili di nylon e liquidi fosforescenti. si avvicina alla op-art, arte cinetica e concettuale ma il suo sperimentalismo tende a superare le definizioni sistematiche.



shelly inez lependorf

filadelfia 1941. studi di arte e design a filadelfia. la sua opera non è pura creazione formale bensì risultato di astrazione logica, geometrica e di intuizione estetica. fa parte del movimento madi internazionale e in particolare statunitense. costruisce le sue opere su più piani superando il formato convenzionale del quadro in favore di opere che si identificano con i principi costruttivi e spaziali dell'arte madi.



jean leppien

lounebourg, germania 1910 - parigi 1991. nel 1929 a soli 19 anni si iscrive alla bauhaus. ha come professori albers, kandinski e klee. frequenta il corso di fotografia di itten. lavora quindi con moholy nagy. con il nazzismo nel '33 si rifugia in francia dove rimarrà fedele all'astrazione delle origini senza però assoggettarsi ad un'appartenenza limitativa. interpreta il costruttivismo nel suo significato essenziale dove la società, dunque anche l'artista, non obbedisce a leggi matematico-scientifiche solo in quanto elementi oridinatori ma anche in quanto tensione e attrazione tutta umana che nel relazionarci con il mondo consente di meglio affrontare e risolvere i problemi.



giovanna lerzo villa

titolo: "geometrie nel cerchio, nel quadrato" - 2003

ventimiglia 1943. compie studi tecnici. l'ambiente culturale anche familiare la avvicinano all'arte e all?arte geometrica in particolare. dipinge con il figlio che frequenta l'accademia. attua una ricerca sulla linea in senso plastico a partire dal modulo e dal colore.



luciano leventi

titolo: "poligono di sedici lati" - 1990

milano 1943. vive a milano. architetto, conduce attività di ricerca sulla caratterizzazione razionale degli spazi. le prime opere inoggettive sono del 1984. scompone il quadrato per costruire forme geometriche monocrome dislocate secondo precisi rapporti matematici. evidenzia i perimetri dell'immagine per incentrare la fruizione visiva nel punto di maggior tensione.



anders liden

titolo: "l'ombre totalment libre" - 2002

harnosand, svezia 1941. studia a uppsala, amsterdam e a parigi all'istituto di arte ed archeologia della sorbonne. vive a harnosand e a parigi. dal 1975 espone in tutta europa e sud africa. nel suo lavoro affronta il problema della metafisica come riflesso tra passato e presente. trasforma la sensibilità per la luce, tipica degli abitanti del nord europa, i suoi cromatismi e contrasti in un medium per esprimere la spiritualità. la composizione geometrica non ortogonale interroga la percezione e i suoi gradi di coscienza rimandando a razionalità ed emozione legati a colore e forma; temi che furono già del suprematismo.



peter liebl

titolo: "senza titolo" -2003

Kötzting, germania 1946. vive a Regensburg. studi artistici a monaco. è docente al liceo musicale Regensburger Domspatzen. nel 2005 è in virginia (u.s.a.), al centro di arte creativa. realizza opere con citazioni stilisticamente ascrivibili all'arte russa e all'avanguardia storica europea dove coesistono riferimenti iconografici oggettivi mentre in altre opere la composizione è del tutto astratta: damiers o composizioni di forme quadrate dai colori misurati, di una luminosità serena e rarefatta.



josef linshinger

titolo: "senza titolo" - 1995

gmuden - austria 1945. vive a linz dove insegna. realizza le prime opere inoggettive nel 84. bande verticali, orizzontali, diagonali formano la struttura geometrica dei suoi lavori. spesso l'interazione dei piani e campiture è accentuata dalla diagonale. la scelta cromatica è spesso ridotta a due soli colori come nero-giallo o rosso-blu. supera il solo rigore in favore della chiarezza costruttiva. organizza mostre internazionali, lavora ad edizioni d'arte. in opere più recenti come la serie "etc..." approfondisce aspetti estetici, semantici con specifiche assonanze culturali.



eugenio lopez

titolo: "sin titulo" - 2000

nasce il 1951 a oviedo. dagli anni 70 vive a maiorca. soggiorni a madrid, barcellona e nel 95 in asturia. dal 1990 propone progetti ambientali che interrogano la dualità dell'alienazione tra artificiale e naturale. uno di questi interventi è sulla torre di comunicazione di oviedo, parigi dal titolo "2 progetti impossibili". assume il vincolo dell'opera nello spazio sia fisico che simbolico come una sfida che trasforma in punto di forza. non considera l'astrazione manifestazione di sacralità, mistero o sublime ma spoliazione da questi connotati. teorizza il rifiuto dell'" ipostatizzazione del religioso" di tanta arte contemporanea. ispirato all'astrazione geometrica costruisce anche opere bi-tridimensionali di piccolo formato in metallo dipinto.



jenny losinger-ferri

titolo: "quadrato nero" - 1990

lugano 1902. frequenta l'accademia a zurigo. è membro della società di artiste svizzere. interessata al dibattito colturare e alla musica nel 1952 realizza le prime opere inoggettive. approfondidsce la ricerca sulle forme geometriche primarie, sulla scomposizione del colore, delimitando superfici con bande monocrome. individua nella forma quadrata spazi dai colori saturati.



peter lowe

titolo: "jellow triangles"" - 1990

londra 1938. vive a londra; insegna presso l'università di londra. nel 1969 è membro fondatore del "costructivism system group" ultima generazione di artisti "costruttivisti" in inghilterra. realizza le prime opere inoggettive nel 1975. riconduce alla matematica tutti gli elementi delle entità geometriche di cui si serve: i principi matematici sono rappresentati da modelli tridimensionali. le regole, evidenti e deducibili sono confermate anche dalle opere seriali. sovente realizza opere monocrome nei toni del grigio dove costruzione e forma sono essenziali.



gino luggi

titolo: "TM-L" - 1999

bisenti 1935. vive a milano. studi artistici a roma e a parigi. nel 1970 realizza le prime opere inoggettive. la sua indagine parte dalla elementare forma nello spazio per giungere a leggere l'interno dell'opera. il perimetro è sfuggente, variabile, il telaio, sagomato sul retro e sui bordi denuncia l'interesse per il valore fisico oggettuale dello spazio. collabora con architetti per progetti d'architettura ambientale dove persegue equilibrio formale e cromatico. trova utile riferirsi alla sezione aurea. giunge ad esclude del tutto il colore in opere di maggiore rigore e sintesi formale. fa parte del movimento madi italia.



laura luoratol

titolo: "multiplo" serie strutture manipolabili - 1975

1935, di origine ispano irlandese studia arte a parigi. vive a roma. i primi interventi del 1958-61 sono con gli studenti di belle arti a parigi e interni alla manif per la pace in algeria. degli anni 60 sono gli interventi interattivi col pubblico. nel 68 a venezia, propone sculture componibili con dibattiti ed happening per le vie. del 70 è la mostra al centro olivetti "macchine elettroniche e grafica encefalografica" e "contenitori per pezzi di ricambio umani",arte-arredo (so). svolge attività teatrale. propone opere tridimensionali utilizzando materili contemporanei, multipli manipolabili che implicano il coinvolgimento del pubblico .



francesco lussana

titolo: "e.f.1006" - 2004

seriate 1951. vive a seriate. associa la sua ricerca al binomio arte-tecnologia. realizza pannelli di acciaio elettrolucidato che producono irradiamento luminoso nell'ambiente. i pannelli sono lavorati con laser e fissati con punzonatrice. un numero programmato di fori (da 900 a 30) crea effetti visivi lungo percorsi geometrici di pieni e vuoti. nella rassegna "con=pressioni" del 2007 a bergamo con valentina persico propone video-installazioni.



eduardo mac entyre

titolo: "ritmica espacial" - 1999

buenos aires - argentina 1929. vive a buenos aires. dà continuità alle ricerche intraprese negli anni 50 da "arte concreto" dando vita nel 1960 a "arte generativo" considerata di primaria importanza per lo sviluppo dell'arte moderna nelle americhe. predilige la linea curva, intrecciata, sovrapposta che genera variazioni multiple e zone di spazio. assegna alla forma circolare significato di totalità, unità, dinamica. introduce quindi rotture e dall'80 il lavoro assume un carattere vibratorio. l'espansione è sollecitata sia dalla composizione che dal ruolo preponderante del colore.



giuseppe macchione

titolo: "senza titolo"- 1990

monza 1940. vive a monza. le prime opere inoggettive sono del 1975. è promotore di iniziative corali quale "poesiarte milano" del 2004 iniziativa che accomuna poeti, artisti e musicisti in favore di "un fare creativo". nel 2007 è presente alla mostra con intenti ecologici "adamo ed eva in bicicletta" al circolo arci cicco simonetta di milano. divide il campo in due sezioni per costruire una segnaletica basata sulle forme geometriche del triangolo e del rettangolo. con esclusione della prospettiva. nella scelta cromatica privilegia il nero e il rosa in una puntualizzazione di ipotesi negativo-positivo.



marina madeddu

titolo: "cerchi nel giallo" - 1999

teulada (cagliari) 1951. studia arte e insegna educazione artistica. vive a cagliari. da subito predilige l'arte aniconica. nel 95 inizia ad esporre. spezza la linearità concretista e la rigidità cartesiana con la linea curva separando le campiture con linee colorate percettivamente stimolanti. predilige ai colori primari un cromatismo più esteso riconducibile piuttosto al primo costruttivismo le cui radici popolari qui sono prelevate dal quotidiano e dal vasto mondo immaginifico della comunicazione di massa.



giovanni mario maesano

titolo: "deutsches syntagma" - 2001

viagrande 1935. vive a sinnai. dal 1954 al 56 è pilota aeronautico. studia arte a milano e psicologia a padova, si specializza in eliotecnica. alla fine degli anni 60 a milano si occupa di sistemi bioclimatici solarizzati e progettazione architettonica. dell?85 sono le opere di impostazione concreto-strutturalista. nell'87 fonda a cagliari il "laboratorio visualità-forma". scrive e pubblica testi critici e teorici. insegna in scuole e licei. 1988-97 si occupa di ricerca e didattica. nel 93-6 con i "sintagmi italiani" tende a risolvere in una stessa figura i principi base di simmetrie statica e dinamica.



enzo maiolino

titolo: "composizione p 3/1" - 1990

santa domenica talao (cosenza) 1926. vive a bordighera. studi artistici e frequentazione dello studio di giuseppe balbo. è professore di disegno ed educazione artistica. sono del 75 le prime opere inoggettive. già dagli anni 50 sente una forte inclinazione alla semplificazione e alla stesura piatta del colore. al 65 risalgono le tele con "punti grafici" che ricordano mondrian. procede dall'ideazione alla realizzazione attraverso la progettazione e sperimentazione. costruisce forme basate su una geometria elementare in cui il quadrato, le sue sovrapposizioni e trasformazioni propongono immagini costruite con la trasparenza di passaggi cromatici tonali. utilizza la tecnica del collage, acquarello, olio, incisione.



antonio malavenda

titolo: "sole morente n.2"- 1990

caserta 1958. vive a napoli. studi artistici a torre annunziata . nel 1986 realizza le prime opere inoggettive. inizia l'attività artistica agli inizi degli anni 80 utilizzando da subito tecniche ascrivibili all'area dell'astrazione geometrica. negli anni 90 si avvicina alla fotografia approfondendone la tecnica e percorrendo una personale ricerca su oggetti e ritratti in bianco e nero di grande formato. le opere astratto-geometriche sono invece caratterizzate da composizioni dove le forme geometriche sono protagoniste dello spazio e le immagini circolari di diversa dimensione, affiancate sono delimitate dalla stesura omogenea di colori in contrapposizione.



estuardo maldonado

titolo: "modular e structura" - 1990

pintag, quartiere di quíto - ecuador 1930. vive a rome e quíto. studi artisti a guyaquil, roma e san giacomo. è insegnante di disegno e storia dell'arte. molto giovane è attratto dalla natura e dagli indigeni, costanti fonti di ispirazione del suo lavoro. nel 55 viaggia ritraendo il popolo della costa equatoregna e il suo paesaggio. nel 57 è in europa. partecipa al movimento di arte costruttiva latino-americana. condivide l'universalismo costruttivo di torres garcia. nel 60 realizza le prime opere inoggettive. unisce natura e innovazione in rapporto alla cultura andina. dalla ricerca, basata sul costante rapporto luce-colore e sulle forme della geometria, realizza spazi dove il cromatismo agisce in contrapposizione per ottenere superfici ed effetti luminosi, sia nelle opere bidimensionali che negli interventi ambientali. è ideatore e fondatore del museo d?arte contemporanea di quíto.



marisa malerba

titolo: "quadrato distorto" - 1992/2002

genova 1955. usa come mezzo espressivo il macramè, l'arte del pizzo a nodi, una tecnica antica profondamente radicata nei paesi che hanno avuto stretti contatti con la cultura islamica. per accentuare questo rapporto di continuità con una tradizione così complessa, ha utilizzato spesso come supporto stoffe, anche tessute a mano, provenienti dall'italia meridionale. ha realizzato inoltre oggetti tridimensionali e pannelli murari che ripropongono in forma moderna moduli e schemi decorativi tipici degli azulecos.



antonio manfredi

titolo: "struttura n.28" - 1997

casoria 1961. agli studi classici e di giurisprudenza alterna la frequentazione delle botteghe degli scultori di carrara e capodimonte. dall?80 si dedica all?attività artistica. nell'88 compie viaggi di studio approfondendo le conoscenze sulle avanguardie europee e il costruttivismo. dal 91 media la poesia cromatico-compositiva con l'utilizzo di nuovi materiali tra cui laminati plastici e metallici. entra in contatto con il "gruppo geometria e ricerca" e il mac di napoli. alla ricerca costruttiva di base sul materiale privilegia la sua integrazione attraverso poetiche monocromie, intervalli e ripiegamenti.



bence marafko

titolo: "triangle" - 1999

pecs - ungheria 1974. dal 1993 inizia la sua attività artistica con esposizioni pubbliche e madi. fa parte del movimento madi ungherese dove è attivo e presente in quasi tutte le sue iniziative. usa in prevalenza colori primari che struttura e compone evidenziandone la luminosità. sviluppa composizioni che si espandono a partire da elementi geometrici semplici riproposti nello spazio. l'interazione con lo spazio circostante si attua attraverso aperture dialetticamente tese e in corrispondenza tra interno ed esterno. nel 2002 è presente alla grande mostra ?da kassak a madi? a bratislava.



attilio marcolli

titolo: "cubo esagono" - 1981/86

milano 1930-2010. nel 68 è docente a monza. viene quindi invitato a tenere un corso pilota di educazione visiva e a riformare l'istruzione artistica al dams di bologna dove opera nell'ambito della progettazione ambientale diretta da tomàs maldonado. è quindi professore ordinario al politecnico di milano. le prime opere inoggettive sono del 72. inizia l'attività artistica nel 1980. architetto, teorico, artista, designer sperimentatore, autore di saggi è un protagonista del panorama culturale contemporaneo. già autore della teoria del campo e di ricerche sulla percezione visiva dalla fine degli anni 90 teorizza il "de"costruttivismo quale passaggio da una fase ingenua di ricerca ad una più articolata basata sulle differenze dove non esistono figure immutabili ma dove la stessa forma semplice viene sezionata e ricomposta in un continuo mutamento. le precisazione nelle strutture cromoplastiche, bi e tridimensionali dinamiche, propongono e risolvono problemi di percezione instabile. nella ricerca sullo spazio ricorre a concetti di tipo matematico, procedendo alla "de/costruzione" attraverso la dissezione e intersezione di forme.



enzo mari

novara 1932. studi all'accademia di brera in arte, letteratura, psicologia della percezione visuale. è architetto, designer, docente. entra nel mondo del design industriale. del 57 il primo progetto per arredi. applica alla produzione gli studi sulla percezione attento all'economia, all'aspetto sociale e alla funzione del design nel quotidiano. è esponente del MAC. nel '99 scrive il manifesto di barcellona dove critica il marketing accusandolo di aver retrocesso il design da attività a passivo interprete di tendenze. dagli anni 50 partecipa ai movimenti d'avanguardia e arte cinetica. coordinatore del gruppo nuova tendenza nel '65 espone alla biennale di zagabria. nelle opere trasforma una struttura modulare apparentemente ripetitiva in un moltiplicatore di possibilità attraverso l'interazione di più elementi: profondità, colore, dimensione, riflessione, materiale.



luciano marin

titolo: "fotosonica" - 1979-82

milano 1945. vive a milano. è fotografo dal 1970. si dedica alla sperimentazione di nuovi media fotografici. del 1977 sono le sue prime opere inoggettive. dal 78 all'85 realizza le opere chiamate " fotoplastiche e fotosoniche ". rilievi in metallo o plexiglas e immagini, risultato di interazioni sonore. forme simmetriche suscitate da perturbazioni sonore e rumoristiche su materiali sabbiosi, polverizzati o liquidi dove lo spettatore è coinvolto nell'evento. supera i limiti della fotografia come proposta visiva statica e univoca.



jaildo marinho

titolo: "lignes verticales et horizontales " - 2002

pernambuco - brasile 1970. dal 1989 partecipa a mostre ed esposizioni prevalentemente in brasile e a parigi. per la realizzazione delle opere utilizza elementi geometrici semplici componendoli in maniera alternativa, ripetitiva o sistematica con lo scopo di ottenere dinamicità inedite. sovente più linee parallele si susseguono su piani differentemente disposti nello spazio mantenendo una continuità pur tra le diverse angolazioni e la percezione che sollecitano. nel 1999 a parigi partecipa a "grands et jeunes d'aujourd'hui".



giosuè marongiu

titolo: "speculum" - 1998

cagliari 1954. studi artistici a cagliari. del 77 è la prima esposizione a cagliari. soggiorna a venezia e nel 78 prende parte a "la piccola barcaccia" (ca). nel 91 fonda il periodico di cultura, informazione, spettacolo "sogni". dopo alcune esperienze con gli specchi trasferisce e realizza al computer e stampante composizioni dalle simmetrie cromatiche estremamente verticalizzate e ripetute. i forti contrasti cromatici disegnano una sintassi semplice, non ridondante che restituisce continuità alla ricca tradizione culturale cromatica del luogo in cui vive. dal 2000 gestisce il sito web "bauform.it" per la diffusione dell'arte e in particolare dell'arte inoggettiva. nel 2006 entra a far parte del "movimento della metarazionalità".



ruben marquez

titolo: "structure lumière" - 1990

caracas 1945. vive a parigi. nel 1965 realizza le prime opere inoggettive, cuneiformi, costruite prevedendo il movimento per spostamento o per manipolazione. il problema centrale è la luce. nei poliedri rettangolari bianchi una spaccatura, per mezzo della luce riflessa, evidenzia una luce fittizia.



vincenzo mascia

titolo: "strttura 04/04" - 2004

santa croce di magliano 1957. vive a santa croce di magliano. architetto, realizza le prime opere inoggettive nel 1986. l'interesse per le tecniche progettuali e razionali lo portano a realizzare nelle strutture bi e tridimensionali trame di tessuto cromatiche piatte, ordinate, nel loro incrociarsi ortogonalmente. il superamento dei limiti del formato convenzionale lo portano a interagire con lo spazio senza perdere di vista gli obiettivi concreti e costruttivi. artista impegnato socialmente progetta e verifica il lavoro con proposizioni cromatiche concrete e percettivamente stimolanti. affianca, a seconda della necessità, materiali tecnologi ad altri naturali come il legno. partecipa al "movimento internazionale madi italia".



vittorio matino

titolo: "dt3691" - 1991

tirana 1943. vive a milano e a parigi. nel 1970 realizza le prime opere astratto-geometriche. le diagonali presenti, nelle sue pitture, sono indicazioni dell?orizzontale e del verticale, precisate dai pastelli, per una ricerca del colore o più definita. le composizioni, rese dinamiche dalla luce-colore, semplificano l?immagine costruita.



akos matzon

titolo: "g point" - 2004

budapest - ungheria 1945. vive e studia architettura a budapest. appartiene alla generazione di artisti contemporanei ungheresi che hanno ripreso i motivi costruttivo-geometrici per molto tempo disattesi dal socialismo reale. aderisce quindi al movimento madi ungherese con il quale durante tutti gli anni 90 partecipa esposizioni e iniziative. sovente il suo lavoro è strutturato su più piani caratterizzati da rientranze e solcati da fessure sia interne che esterne. elementi in rilievo di diverse dimensioni concorrono ad una più complessa articolazione dello spazio. il legno rientra tra i materiali usati.



almir da silva mavigner

rio de janeiro, brasile 1925. nel 51 si trasferisce a parigi per studiare e nel 53 a ulm (germania) per lavorare con max bill di cui aveva visto un'ampia retrospettiva a san paolo (br). frequenta la HfG (hochschule fur gestaltung) che continua la tradizione della bauhaus nel promuovere la personalità degli studenti evitando l'identificazione con i maestri ma rendendoli in grado di agire nelle situazioni contingenti. in questa struttura che richiedeva impegno ma non schematica ha come insegnanti max bill, albers, schmidt. conosce maldonado e max bense e nel 65 lui stesso diviene professore. del '49 sono i primi lavori astratti, del 52 quelli concreti e del 56 gli optical. ha rapporti con il gruppo zero (dusseldorf). approfondisce ricerche sulla psicologia della forma e della visione nell'ambito dell'arte concreta.



pierre mavropoulos

titolo: "sans titre" - 1999

parigi - francia 1961. vive a parigi. il suo lavoro si caratterizza per l'estremo rigore geometrico-costruttivo. compone figure geometriche disposte obliquamente ed evidenziate da bande cromatiche contrastanti alcune delle quali si spingono fino al perimetro sollecitando la percezione di continuità. ?la figura geometrica affronta lo spazio in una tensione dinamica: nasce da un gesto effimero che invita ad attraversare il tempo.(p m) dagli anni 90 partecipa alle iniziative di arte struktura.



giorgio mazziotta

titolo: "tensione geometrica con superficie rossa obliqua" - 1991

milano 1962. vive a sesto san giovanni. studi artistici e di architettura a sesto s.giovanni e al politecnico di milano. è architetto. verso la finedegli anni 70 è attratto dall'espressionismo tedesco e il suprematismo di malecic. realizza le prime opere inoggettive nel 1989. esprime ed evidenzia lo spazio in tutte le sue forme. la trama geometrica è originata da un tracciato "regolatore"; le diagonali, gli assi strutturali sbiechi, gli intarsi cromatici sono parte integrante della struttura primaria e rivelano una forte reattività verso una visione percettiva comune accomodante. utilizza materiali diversi interagendo con maggiore energia attaverso tagli, varchi, feritoie.



mcba

titolo: marie-catherine adde, francia 1949.
studi filosofici alla sorbonne, parigi.
bernard adde, francia 1946.
è assistente di alain le yaouanc e amico di aragon.
MCBA cooperano dal 1997. restringono la scelta cromatica all'uso del solo bianco e nero con l'eccezione del rosso presente in alcune serie di opere. pervengono all'astrazione geometriaca dove la linea o linearità è indagata nella capacità inteinseca di denotare concretamente una composizione o una struttura tridimensionale. realizzano anche tele o elementi sagaomati rigorosamenti geometrici, sovente modulari, relazionati nello spazio. l'aleatorietà si misura con il limite della forma nella composizione.



raul mazzoni

titolo: "senza titolo" - 2001

buenos aires- argentina 1941. vive buenos aires dove insegna in facoltà, scuole artistiche e d'architettura (la plata), tiene corsi e conferenze. le prime opere inoggettive sono del 1980. pur pervenendo a opere del tutto riconducibili all'astrazione geometrica come tullio simoni indaga quella linea sottile che talvolta coincide con la rappresentazione. i suoi lavori sono il risultato di una ricerca sperimentale riferita ai problemi dello spazio reale e della sua rappresentazione. la forma coincide con il supporto, il cui spessore è impercettibile. da astrazioni geometriche realizza immagini con distorsioni del piano.



juan melé

titolo: "780" - 1999

buenos aires - argentina 1923-2012. studi artistici a buenos aires e parigi. è insegnante d'arte e storia dell'arte. le prime opere inoggettive sono del 1945. aderisce a gruppi d'avanguardia, nel 46 all'associazione "arte concreto invection" a buenos aires. nel 48-49 è in francia, italia e svizzera. conosce max bill e seuphor. nel 55 è cofondatore di "arte nuevo" con arden quin. dal 74 al 78 e 83-85 vive e lavora a new york alla "gallerie de caiman" e "galerie d'arc". è protagonista della ricerca nel campo dell'astrazione geometrica costruttiva in sud america. i primari interessati sono i processi di astrazione che concretizza attraverso la costruzione di piani in rilievo variamente angolati, intersecati da fessure o linee cromatiche di forte energia plastica. supera i l formato convenzionale del piano ortogonale. fa parte del "movimento internazionale madi".



aldo mengolini

titolo: "10.138" - 2001

roma 1930. vive a roma e parigi. da sempre impegnato nella ricerca ha sviluppato un lavoro sul quadrato. nel 1957 inizia la sua attività artistica. nel 70 realizza costruzioni- luminose, lavori seriali riconducibili all'optical art. degli anni 80 sono i rilievi e le "constructions" che definisce piene. ai quadrati in legno disposti con regole precise (forma/colore) su di una trama seguono le "constructions" dove sussiste solo una trama nei suoi rapporti di forza e equilibrio.



gianni metalli

titolo: "ordine ortogonale" - 1992

lugano 1930. vive a dino. fa parte della società degli architetti svizzeri e della società ticinese di belle arti. realizza le prime opere inoggettive nel 1970. costruisce il suo lavoro su forme geometriche elementari in composizioni ritmiche tomali. realizza ipotesi architettoniche attraverso dislocazioni spaziali e lineari urbanistici.



fritz meyer roland

titolo: "tre triangoli" - 1992

brema - germania 1923. vive e insegna a brumen. le prime opere inoggettive sono del 1980. rivela particolare interesse alla problematica delle tensioni. realizza strutture plastiche e rilievi attraverso l'uso di forme geometriche e delle loro variazioni. la dinamica è ottenuta ricorrendo a rapporti logico-matematici delle forme con lo spazio.



renato milo

titolo: "idroscultura segmento g" - 1999

cicciano 1958. studia a napoli. insegna e lavora all?istituto di studi filosofici. cofondatore del gruppo"es" e "zon" nell?87 realizza le prime opere non rappresentative. nel 90 entra nel gruppo "iperspazialismo geometrico". oggi fa parte del movimento madi. realizza idrosculture: volumi in vetro o plexiglas del tutto o in parte ripieni d'acqua in cui immerge elementi geometrici liberamente disposti nello spazio e cesurati in corrispondenza delle facce. queste si presentano come uno schermo pluridimensionale che con le immagini rifratte degli elementi interni provoca effetti di dissociazione percettiva. intende l'arte come interazione col pubblico e col territorio.



paolo minoli

titolo: "nel tempo del cuore" - 1991

cantù 1942-2004. studi artistici a cantù e all'accademia di brera. è professore a cantù e a brera nel corso di cromatologia. realizza le prime opere inoggettive nel 1967. dal 75 all'86 dirige una collana d'arte editata da "rs", como e dall'86 all''89 il laboratorio munari, veronesi, huber,dorazio, nigro. si impegna fino all'ultimo per aprire centri culturali strettamente collegati al territorio. definisce reticoli e parallelismi ricorrendo al mondo matematico e in una logica stringente pervenendo col tempo a trasgressioni che conferiscono dinamicità. nella sua ricerca affronta i problemi di ordine percettivo, impostati sulla fenomenologia del colore in termini strutturali. tende a registrare i fenomeni di variabilità percettiva in una analisi fondata sull?entità del colore. nelle opere più recenti evidenzia il valore lirico.



giuseppe minoretti

titolo: "l.o.f.q."- 1991

erba 1938. vive ad arcellasco d'erba. frequenta corsi di pittura e scultura a como e milano. le prime opere inoggettive sono del 1967. costruisce nello spazio figure geometriche, con sovrapposizioni, continuità, profondità, figure rigorose ma aperte. compone su piani poligonali serie di linee e segmenti colorati che ricopre con leggere trasparenze di colore bianco che creano tonalità, "distanza" vissuta nell'indeterminazione del suo essere realtà fisica. le opere bidimensionali presentano raccordi lineari simmetrici dai colori lievi, distanziati, mentre nelle strutture tridimensionali, barre in metallo cromato si susseguono in fughe parallele manipolabili. fa parte del "movimento internazionale madi italia".



mintoy

titolo: "fiume nel divenire: foce" - 1993

alghero 1961. vive a milano. studi artistici a milano. è insegnante a milano. nell'89 fonda l'associazione artistica culturale "beatrice d'este"; nel 1990 promuove e partecipa a "progettologos"; si occupa di editoria d'arte. realizza le prime opere inoggettive nel 1986. nel 2001 fa parte dell'associazione culturale starter. progetta e realizza esposizioni. lavora la superficie come luogo di emanazione di energia attraverso il colore; costruisce una grammatica in base a principi ordinatori di cromie complementari composte in accordi consequenziali, orizzontali o verticali. nelle opere più recenti mette a confronto un'opera cinetica con la sua fissazione del colore su tela proponendo un momento percettivo attivo e uno più riflessivo.



vera molnar

titolo: "fond-forme à partir de la lettere y" - dittico-1971-2001

budapest - ungheria 1924. vive a parigi. studi artistici a budapest. è docente di storia dell'arte e estetica. le prime opere inoggettive sono del 1944. si trasferisce a parigi e nel 1960 è cofondatrice del "grav". è membro del c.r.e.i.a.v. centro di ricerca sperimentale e informatica. del 68 sono i lavori al computer. dagli anni 60 è protagonista delle ricerche visive. gli elementi base del suo lavoro sono: un principio, un metodo, un obiettivo dove il principio è il dubbio, il metodo rinnovarsi di continuo, l'obiettivo restare nel campo della visione e percezione inoggettiva. costruisce forme geometriche essenziali sovente costuite ortogonalmente sottomesse alle leggi della composizione e matematiche. costruzioni di ampie dimensioni elementari.



alvaro molteni

titolo: "diapason per unire" - 2003

como 1920. vive a como; l'attività pittorica si svolge parallelamente all'arte applicata. sul finire degli anni 30 lavora come disegnatore allo studio di aldo galli e carla badiali. nel 1942 realizza le prime opere inoggettive. frequenta l'ambiente artistico e di architetti di como presenti alla biennale a tema futurista di venezia che però lo escludono. si rivolge al razionalismo: un rigore mai pesante che col tempo attenua con un segno curvilineo dall'accento vagamente neoclassico. elemento base delle composizioni è la linea verticale, su rigorosi piani compositivi, in spazi rarefatti da toni cromatici chiari e luminosi. attualmente affronta la ricerca sul negativo-positivo in una dinamica di contrapposizioni ideologiche.



eugenio musso monsanto

titolo: "senza titolo" - 1993

genova 1929. vive a torino. studi di giurisprudenza. le prime opere inoggettive sono del 1980. durante gli anni 60 e 70 si sente isolato da un ambiente sentito come esclusivo. inizia poi a lavorare approfondendo il suo tema preferito: forme geometriche semplici o composte assemblate secondo coordinate rigorosamente ortogonali fino a definire un insieme strutturato dall'interno. struttura complessivamente orientata verso una diagonale obliqua che la rendono sospesa nello spazio, instabile in conformità alla tipologia del provvisorio e precario alla quale si sente legato. la sua indagine approfondisce le leggi ottiche concernenti la riflessione della luce. esamina la dialettica strutturale in una duplice accezione/ le fasce diagonali che dividono lo spazio in colori fluorescenti e le intersezioni modulari.



marcello morandini

titolo: "b4-1971" - 1991

mantova 1940. vive a varese. nel 1960 inizia la sua attività a milano dove si occupa di arte, grafica, design. nel 64 realizza le prime strutture tridimensionali inoggettive. salturiamente docente in germania, austria e svizzera è professore all'accademia di brera. la sua opera è impregnata dalla "coordinazione fra tecnica, arte e scienza, dalla dinamicità delle mutazioni della forma e dagli effetti ottici che ne risultano nella semplicità. dal risparmio e dalla razionalità dei mezzi..." (h.krusohwitz") conferisce centralità allo studio, progettazione e selezione dei risultati ottenuti attraverso un percorso conoscitivo. realizza forme architettoniche di evidente realtà spaziale con una ricerca, sulle convergenze lineari e costruzioni di corpi plastici destrutturati. ritiene la forma essenziale per questo usa il bianco e nero e le tonalità di grigi .



françois morellet

cholet 1926. vive a cholet dove è industiale. è membro del g.r.a.v. groupe de recherche d'art visuel con le parc, garcia rossi, yvaral. dopo un iniziale periodo figurativo passa al libero geometrismo. del '52-55 sono le forme sistematiche e aleatorie quindi le sovrapposizioni di strutture reticolari dipinte o metalliche del '56-60. nei primi anni sessanta passa all'articolazione sistematica di forme e colori. realizza quindi i rilievi cinetici con elementi reticolari mobili, proiezioni e environments con luce programmata. del '63 i primi lavori con il neon. nello stesso anno partecipa alla mostra "zero - der neue idealismus".



giovanni morello

francoforte - germania 1956. vive a oroix, francia. dopo gli studi di geometra a siracusa studia scienze agrarie a firenze. è ingegnere agronomo e insegnante negli istituti statali superiori a firenze, chiusi, siena fino al 1996. espone dal 1999 opere sull'astrazione geometrica che si traduce concretamente in attenzione ai materiali usati: dalla pasta di cristallo alla poetica simbolica della pittura di carrozzeria. l'astrazione è il punto di partenza; la frattura, il mezzo di tradurre il cambiamento di stato degli oggetti, delle cose. per scoprire il cuore delle cose le "fratture" facendogli perdere tutta la loro rigidità iniziale.



guido moretti

titolo: "intersezioni ortogonali : due cubi - ambiguo e impossibile" -

gardone (brescia) 1947. vive a brescia. studi scientifici. è fisico e insegnante. le prime opere inoggettive sono del 1983. alla fine degli anni 90 realizza e teorizza la scultura per separazione: intersezioni ortogonali prodotte per separazione seguendo una precisa metodologia messa a punto a priori che da un lato riserva sorprese ma è sempre verificata dall'artista. nella sua ricerca applica il metodo della stratificazione e della rotazione, facendo mutare le elissi, i cerchi, i quadrati e i rettangolari a forme piane a corpi tridimensionali. con le intersezioni ortogonali elabora la struttura primaria nello spazio. usa preferibilmente legno, bronzo e plexiglas.



mitsuoko mori

titolo: "pentamorphose" - 2004

ashikaga - giappone 1944. vive a parigi. studia arte a tokio e parigi quindi architettura a marsiglia. già dalle prime ricerche i quadrati, triangoli, losanghe con slittamento di piani imprimono dinamismo e suggeriscono nuove immagini. negli anni 90 approda alla figura geometrica del pentagono con riferimento, oltre che agli stati uniti, al simbolismo dell'arte tradizionale giapponese. applica le sue ricerche alle forme più semplici interessandosi a concentricità, cromatismo e ad una costruzione che si sviluppa nello spazio in modo angolare a partire da linea e numero.



philippe morrison



deauville, francia 1924 - 1994. negli anni cinquanta perviene all'astrazione.

leonardo mosso

titolo: "struttura" - 1996

torino 1926. vive a pino torinese. architetto. è socio fondatore dell'istituto alvar aalto. insegna all'università di torino. le prime opere inoggettive sono del 1950. svolge attività di sperimentazione nel campo delle teorie progettuali dell'arte costruita. le strutture tridimensionali a tensione endogena sono lo sviluppo teorico tecnologico delle strutture a deformazione esogena.



piero mottola

titolo: "simbolo stocastico modificabile" - 1992

caianello 1967. vive a roma. insegna all'aquila. la sua formazione è legata al centro studi sperimentale jartrakor (roma) e alla teoria eventualista (sergio lombardo anni 70). nell'88 espone al centro studi jartrakor "miglioramento-peggioramento". del 94 è la ricerca per l'elaborazione di stimoli acustici con caratteristiche emotigene e proiettive. le prime opere inoggettive sono del 90. indaga l'interazione tra creazione e fruizione artistica visiva e sonora. applica rapporti estetico-matematici, attraverso fasi creative controllabili. da un iniziale progettazione configura segni geometrici regolati da procedimenti matematici. del 2003 è l'installazione di elementi minimali colorati percettivamente stimolanti "astratto cromatico emozionale a due livelli".



bruno munari

titolo: "senza titolo" - 1978

milano 1907. vive a milano. nel 1927 aderisce al "movimento futurista milanese". nel 1930 realizza le prime opere inoggettive e nel 1948 è cofondatore del "mac" movimento di arte concreta. del 58 sono le sculture da viaggio dove introduce il concetto di animazione, ripiegabilità, moltiplicazione seriale. nel 62 realizza alcuni film sperimentali e la mostra "arte programmata" per a. olivetti. compie sperimentazioni sul processo della visione, s'interessa alle nuove tecnologie e al design. progetta e realizza "la macchina aerea" , "le macchini inutili", "i volumi d'aria" e "i plastici aerei". progetta libri per bambini, opere cinetiche, la serie "positivi-negativi", "strutture continue", plastici metalli ed elementi "multicomponibili", "l'abitacolo". organizza laboratori didattici di educazione visiva per stimolare la creatività a livello infantile evitando metodi coercitivi. nel 78 presenta il laboratorio "giocare con l'arte".



georges nadra

alessandria d'egitto 1959, vive a parigi. compie studi artistici a beirut, parigi e perugia. le prime ricerche inoggettive sono del 1988. attualmente sta cercando di realizzare e raccogliere fondi per lo spazio "création et rencontres" in un piccolo villaggio della borgogna. per la serie "oeuvres insaisissables" (opere inafferrabili) realizza tele, installazioni, composizioni fotografiche con plexiglas e stampe. lavora sulla tela come "campo", territorio di ricerca; attraverso il recupero della visione obliqua del "frammento" suscita la risonanza di una visione circolare.



carlo nangeroni

titolo: senza titolo - 2004

new york 1922. vive a milano. studi artistici al beato angelico e brera (mi) dove è allievo di reggiani. bloccato in italia dalla guerra nel 44 si rifugia in svizzera. nel 46 ritorna negli stati uniti dove frequenta lo studio di archipenko ed entra in contatto con le idee e i protagonisti dell'action paintings. si interessa di musica contemporanea, suoni, rumori. è scenografo alla rete televisiva nbc. nel 58 si stabilisce a milano. nel 1960 realizza le prime opere inoggettive. nel 73 insegna al politecnico di milano. sperimenta e sviluppa ricerche sulla percezione del colore e gli accostamenti tonali in succesioni cromatiche trasparenti. coordina in ritmi musicali, forme circolari dove l?elemento determinante è la luce. gli inserimenti di rette verticali, diagonali e forme geometriche in tonalità diverse, costruiscono microstrutture.



giorgio nannei

titolo: "sogno di pietra"- 1983-90

milano 1927. vive a milano. studi scientifici e artistici a milano (accademia di brera). è geologo e coltiva interessi in campo musicale. nel 73 perviene all'astrattismo geometrico. le opere sono essenziali e prive di ridondanza. le figure geometriche sono primarie a sezioni o intere. usa il nero in tutte le sue gradazioni con risvolti esistenziali, soggettivi e didattici. sceglie il colore ad olio per una maggiore libertà nella pennellata e perché lascia maggiore traccia dell'azione e della presenza dell'artista. riscatta la totalità dello spazio pittorico attraverso tonalità cromatiche in vibrazione, impianto architettonico, strutture in equilibrio tonale. figure quadrangolari sospese nello spazio su più piani cromatici sovrapposti e trasparenti.



mario napoli

titolo: "spazio continuo" - 1991

grotteria 1958. vive a genova. studi in medicina. dal '75 opera nel campo delle arti, curando la pubblicazione di volumi d?arte. le prime opere inoggettive sono del 1990. nel 1994 fonda l?associazione "satura" di cui oggi è presidente. nel 2007 sempre a genova organizza l'8° edizione del premio saturarte. la sua poetica è andata sviluppandosi collegando le idee a una coerente logica estetico-letteraria. le sue immagine simboliche, si sviluppano e si concretizzano secondo una logica inoggettiva.



lionella vana nardi molteni

titolo: "rilievo1" ? 1999



giuliana natali

titolo: "forme bianche su nero"- 1992

castel d?ario 1951. vive a mantova. segue i corsi alla facoltà di architettura di milano. le prime opere inoggettive sono del 1990. da un'idea legata alla forma e alla sua plasticità: essenziale, pura, grandiosa nella sua semplicità ma armoniosa". più attratta dalla forma che dal colore la interpreta in modo espressivo e solo a volte simbolico. una forma che vuole essere movimento, tensione, slancio, flessione. è da sempre interessata alla relazione dell'opera costruita in quanto tale nello spazio. inserisce nelle sue strutture elementi concreti, tridimensionali, che sfondano la naturale bidimensionalità del quadro, fornendogli una evidenza simbolica.



knut navrot

titolo: "noir" - 2000

saint-ouen, francia 1955. dal 1982 espone in europa, giappone, u.s.a. nel 99 partecipa a "constructive art in europe...", ettlingen. propone un insieme di immagini visualmente distinte di uno stesso fenomeno considerate come equivalenti e dove nessuna gerarchia può determinarne l'ordinamento. la sistemazione, essendo aleatoria, non si realizzerà in un unico progetto ma in uno fra i molti possibili. associa l'aleatorietà ad un limite che, con l?interazione di un elemento perturbatore, genera l'avvenimento del colore. ricerca una maggiore obiettività rispetto alla potenziale violenza delle immagini in quanto sono sempre parte che si sottrae o impone a un tutto. evidenzia la spettacolarità e illusorietà nell'elevare a norma quel che è contingente.



giorgio nelva

titolo: "tonemi condensati" - 1996

lanzo torinese 1940. studi artistici a torino. vive a torino. attivo dal 1957 è cofondatore del "gruppo sperimentale d'arte" di torino col programma di conciliare arte e società tecnologica cercando una giusta integrazione tra metodologia scientifica e comportamento umano. nel 66 è tra i fondatori della rivista "modulo". dal 63 al 66 si interessa di visualità strutturale e arte programmata. nel 68 è nell'operativo "ti-zero". nell'86 cofondatore dello studio "quantica" (to). prosegue nella sperimentazione, organizza esposizioni e interventi d'ambiente. si occupa di copy art. è attento alle ricerche su interazioni di campo, organizzazione di sistemi ad articolazione complessa, sistemi dinamici instabili e caotici e strutture di processo: morfogenesi, trasformazione, degrado.



gianfranco nicolato

titolo: "soggettività attiva"-1993

vimodrone 1938. vive a vimodrone. studi artistici all'accademia di brera. negli anni 60 sviluppa ricerche segniche e materiche. le prime opere inoggettive sono del 1966. approfondisce lo studio delle sovrapposizioni di forme geometriche. dal linguaggio caratterizzato da ritmi spaziali e dal colore uniforme risulta una figura complessiva che allude ad una possibile ricomposizione e nello stesso tempo sottolinea ulteriori invasioni ed espansioni. le opere più recenti "varianti mobili" sono caratterizzate da colori primari piatti, strutturazione dinamica progettate per assemblaggi dalle infinite soluzioni di spazio anche interattive.



jo niemeyer

titolo: "339" - 2003

alf, germania 1946. vive a schluchsee. studia in canada, usa, norvegia, all?istituto universitario "visuelle gestaltung/architektur" di helsinki. del 1972 è il primo lavoro di industrial design a cui seguiranno progettazioni architettoniche e collaborazioni con l?industria. negli anni 80 viaggia in india, nepal, cina. dell?89 è il primo progetto land-art "20 steps" ripresentato nel 91 come installazione e nel 97 con il film "20 passi intorno al globo". in molte opere alterna alla trasparenza del plexiglas linee verticali e orizzontali di colori primari opachi. ortogonalità, proporzioni, sezioni si inseriscono e misurano tra astrazione e concretezza. tra progetto e realtà.



gianni nigro

titolo: "sentimento e razionalità" - 1990

livorno 1949. vive a milano. studia medicina e letteratura, collabora con la rai, con i giornali e riviste a tiratura nazionale. si dedica alla pittura, realizzando le prime opere astratto-geometriche nel 1962. approfondisce la poetica dell?incontro-scontro tra gli opposti, proponendo strutture geometriche costruite dalle trasparenze cromatiche. è presidente dell'archivio mario nigro.



mario nigro

titolo: senza titolo

pistoia 1917-1992. studia pianoforte e violino, a 16 anni comincia a dedicarsi alla pittura. nel 1945 realizza le prime opere astratto-geometriche. nel 1949 aderisce al "mac" movimento di arte concreta. è l?anticipatore di situazioni pittoriche e cinevisuali. nel 1952 i primi reticoli costruttivisti dello "spazio totale". nel 1961 i primi collages vibratili e strutture modulari ambientali, poi i segmenti del "tempo totale" e le strutture fisse con licenza cromatica. nel 1976 inizia le opere dei concetti elementari geometrici, seguiti dall?analisi delle linee, dell?origine della linea e dell?espressione del colore.



alvaro occhipinti

titolo: senza titolo -1991

messina 1938. compie studi classici e dagli anni 50 tenta di tradurre con una pittura trasfigurata in senso espressionista un contenuto sociale. frequenta il caffè letterario nettuno. nel 1960 si trasferisce a milano. gli influssipost-surrealisti, pop, dell?astrattismo si traducono nel 65 in formulazioni astratto-metamorfiche. negli anni 70 viaggia in sudamerica, africa, medioriente riflettendo sul "valore significante delle scritture segniche di antica tradizione" impronta rintracciabile poi nel suo lavoro già di grande sensibilità cromatica.



angela occhipinti

titolo: "oscillazioni"

perugia 1938. vive a milano dove insegna all?accademia di brera. studia a firenze. le prime opere inoggettive sono del 72. viaggia in europa, lavora in stamperie e laboratori di grafica. nel 53 stampa cartelle e libri di incisione. riprende a viaggiare in nepal, birmania e tibet. nelle sue opere il simbolismo geometrico che si muove entro una visione naturalistica e animistica. con una maggiore articolazione realizza dittici, trittici, polittici. utilizza ferro, cera, legno, piombo, zinco. approfondisce i processi chimici relativi all?uso dei colori e degli acidi, inerenti alla calcografia. realizza opere in cui l'immagine viene risolta in puri rapporti scanditi geometricamente con effetti ritmici e luminosi che inglobano lo spazio-tempo-movimento.



francis olin

titolo: senza titolo -1993

mons - francia 1928-1997. studi artistici a parigi dove ha vissuto. le prime opere inoggettive sono del 1960. è tra i componenti di molti gruppi storici del 900. tra questi "mesure" dove tenta un'integrazione tra arte e architettura facendo conoscere tematiche anticipatrici nel campo dell'arte visiva e applicata. dal 53 al 63 partecipa al "gruppo experimental de lille". nel 66 e 68 partecipa alla mostra "art cinetique", quindi a "art vivent contre la peine de mort". entra nel gruppo "co.mo" di parigi. i suoi rilievi sono degli insiemi in cui il modulo costruisce l?elemento di base. la ricerca utilizza le numerose possibilità offerte dall'ordine di elementi semplici. moduli sottoposti a leggere deregolamentazioni vibrano di molteplici sfumature, quale prodotto della riflessione della luce. il colore è sovente monocromo bianco e nero.



manlio onorato

titolo: "vibrazioni - colore" - 1990

castel morrone 1951. vive a lonigo. giornalista e scrittore, realizza le prime opere astratte nel 1980. segue le ricerche maturate in italia negli anni 70. rivolge la sua attenzione al colore. la sua pittura diventa sempre più luminosa strutturandosi secondo partiture geometriche che tendono alla forma aperta per risolversi in soffuse campiture cromatiche. del 94 è la collaborazione con l'università di padova, presenzia al convegno "effetto trasparenze". predilige impianti geometrici in una sintesi del rapporto luce-colore. pittura semplice, ridotta e scandita da minime interferenze di pochi elementi razionali.



janusz orbitowski

titolo: "1/96" - 1996

cracovia - polonia 1940. vive a cracovia dove compie studi artistici, è professore. è a new york alla "kosciuszko foundation grant". le prime opere inoggettive sono degli anni ?70. mette a confronto due poli opposti: l'ordine precostituito e l'"avventura empirica" che l'artista concorre a creare sul piano "pittorico". cerca di trarre da quest'esperienza un nuovo ordine sempre più conforme sia dal punto di vista generale che particolare. rifiuta l'angolo retto e organizza campi strutturali di angoli acuti di maggiore dinamicità. divide la struttura in più parti dinamicamente organizzate e contrapposte. del 74-5 sono le opere monocromatiche, di regola bianche, in rilievo. lo spazio, la luce, il movimento, la tridimensionalità sono costanti nella sua operatività. i lavori sono costruiti con linee sottili e trasparenti, strutture che evocano associazioni con la geometria della natura.



ulrich otto

titolo: "bianco" - 1991

potsdam - germania 1944. vive a monaco. laureato in storia dell?arte e archeologia, realizza le prime opere inoggettive nel 1975. l'interesse della ricerca sono il colore nelle sue interazioni e i fenomeni percettivi. il colore viene steso per creare rapporti tra tonalità monocromatiche in equilibrio e suscitare continue variazioni percettive. le forme si costruiscono con ipotesi geometriche in una razionale suddivisione di spazi.



simon oud

titolo: senza titolo - 2004

1956. vive ad amsterdam. studi artistici alla ritveld accademie. nel 2000 aderisce al "gravogroep". realizza sculture in metallo, ferro, allumino proposti concretamente nel loro colore naturale. composizioni dove nella continuità è possibile distinguere l'assemblaggio di più volumi geometricamente costruiti dove parte degli spigoli e delle angolature risultano smussate in sfuggenti piani curvilinei che non intaccano il tono, talvolta grave, dell'opera nel suo insieme. è tra il novero degli artisti olandesi che operano secondo i principi dell'astrazione geometrica. negli ultimi anni ha partecipato a iniziative internazionali di arte costruita.



eduardo palumbo

titolo: "l'azzurro si rinnova nell'oro" - 2001

napoli 1932. studi artistici a napoli. risiede a roma. è professore. dopo aver frequentato l?ambiente artistico romano inizia un periodo di studi e realizza le "esplosioni solari", forme astratte che precorrono gli "aviogrammi". del 76 è la mostra "rigore e libertà" ad arte struktura. per l?occasione presenta il tema dei "bianchi tattili". nell?87 su invito del belli espone un?opera ispirata alla musica (debussy). del 90 è la serie "vie" e "geometrie dello spirito" in cui il gioco strutturale si contrappone alla libertà segnica e cromatica .



jacques palumbo

titolo: "translation latérale C1" - 1991

philippeville - algeria 1939. vive a bordeaux e montreal.studi di architettura e artistici ad algeri e parigi. le prime opere inoggettive sono del 1965. "trova nell'economia la base concettuale per lo sviluppo del l'opera...opere limpide, immediate, che rivelano attinenza ad un mondo tecnologico fortemente oggettivo in cui gli spazi colorati, che si raggruppano o si separano, tendono a simulare una dinamicità regolare, da meccanismo inarrestabile. ogni forma geometrica conquista il proprio ritmo dall'interno, per accostamento o separazione, mutando, ma lasciando che la metamorfosi sia letta anche corne forza meccanica. (g.fucito). utilizza le forme base della geometria in una sequenza di quadrati, dove bande orizzontali si trasformano e si spostano secondo una dinamica regolare. usa i colori primari più il bianco ed il nero.



jan pamula

titolo: "56 elementi rettangolari" - 1996

spytkowice - polonia 1944. vive a cracovia. studi artistici a cracovia e parigi. è docente a cracovia . le prime opere astratto-geometriche sono del 70. è attivo nel campo delle arti grafiche e multimediali. per anni è stato membro dello "zpap" e del "gruppo di cracovia". sperimenta oggetti tridimensionali e tele a forme geometriche. realizza la serie di opere "oggetti geometrici" dove esplora la relazione di figure quadrate astratte, rettangolari semicerchi con i colori dell?arcobaleno a sequenze rigorose. dal 92 elabora immagini fotografiche e riproduzioni avvalendosi dell'uso di scanner e tecniche informatiche. si occupa di computer grafica. cerca di risolvere le contraddizioni e disciplinare le incoerenze ricorrendo alla logica razionale evitando una sistematicità schematica.



malek pansera

titolo: "archeologia" - 96

selva di valgardena 1940. vive a padova. frequenta l?accademia di berlino est. è cofondatore del gruppo "spazio zero". si occupa di teatro. a metà degli anni 90 "è possibile cogliere un affondo nella materia genetica (sequenze molecolari, catene dna)" (g.segato). realizza opere rigorose e contemporaneamente aperte a dimensioni spaziali inconsuete. c'è uno schema, un progetto mentalmente acquisito che nel farsi prende forma e al tempo stesso è contraddetto da un'azione, una variante. utilizza materiali semplici e di recupero, per composizioni modulari di pieni e vuoti in espansione oltre i limiti del quadro: un alternarsi di movimenti razionali e irrazionali.



fabrizio parachini

titolo: "dinamica del quadrato" - 1997- 2002 novara 1958. compie studi di medicina. vive a varallo pombia. è artista e medico. inizia ad esporre nel ?95. dal 97 collabora con arte struktura. del 98 la personale alla werner heyndrikx gallery di pallanza. tiene conferenze di teoria sull?arte contemporanea. definisce "lo spazio a partire dalla sua concezione psicologica che può trasformarsi in definizione geometrica grazie al raccordo fornito dallo spazio matematico che fluttua sempre tra "parcellare ed infinito" in tutte le sue gradazioni intermedie. influenze gestaltiche sono risolte in opere dove attraverso il colore e l'installazione è percepibile una riflessione spirituale affiancata dall'interesse e studio della cultura ebraica e orientale. del 2002/3 è l'edizione e la relativa esposizione di "intorno al quadrato".



vincenzo parea

titolo: "lucicromia ministrutturata curvilinea:442" - 1991 sostituito

vigevano 1940. vive a vigevano. sudi artistici e di ornato al corso di carlo zanoletti. le prime opere inoggettive sono del 1967. in un primo tempo rivolge il suo interesse al valore emozionale del colore per approdare alle ricerche sui valori analitici del colore sviluppata con minime variazioni monocromatiche. i quadrati, rettangoli, rombi, cerchi, curve sono raccordi strutturali elementari. costruisce eventi ottici complessi e percettivamente implicanti in una interrazionalità acromatica, dove il colore si propone in tempi di successione ottico-espansiva.



vittorio parisi

titolo: "monocromatico in dissemetria dinamica 03" - 1988/90 nato a maccagno. vive a roma e a maccagno. è docente di educazione visiva ed industrial design. dal 1935 svolge una ininterrotta attività di operatore di ricerca visiva. realizza le prime strutture inoggettive alla fine degli anni '30. aderisce al "gruppo origine" ed è ideatore è fondatore del polo museale parisi-valle. le realizzazioni bi e tridimensionali nascono dall'analisi di forme geometriche verticali, suscettibili di trasposizioni modulari.



jakka parni

per l'occasione propone una composizione orientata verticalmente con chiare assonanze simmetriche dove si inseriscono lievi obliquità interrotte in questo caso da una fuga più accentuata. l'uso originale e composto del colore in modalità tonali, nelle campiture più chiare è dato superficialmente. effetti di trasparenza quasi atmosferica suggeriscono una ricomposizione retinica della superficie.



nicola pascarella

titolo: "frattali" - 1994 sostituito

valle di maddaloni 1955. vive a valle di maddaloni. si diploma all?accademia di napoli. interessi letterari e teatrali. recita e scrive poesie e brevi pieces. nel 1990 realizza le prime opere inoggettive. i tratti essenziali sono: il rapporto forma-colore, la costruzione di strutture attraverso l?utilizzo di cinemateriale, lo sviluppo di grandezze e forme non programmate e apparentemente casuali, con riferimenti alla geometria frattale.



claude pasquer

titolo: partition 4 - 1997

le mans - francia 1937. vive a morogues. già dal 1967 partecipa a iniziative legate alla sperimentazione cinetica e costruttiviste: "cinetisme, spectacle, environnement" a grenoble; "constructivisme et mouvement" a parigi. negli anni 80 prosegue il suo lavoro alternando all?oggettività del procedimento schematico, rigoroso, predeterminato la soggettività dell? esecuzione caratterizzate da lievi scarti, errori "forse". negli ultimi lavori prosegue la sua ricerca procedendo per "deplacements" successivi evidenziando le regole e l?aspetto analitico del suo lavoro.



alain péclard

titolo: senza titolo - 2002

bale - svizzera 1943. vive a parigi. il suo percorso è costante, ostinato, da sempre orientato verso l?essenziale. le opere ascrivibili a diversi periodi sono in un primo tempo descrittive, ispirate alla mitologia e sviluppo delle civiltà, quindi più "filosofiche. il suo lavoro si collega al fondamento delle cose, al movimento di flusso e riflusso che struttura e destruttura. del 2000 è l?esposizione alla galleria dorval di parigi in cui presenta opere in vetro e metallo di grande rigore strutturale ed esecutivo.



gianfranco peiretti

titolo: "composizione" - 1990 torino 1952. vive a moncaglieri. architetto, realizza le prime opere inoggettive nel 1955. affronta le problematiche dell?arte costruita bi e tridimensionale attraverso l?uso di campiture piatte, forme dalle trasparenze "strutturali" e toni cromatici graduali.



vincenzo pellitta

titolo: "concetto cronotopico 36" - 2001

rotondella 1948. vive a vigevano. agli inizi degli anni 70 frequenta uno studio di artisti pavesi con i quali espone e approfondisce la tecnica del colore in chiave chiarista. nel 79 è cofondatore del gruppo " la nuova dimensione", pavia e nell?89 del gruppo "tempo zero", vigevano. nel 92 recupera interesse per l?elemento estetico-tecnologico sollecitato dalla suo lavoro: trasformazione del materiale. sovente ricava il disegno dal binomio pieno-vuoto attraverso tranciatura su metallo con punzonatrici computerizzate. con le opere "concetti cronotopici" lega astrattamente "spazio-tempo".



jorge pereira

titolo: "multi-espacial" - 2004

la plata - argentina 1936. del 58 sono le prime sperimentazioni plastiche e di disegno. nel 1960 è membro del "gruppo vi" (vision integral). dal 64 al 75 è professore di grafica e comunicazione visiva. le sue pitture multispaziali sono una delle ramificazioni di quell'unica corrente "costruttivo-sperimentale" argentina e più in generale (sud)americana. più superfici ortogonali, sovente verticalizzate e bianche si aprono e relazionano nello spazio dipinte a partire dalla profondità data dal rilievo dell'opera con colori primari e complementari che si susseguono senza sovrapporsi ma come scossi nel loro sviluppo lineare e formale. le opere più recenti conservano la nitidezza e il rigore dell'astrazione geometrica. alla sicvurezza formale vengono però aggiunti elementi di instabilità



giorgio peretti

titolo: "triangoli nel triangolo" - 2002

vicenza 1937. vive a creazzo. studia all'accademia internazionale di salisburgo. è cofondatore del gruppo "la bilancia" e partecipa ai gruppi "internazionale di tendenze" e "archittetture dell?immaginario". le prime opere inoggettive sono del 1980. attua una ricerca in cui lo spazio è luogo operativo dentro il quale interviene con i colori piatti. ne risulta un sistema strutturato che organizza le tre forme geometriche fondamentali, sottratte alle leggi prospettiche.



jelena peric

titolo: senza titolo - 1994

san pietroburgo - russia 1962. vive a zagabria dove compie studi artistici. le prime opere inoggettive sono del 1985. inizialmente espone opere monocrome di velato lirismo. prosegue e contemporaneamente supera le ricerche ormai storiche intraprese da "nuova tendenza". lo spazio e la realzione sono gli elementi base delle sue opere. più elementi interdipendenti concorrono infatti alla loro strutturazione. le forme geometriche pure e il colore si concretizzano in monocromie con la scelta preferenziale del rosso. per la mostra 100x100xarte struktura la costruzione si definisce in una serie di quadrati di dimensioni uguali, collocati ortogonalmente nello spazio in una successione determinata da un rapporto matematico sia interno che esterno (quadrato-spazio della superficie del muro).



giovanna perillo

titolo: "obsoleto" - 2000

napoli 1953. intraprende studi artistici prima a roma. segue corsi di disegno al museo di napoli. dopo un breve periodo surreale approda all'oggetto geometrico inventato decostruttivo-costruttivo. di recente "presupponendo la spazialità della tela come infinita vi immobilizza oggetti immaginifici in una frazione infinitesimale di tempo ma da supporre in costante movimento di apertura e chiusura". espone dal 1985. dell'88 è la mostra a palazzo valentini, roma con spengler e daan. nel '98 è presente a molte iniziative del "trevi flash art museum"e, nel 99, alla biennale d'arte contemporanea di firenze.



antonio perrottelli

titolo: "geometria in movimento madi "- 1999

napoli 1946. compie gli studi all?accademia di belle arti di napoli. insegna educazione artistica e collabora al centro di rieducazione mentale asl. sempre a napoli aderisce a vari gruppi e movimenti. degli anni 80 sono le prime opere inoggettive. dagli anni 90 sovrappone, attraverso complesse composizioni, piani dalla forma vettorialmente indirizzata che ci relazionano con una dimensione spazio-temporale con rimandi alla instabilità percettiva. usa materiali acrilici o tradizionali compresa l?acqua. dal 98 è attivo nel movimento madi.



gloria persiani

titolo: senza titolo - 1993

roma 1936. vive a roma. studi artistici. realizza le prime opere inoggettive nel '76. intraprende una ricerca sulla forma primigenia a spirale. inventa uno "pseudopentagramma" che, realizzato in metallo, origina una serie di strumenti-mobiles. in queste strutture inserisce delle "larve", sculture non mobili che evocano forme primitive acquatiche. prosegue nella ricerca e uso di sempre nuovi materiali, dalle resine sintetiche all'alluminio al plexiglass con un'attenzione rivolta non solo alla nuova tecnologia ma ad un recupero postmoderno del materiale. è attiva nel settore "libri d?artista".



nicolò perusino

titolo: senza titolo - 1996

milano 1948. vive a losanna. insegna. realizza le prime opere inoggettive nel 1976. le sue costruzioni sono il risultato di ricerche nel campo della geometria e della matematica; con bande curve crea architetture ellissoidali in equilibrio con lo spazio immaginario. movimenti ondulatori illusori dinamizzano la struttura il materiale privilegiato é il bronzo. del 2006 è la mostra a castell'arquato "suggestioni d'estate" in favore dei bambini colpiti dallo tsunami



ivan picelj
okucani, 1924. studi artistici a zagabria. vive a zagabria. è pittore, printmaker, scultore e designer, figura di primo piano delle avanguardie europee degli anni sessanta. già nel 1951 è cofoundatore del famoso gruppo jugoslavo "exat '51" dove con lui sono architetti e artisti. nel 1961 è cofoundatore del movimento internazionale "nouvelle tendance" con il quale zagabria si trova ad essere un centro del nuovo costruttivismo europeo e optical-art. le sue ricerche si concretizzano sulla programmazione e serialità. imposta le sue opere impiegando la ripetizione. su principi algoritmici che ritiene ideali , elabora forme sfruttando le possibilità della permutazione... dall'immagine dominante ottenuta da microstrutture ha origine quindi la dialettica cinetica. del 2001 è la mostra "julije knifer ivan picelj op posizione croata" allo starter onlus di milano.


lorenzo piemonti

titolo: "cromoplastico madi 759" - 2004

carate brianza 1935. vive a carate brianza. affascinato dal suprematismo, costruttivismo e concretismo dal '65 al '75 è in svizzera dove ha rapporti con alcuni protagonisti del costruttivismo-concreto. del 1968 sono le prime opere non oggettive. nel 1991 partecipa alla prima mostra degli artisti madi italiani a milano (arte struktura). i risultati plastici traggono dal numero la loro matrice prima e svolgono, in progressione tridimensionale, le molteplici variazioni di una sequenza numerica. elementi caratterizzanti dei "cromoplastici" sono la diagonale, i rilievi e il colore.



attilio pierelli

titolo: senza titolo - 1996 sasso di serra san quirico 1924. vive a bormazzo e a roma. realizza le prime opere inoggettive nel 1963. studia filosofia e si interessa di fisica del microcosmo. fonda il movimento "dimensionalità", fa parte del centro internazionale "comparazione sintesi". dal '79 realizza opere in acciaio definite "teoria degli universi": riflessi molteplici, sottilmente calcolati per la rifrangenza della luce sulle superfici lucide. giunge alla definizione di iperspazio mediante imprevedibili forme autonome date dall'uso di accaio speculare. nelle sculture realizza alcuni rapporti tra spazio e cosmologia, tra realtà e l'immagine deformata mediante la luce. privilegia l'acciaio e una visione scientista.



daniele pieretti

titolo: "labirinto quadrato 1" - 2000

vasteras lubdy - svezia 1977. compie studi classici e di ingegneria informatica. vive a grottazzolina, italia. del 97 è la prima opera inoggettiva. nel 1999 espone allo studio pupilli di grottazzolina . indaga l'insidioso e problematico passaggio dal digitale all'analogico con attenzione ai materiali il cui uso, non immune da errori, prevede competenze tecniche e culturali non solo informatiche. pur usufruendo delle tecnologie e conoscenze più avanzate intende l?opera d?arte in una complessità intesa in senso classico.



marcello pietrangeli

titolo: "de-constructione n.0" - 1995

brescia 1962. vive a milano. architetto, insegna al politecnico di milano e a berlino. del 1987 sono le prime opere inoggettive. approfondisce le tematiche del decostruttivismo. nel 1988 partecipa a "the a.i.c. symposium colour in environmental design" a wintethur con il gruppo di ricerca del politecnico di milano coordinato da attilio marcolli, poi presentato in molte sedi internazionali. propone forme geometriche, ed in particolare il cerchio, sequenze in trasparenza e loro evoluzione rotatoria.



marco pignatti

titolo: "lipsia" - 2002

novara 1958. vive a vigevano. compie studi tecnico-commerciali. autodidatta, da sempre attratto dall? arte, ha dapprima interessi figurativo-impressionistici per poi avvicinarsi all'optical art. frequenta arte struktura e la fondazione calderara. studia il sistema visivo post immagine. orientato per un certo periodo verso la transavangurdia tedesca e slava torna alla geometria nel 94. compone fasce asimmetriche, simili a triangoli estroflessi per il vertice, che si incontrano, scontrano, sovrappongono creando instabilità visiva.



marta pilone

titolo: "struttura " (manipolabile) - 1999

portici (napoli) 1947. studi artistici a napoli e di incisione di corallo a torre del greco. vive a bellavista. dall'82 all'84 collabora a stage e incontri internazionali d'arte contemporanea ad anacapri. è redattrice della rivista "arte cultura". dagli anni 90 evidenzia l'equilibrio dinamico delle sagome curvilinee cui affida l'invenzione di geometrie naturali, libere, variabili nel senso e percettivamente. troviamo sovrapposti, in rilievo o contenuti, cerchi concentrici talvolta fissati e deassati, corone circolari, sezioni di archi. utilizza forme e materiali sia tecnologici che tradizionali come il legno. dal 1998 fa parte del movimento madi italia.



gaetano pinna

titolo: "701 dialettico madi verde" - 2003

sassari 1939. vive a verona dove insegna. le prime opere inoggettive sono del 1972. affronta i problemi della percezione visiva con ricerche su movimento, profondità di campo e visione talvolta costretta in sezioni longitudinali estremamente limitate. articola strutture bi-tridimensionali in spazi virtuali, che concretizza talora con fili di nylon, acciaio o alluminio. le sculture collocate in spazi aperti e pubblici coinvolgono con rimandi ambientali e percettivi. ricorre ad una rigorosa metodologia applicata a sovrapposizioni di piani, volumi, ricavati da calcoli matematici razionali e casuali. ha condotto ricerche su composizioni geometriche frazionate. registra indici di profondità forniti dalla parallasse di movimento. fa parte del "movimento internazionale madi italia".



osvaldo poggio

titolo: "dinamica dal centro folace" - 1996

spinetta marengo 1931. studi artistici a torino. le prime opere inoggettive sono del 1962. nelle operatività tridimensionale la geometria gioca il ruolo di momento razionale e strutturante, con un interesse totale verso una materia tipicamente seriale in dinamiche di aggregazione programmata.



ferruccio polacco

titolo: senza titolo - 1988

ferrara 1917. si trasferisce a venezia. studia scienze politiche a padova. emigrato in argentina vive a buenos aires. autodidatta, dagli anni 50 realizza sculture con materiali acrilici e tradizionali. qualità dei materiali e una trasparenza che agisce come "moltiplicatore di ritmo", concorrono ad una poetica serena ed armonica: quasi una classicità contemporanea. ricorre a cellule o moduli affiancati ritmicamente, disposti nello spazio e sottoposti a nette cesure. traduce, attraverso la tecnica e la nuova sensibilità contemporanea, ciò che corrisponde all'esperienza culturale del passato.



rogelio polesello

titolo: "lobo" - 1999

buenos aires - argentina 1939. agli anni 50 risalgono le prime esposizioni con sculture in acrilico. composizione e trattamento della materia concorrono a risultati di grande impatto visivo e sintetico. su di un piano formale con allusioni alla consistenza del reale trasloca astrazioni cromatiche e trasparenze. simmetrie, partizioni in bianco e nero e colore possono così coesistere in una stessa opera. in alcuni lavori degli anni 90 la percezione dimensionale si misura con la sovrapposizione della stessa immagine della composizione in una diversa scala di grandezze con effetto di contrazione o dilatazione del campo "visivo".



yves popet

titolo: senza titolo - 1995

reims - francia 1946. vive a parigi. le prime opere inoggettive sono del 1974. le composizioni sono basate su degli squilibri, piani leggermente obliqui, che contraddicono la stabilità dei piani monocromi. verso il 1987 linee sottili suggeriscono tagli e dinamizzano il quadrato, per divenire in seguito piani con ritmi verticali, decentrati.



valentina povarova

titolo: senza titolo - 1998

san pietroburgo - russia 1933-2007. compie studi artistici con insegnanti della scuola maleviciana a san pietroburgo. vive e insegna arte a san pietroburgo. artista non conformista, "undergraund", è presente in esposizioni non ufficiali dal 1965 all?89. dell?89 è la sua prima mostra ufficiale a san pietroburgo. sue opere sono presenti in alcuni musei russi e in collezioni private negli stati uniti, spagna, polonia e israele. nel suo lavoro l?astrazione per certi versi si collega ad una dialettica di impianto hegeliano nella tensione tra idealità e suo concretarsi.



vittorio presepi

titolo: "decrescente" - 2005

lavora a cesena. le sue opere sono frutto di un rapporto di mediazione culturale con giorgio villa. realizza composte sculture in carta, rilievi, origami. dai rilievi partono minimali sequenze e fughe diagonali di quadrati che creano giochi di ombre e luci su una superficie di norma bianca. del 2004 è la partecipazione al progetto didattico "pieghevole 2- ante" a cesena, nell'ambito dell'iniziativa "a scuola nel museo".



salvador presta

titolo: "per anna" - 1993

cosenza 1925. vive a sesto san giovanni (mi). nel 1927 è condotto dai genitori in argentina dove risiede fino al 1965. fin dal 1943 svolge un'azione d'avanguardia con gli amici e primi astattisti, carmelo arden quin, tomàs maldonado, gyula kosice e lucio fontana. pittore, scultore, poeta, in argentina è fondatore del movimento "costructivo-arquitectural", la rivista "realizaciones". tra le sue pubblicazioni "arte argentino actual" e molti saggi. le prime opere inoggettive sono del 1946. la ricerca artistica di punta, non disgiunta dall'impegno politico-sociale, lo porteranno a lasciare il suo paese. è quindi inizialmente ospite di lucio fontana a milano per poi trasferirsi a genova dove insegna e da vita ad un primo movimento madi in italia che nel '90 rifonderà a milano. da un bianco su bianco iniziale propone fughe di segmenti, tratteggi luminosi, forme poligonali e coplanali in progressione cromatica. elementi bi-tridimensionali relazionati nello spazio concorrono ad ampliare il campo percettivo e cromatico.



carla prina

titolo: "trasparenze triangolari" - 1990

como 1911. vive a cossonay ville. studi artistici all'accademia di brera. appartiene all'ultima generazione futurista italiana. fa parte del gruppo degli astrattisti di como e del gruppo "antonio sant'elia". figura di rilievo del panorama artistico del tempo. le prime opere inoggettive sono del 1940. evidenzia un ordine geometrico nella ripartazione del colore. linee e superfici piane si confrontano talvolta con cerchi che dinamizzano il raccordo ottico generale dell'opera; propone segmenti a fughe compenetrate, dove il colore si satura in opposizioni e rinvii.



giuseppe profumo

titolo: "senza titolo" - 1992 so genova 1929. vive a genova. le prime opere inoggettive sono del 1970; caratteristica della sua ricerca è la monocromia, sulla quale scandisce tonalità per costruire immagini ricavate dalla geometria. divide il campo con bande orizzontali e verticali, degradanti che accentuano la forma costruita.



henri prosi

titolo: "lill" - 1999

metz - francia 1936. studia arti applicate e arte murale a metz. vive a parigi. nel 65 partecipa a "réalités nouvelles". dagli anni 70 con la serie "progressions" utilizza elementi semplici: forme, superfici, colori primari per evidenziarne nella "serie" e nell? iterazione con lo spazio esterno le possibilità plastiche, associative e combinatorie. nel 92 partecipa al movimento madi. introduce un?aleatorietà calcolata e la variazione come moltiplicatore di possibilità. già dal 77 alla struttura ortogonale affianca strutturazioni in parte o del tutto non ortogonali. nel 92 partecipa al "movimento madi francia"




domenico pupilli

titolo: "supremazia dei neri"- 2004 grottazzolina 1943. vive a grottazzolina. laureato, insegna. la prime opere inoggettive sono del 1980. realizza collage prelevando dall'intonaco di case coloniche polveri poi setacciate sul verso collatodi etichette rettangolari di varia dimensione. attraverso articolati procedimenti di rotazione, intersezione e sovrapposizione della forma circolare, configura poligoni stellari, composizioni di lunule circolari. costruisce cicli di opere, avvalzandosi di scarti delle industre d?imballaggio, residui di fustellatura, montati a collages.




milena rigolli

titolo: "dodecaedro" - 2000

vive a terenza, piacenza. dopo gli studi frequenta l'ambiente artistico milanese. nell'85 realizza lavori con materiale fotografico. negli anni 90 vive alcuni anni nei dintorni di parigi. verso la fine anni 90 espone da sincron (bs). presenta quindi una retrospettiva a castell?arquato piacentino. da un esordio con commistioni esoterico-"scientiste" passa a rappresentazioni su base matematico descrittiva e algoritmica. usa scrupolosamente pigmenti non sintetici.



julian henryk raczko

titolo: "senza titolo" - 2000/1

nasce a varsavia nel 1936 dove vive. studi di ingegneria, pittura, meccanica e tecnologici. nel '65 è membro della zpap. tra le esposizioni: "nuovo movimento", parigi 1973; "l'astrazione analitica polacca". 1994-95; "hommage a stazewski", chicago 1995. si avvale di conoscenze scientifiche e tecnologiche attraverso cui affronta razionalmente ma con moderna sensibilità problemi ontologici che furono della religione. considera qualsiasi progresso e trasformazione "risultato di perturbazioni nel generale, perpetuo tendere verso l'armonia", una questione di statica e simmetria.



marek radke

titolo: "senza titolo" -

olsztyn, polonia 1952. studi artistici e di pedagogia. nel 1983 è in finlandia e nell'84 in germania. espone dagli anni ottanta. nell'81 partecipa ad "ars polonia" a varsavia; nel '94 ad "astrazione analitica polacca" galleria awangarda, wroclaw; nel '96 ad "un metro per l'arte" a lodz e in altre città. del 2001 è la mostra "reduziert" alla statiche turmgalerie coesfeld. nelle sue opere affianca problemi gestaltici a temi sollevati dal costruttivismo, suprematismo, bauhaus.



giancarlo raina

titolo: "sezionatura del triangolo" - 2000

sale 1948. vive ad alessandria dove è insegnante. le prime sculture astratto-geometriche sono del 1985. privilegia la lavorazione del marmo con opere basate su forti contrasti formali, una ricerca della misura tra forme e spazi. le strutture rimandano ad una libera interpretazione della geometria attraverso riferimenti simbolici.



davor rapaic

titolo: "senza titolo" -

roden, croazia 1961. vive a zagabria. del 2006 a rovigno è la partecipazione alla mostra atelier sotto la volta del cielo "grisia", dal nome della via e concetto di repubblica artistica: galleria strada e strada galleria, intesa come il luogo più democratico del mondo.



mauro reggiani

titolo: "" -





hilda reich duse

titolo: "struttura" - 1985

milano 1923/2000 gravellona toce. pittrice, ideatrice di giochi plastici, poetessa, danzatrice del gruppo jia ruskaja. ha interessi musicali in campo sperimentale. a metà degli anni sessanta realizza le prime opere inoggettive dove il geometrico si articola in figure plurimepolivalenti. negli interplastici azionabili il pubblico è invitato a prendere parte alle modificazioni dell'opera. esplora le varie ipotesi cromatiche scaturite dalla scomposizione e ricomposizione di una data forma. ha aderito al movimento madi italia dal momento della sua formazione a milano nel 1991.



laura remoli

titolo: "calore" - 2003





pasquale rhusso

titolo: "senza titolo" - 1990

andreatta 1939. vive a milano dove è insegnante. le prime opere inoggettive sono del 1983. le sculture si strutturano nel rapporto equilibrio-movimento, inteso come presenza attiva nello spazio, e nell'utilizzo di moduli e misure compositive che imprimono tensione espressiva. predilige il bronzo lucido e patinato. suo obiettivo primario è liberare la scultura dal peso per poterla integrare nell'ambiente. costruisce modelli prototipo per opere su più larga scala.



milena rigolli

titolo: "dodecaedro" - 2000

vive a terenza, piacenza. dopo gli studi frequenta l?ambiente artistico milanese. nell'85 realizza lavori con materiale fotografico. negli anni 90 vive alcuni anni nei dintorni di parigi. verso la fine anni 90 espone da sincron (bs). presenta quindi una retrospettiva a castell?arquato piacentino. da un esordio con commistioni esoterico-"scientiste" passa a rappresentazioni su base matematico descrittiva e algoritmica. usa scrupolosamente pigmenti non sintetici.



bridget louise riley

londra 1931. studi artistici a londra. verso gli anni cinquanta inizia a produrre, con uno stile inconfondibile, opere caratterizzate da varie forme geometriche in bianco e nero. si interessa principalmente agli effetti ottici pervenendo a vibranti opere cinetiche con andamenti curvilinei coinvolgenti il pubblico sia percettivamente che nello spazio. nel 1965 espone alla mostra "responsive eye" a new york, una sua opera è riprodotta nella copertina del catalogo della mostra. dalla metà degli anni 80 il suo lavoro risulta orientato anche diagonalmente.



romano rizzato

titolo: "linee curve segmantate traversalmente" - 2003

milano 1936. vive a milano. le prime opere inoggettive sono del 1959: segni lineari in progressione con effetti di compenetrazione. l'opera nella sua varietà determina un'esperienza visiva stimolante, sviluppa lo spazio adottando combinazioni di moduli in duplice e triplice successione. usa diversi tipi di carta, superfici texturizzate, trasparenze cromatiche. il cromatismo, in alcuni periodi ristretto al bianco, nero e rosso oppure a coppie complementari, si arricchisce di scale di grigi che, in gradazioni più basse, favoriscono la riduzione dei contrasti. conduce il suo lavoro"non tanto per esprimere contraddizioni psicologiche, politiche o mistiche, quanto un'unità fisico-corporea morale..." tendente "a liberare quanto di più corrispondente e costitutivo, attraverso immagini, valori generali non utopistici ma realizzabili..." (rizzato)



jaume rocamora

titolo: "quadrato giallo" - 1998

tortosa, spagna, 1946. frequenta la scuola d'arte. segue i principi dell'astrazione geometrica. interpreta il linguaggio delle avanguardie storiche attraverso il riduzionismo formale, cromatico, materico. simmetria, asimmetria, alternanza di presenza e assenza, manipolazione degli elementi caratterizzano le sue composizioni. si tratta di opere bidimensionali o rilievi in cartoncino naturale, colorato anche riciclato. il colore considerato come spazio puro, in opere recenti come "thalassa", è assunto come presenza primordiale e riferimento alla classicità.



eduardo rodriguez

titolo: "arabesco luminico" -
1999

buenos aires 1934. nel 1967 ottiene una borsa di studi per l'europa. del '70 è la sua partecipazione alla biennale d'arte srgentina medellin. artista cinetico, condivide il ruolo del pubblico, intende l'arte sia come espressione razionale, attività intellettuale, che sensoriale. il suo interesse a misurarsi con i materiali contemporanei lo portano ad usare l'acrilico cristal, a cui imprime torsioni. invita ad una riflessione sulla geometria differenziale e sul problema del nastro di moebius.



renée rohr

titolo: "alpha" - 2005

nasce a caen, francia. vive a bruxelles. studi artistici, in particolare di scultura, all'accademia di belle arti di bruxelles. lavora materiali differenti come il bronzo e l'acciaio. dopo anni di esperienza su questi materiali decide di interessarsi alla minor rigidità del cautchouc. con questo nuovo materiale sperimenta nuove vie di espressione. lavora nel mondo della tapezzeria apportando un nuovo sguardo artistico anche in quel settore della produzione industriale.



volf roitman

titolo: "oblò madi" - 1992

montevideo, uruguay 1930. vive a barcellona, parigi e negli stati uniti. le prime opere inoggettive sono del 1950. si dedica alla poesia, teatro, pittura, scultura. partecipa alla realizzazione della rivista "contemporanea" e al gruppo "arte concreto invencion". introduce la filosofia del madi-ludico in architettura, concetto acquisito attraverso i suoi collages tridimensionali e i tagli impressi con il laser. realizza forme poligonali caratterizzate dalla molteplicità degli elementi sovrapposti, affiancati, in legno o metallo, cartone e carta dai colori intensi e piatti. fa uso di materiali e tecniche avanzate. compare tra i teorici e fondatori del movimento madi internazionale.



roel rolleman

titolo: "zt 36" - 2004

studi artistici ad anversa. per vent'anni lavora come graphic-design in belgio e paesi bassi. prosegue e approfondisce quindi individualmente la sua ricerca artistica. la struttura delle sue opere tende ad un equilibrio di forme ortogonali e diagonali. l'intersecarsi di queste figure non è statico ma crea campi gestaltici caratterizzati da instabilità percettiva. l'uso del colore è sovente limitato al bianco e nero e le numerose sfumature di grigio. recentemente ha partecipato a mostre dal movimento madi internazionale.



sergio ronzani

titolo: "arcobaleno su cd" - 2002

marostica 1935. vive a vicenza dove insegna storia dell'arte. studi artistici a firenze. dagli anni settanta segue con interesse le ricerche che si confrontano con le tematiche storiche sollevate dall'arte costruita, concreta e cinetica. espone dagli anni 90. utilizza la luce, il computer, la fotografia e mezzi più convenzionali. compone definendo qualità formali in continuo divenire e diversa estensione. pone particolare attenzione all'elemento combinatorio applicato su più piani.



giuseppe rosa

titolo: "gr-mt" - 1996

villimpenta 1948. vive a villimpenta. studia a milano. dagli anni novanta evidenzia attenzione per la strutturazione dei vari elementi: forma-colore, interazione con lo spazio circostante, cesure-aperture. lavora il legno sia naturale che colorato più o meno smussato e levigato. è interessato all'opera come struttura autonoma che rompe i limiti convenzionali del quadrato e interagisce con lo spazio fisico circostante. dal '99 la funzione compositiva legata al limite dell'opera e alla sua relazione esterna, lo portano ad aderire al movimento madi.



horacio garcia rossi

titolo: "couleur lumière n.13" -

buenos aires, argentina 1929 - parigi 5 settembre 2012. nel 1959 realizza le prime opere inoggettive. è cofondatore del gruppo di ricerca d'arte visiva "g.r.a.v.". realizza opere cinetiche dove lo spettatore è stimolato nella fruizione dell'opera. lavori, nonostante bidimensionali, a campiture piatte susseguenti e concentriche si relazionano ostinatamente e fisicamente a partire da elementi base fino a far emergere il "colore-luce". un cromatismo quasi fluorescente risulta quindi definito da strutture geometriche: la linea, il quadrato o il cerchio, per lo più su fondo nero.



gisella rossi

titolo: "sovrapposizioni" - 2001

monte vidon combatte 1962. compie studi artistici. del 2007 è la sua partecipazione alla rassegna internazionale g.b.salvi nel palazzo della procura di sassoferrato.



claudio rotta loria

titolo: "spazio di tensioni" - 1994

torino 1949. vive a torino. dopo gli studi artistici si laurea in filosofia. negli anni sessanta è cofondatore del gruppo "ti zero" di torino che si caratterizza in quanto presenza critica nel territorio. realizza interventi d'ambiente e installazioni in cui accentua il dinamismo delle superfici e l'abiguità plastico-strutturale anche con l'impiego del colore, con le sagome dei supporti aggettate e con fili che ne sottolineano gli spazi. concepisce il concetto di "estensione indefinita", "ekstasis" dello spazio pittorico. ritiene che "il cosmo nasca dall'insostenibile attrazione ierogamica tra vibrazione e tensione".



jean claude rossel

titolo: "senza titolo" - 1991

monbéliard 1940. vive a roquebrune cap martin. studia a parigi e realizza le prime opere inoggettive nel 1972. le sculture sono costruzioni di monocromi blue o architetture dai piani contrastati obliqui, orizzontali, trapezoidali. dinamiche sono le forme geometriche nei colori primari.



eliseo rovatti

titolo: "arcobaleno su cd" - 2001

rijeka (fiume) 1949. vive a milano. studi artistici e tecnici. geometra prosegue la scuola d'arte e mestieri del castello sforzesco di milano. lavora con spozio nella ?fumosa periferia milanese? da cui l?amore per sironi e le sue "case dormitorio". lavora come grafico alla mondadori. apprezza dalì e magritte. si dedica al fumetto e all'editoria per ragazzi quindi alla ricerca fotografica e computer-art. nel suo lavoro ?la discrezione, il controllo, l'intimità del contatto tra l?originale e lo strumento tecnologico indicano un sentiero lontanissimo dal neo-brutalismo o dagli opposti manierismi della computer-art.?



nelly rudin

titolo: "no 4l" - 1999

basilea 1928 dove studia all?istituto d?arte e si specializza in grafica pubblicitaria. vive a uitikon (zurigo). dal 64 cerca di trasferire il principio "meno é più" dalle arti applicate alla creatività artistica. dal 76 passa dal bi al tridimensionale fino a disporre liberamente oggetti nello spazio. gli ultimi lavori sono prismi trasparenti in metacrilicato sulle cui facce esterne corrono linee colorate sottoposte a rifrazione a seconda del punto di vista. l'immagine di queste risulta così sovrapposta, scomposta e cromaticamente mediata. interpreta il suo lavoro come una specie di "ecologia ottica" in contrapposizione al "caos visivo che ci avviluppa".



laura ruggeri

titolo: "sulla profondità 8" - 1990

casarile 1965. vive a melegnano. studi classici, in comunicazione audiovisiva e produzione di immagini. realizza le prime opere inoggettive nel 1987. collaborazioni in campo grafico per importanti case automobilistiche. nel 96 partecipa alla mostra "mappe '96" nello spazio "care of" a cusano milanino nell'ambito di una serie di laboratori organizzati dal progetto giovani del comune di milano. del 1997 è la mostra personale al künstlerhaus bethanien di berlino. affronta le problematiche sulla metodologia della visione. interessata alle teorie cromatico-percettive ricerca e sviluppa un linguaggio concreto sulla base della diagonalità.



franco russo

titolo: "senza titolo" - 2004

palermo 1951. da un esordio figurativo e informale negli anni 90 giunge a realizzare le prime opere astratte. la svolta decisiva lo porta a misurarsi con lavori ispirati da una rigorosa ricerca sull'arte concreta contemporanea. del 95 è la mostra allo studio 71 di palermo. nella costruzione dell'opera di impianto chiaramente geometrico, razionale mai ridondante, sezioni lineari si alternano e sovrappongono ad altre circolari o curvilinee con scale di grigi e trasparenze sottolineate da un deciso ed efficace uso cromatico. si spinge a risolvere il problema dei limiti imposti nell'utilizzo di una determinata tecnica e materiale cercando soluzioni concrete, adeguate e non convenzionali. collaborazioni con riviste anche musicali.





titolo: "" -







anna sacerdote

titolo: senza titolo - 2004

nasce a roma. vive a buenos aires. studia arte a buenos aires. pratica per breve tempo la scultura e frequenta un corso di composizione plastica. ottiene una borsa di studio dal governo francese. dal 1974 si occupa di programmazione, informatica e disegno sperimentale per computer. interessata alla nuova tecnologia nel 56 collabora alla rivista "arte nuevo". ha scritto testi sull'arte cinetica e disegno computerizzato nella rivista "leonardo". in occasione della biennale di sao paulo del 65 ha realizzato la cineanimazione "pelicula abstacta". nell'89 collabora con m.zago editor con "note sulla programmazione creativa su graphic-computer"



massimo salvadori

titolo:

vive a casale monferrato. negli anni 90, attratto dalla storia dell'arte cinetica, realizza le sue prime opere optical senza particolari precisazioni teoriche. ha interessi musicali. realizza strutture continue determinate matematicamente. predilige il bianco e nero e i colori primari oppure tonalità fluorescenti emergenti da fulcri visivi e scacchiere ipotetiche che si aprono a spazi virtuali.


sergio sansevrino

titolo: "upplayer up lover" - 2003

milano 1965. studi artistici a brera (milano). lavora per cicli. i "manoscritti" del 2006 sono una sequenza di tele in juta dove è evidente una ricerca segnica in atto da anni. la materia del colore ad olio appare stratificata. l'ampiezza delle campiture per lo più indeterminate e limitate a una o due zone in composizioni formali appena abbozzate, nelle ultime opere "appare ridotta e moltiplicata" (ridotta l'ampiezza e moltiplicate le campiture). parallelamente dagli anni 90 realizza opere tridimensionali memori delle ormai storiche esperienze milanesi sulla tela estroflessa che ripropone in chiave meno rigorosa. fa parte dello studio d'arte concezione.



romano santucci

titolo: senza titolo - 1993

roma. 1934. è compositore di musica jazz e sassofonista. ha interessi letterari e poetici. le prime opere inoggettive sono del 1965. la sua attenzione è rivolta soprattutto ai problemi legati al rapporto colore-razionalità. la ricerca perviene a soluzioni astratto-geometriche caratterizzate dall'intervento del cerchio, e da linee curve delimitate da forme geometriche anche in sequenze. le opere presentano combinazioni armoniche di tenui tonalità cromatiche. nel 2004 a peschiera borromeo, centro polifunzionale sandro pertini, alcune sue opere sono esposte nella mostra "musica dei colori, le opere di giampiero prina".



natale sapone

titolo: senza titolo - 1990

reggio calabria 1931-franunfeld 2002. ha vissuto a franunfeld, svizzera. studi artistici all'accademia di brera. nel 1947 si trasferisce in svizzera dove sarà molto apprezzato. le prime opere inoggettive sono del 1972. nella rete dei quadrati introduce forme circolari che si intersecano con effetti tridimensionali. realizza srtutture a tre dimensioni in alluminio, legno, ceramica. si concentra sul pentagono analizzandone le possibili varianti costruttive. propone riflessioni sul concetto di numero irrazionale. la città natale nel 2006 gli dedica l'associazione "opere di natale sapone" per promuovere la conoscenza delle sue opere e ricerche.



sato satoru

titolo:

miyagi-giappone 1945. studi artistici a tokio e parigi dove vive. nel 73 inizia un sodalizio con michel seuphor e kejiro okamoto. dal 76 realizza diverse opere monumentali in italia, francia , giappone. supera il platonismo ancora presente in molta astrazione. analizza le strutture del lavoro razionalmente facendo dell?espressione stessa il suo soggetto e ideale in conformità al materiale. sovente restringe l?uso del colore al bianco-nero e legno naturale in una combinazione di strutture verticali e orizzontali collocate nello spazio. fa parte del movimento madi internazionale francese.



gualtiero savelli

titolo: "diagonale nero-bianco" - 2001

roma 1942. studi in psicologia e filosofia. vive a roma. dagli anni 70 si interessa di problemi di percezione visiva. al 76 risalgono le prime opere astratte e all? 80 alcune esposizioni in italia ed europa. evita l'illusionismo pittorico approfondendo le possibilità generate dai limiti e canoni di una poetica codificata in un contesto dialettico. l'esigenza di "nettezza" e rigore si affianca all'attenzione alle valenze filosofiche che l'icona può sollevare.



janos saxon szasz

titolo: the little - 1999

tarpa, ungheria 1964. vive a budapest. dopo gli studi tecnici si occupa di editoria d'arte. cura la pubblicazione "madi art periodical". partecipa attivamente alla organizzazione e divulgazione del movimento madi ungherese. organizzatore dell'euro festival madi a gyor, ungheria è attivo nel gruppo "arnyekkotok" co-media. realizza opere pluri-dimensionali ispirandosi all'arte plastica costruttivista. nei lavori più recenti ha affrontato il problema dimensionale aprendo nuove possibilità alla composizione e costruzione artistica. talvolta nella sua opera sono presenti alcuni riferimenti simbolici. fa parte del movimento madi internazionali ungherese.



giuseppe schepis

titolo: "obliquità n.1" - 1995 catania 1964. vive a milano dove intraprende studi di ingegneria. nella seconda metà degli anni 80 inizia ricerche sull'arte costruttiva. nel 91 realizza le prime opere inoggettive. la formazione scientifica lo porta ad affrontare gli aspetti teorici del colore affrontato sia dal punto di vista fisico che percettivo. a partire dallo studio sulla forma delle strutture geometriche elementari trasforma l'immagine reale e illusoria attraverso effetti di chiaroscuro, contrasti simultanei e trasparenze. nella declinazione di uno stesso problema propone relazioni concrete e percettive.



nicol schoffer



paolo scirpa

titolo: "ludoscopio" - 1990

siracusa 1934. vive a milano. è docente a bologna e all'accademia di brera. con un sistema di luci al neon propone iper-spazi simulando fughe prospettiche all'infinito: i "ludoscopi". l'elemento caratterizzante è la luce autogena, opera essa stessa. negli anni seguenti conduce diverse esperienze avvalendosi dell'uso del computer e di moderne tecnologie. parallelamente porta avanti una critica moralistica contro il consumismo. negli anni 80 sviluppa i suoi primi interventi progettuali sul territorio con fotomontaggi di opere pittoriche, architettoniche e urbanistiche. nel 1990 è invitato al simposio patrocinato dall'unesco "nuove tecnologie ed arte, radici scientifiche dell'estetica".



alfredo sciuto

titolo: "ideotrama" - 1998

acireale 1968. vive a berlino e catania. studi artistici a milano dove frequenta lo studio di pomodoro. a partire dagli anni 90 si avvicina ai principi dell'arte costruttiva. progetta e realizza strutture per l'illuminazione di interni che presenta in spazi artistici e propone all'industria. nel 97 collabora all'allestimento della mostra "c.c.c.+nuova visualità" joung museum, revere. nel 2001 si trasferisce nella banlieu berlinese dove collabora con altri artisti e spazi culturali operanti nel territorio. realizza "maschere" di forte impatto sia percettivo che comunicativo che indossa in luoghi pubblici ed eventi utilizzando materiali tecnologici riciclati o prelevati dal mondo contemporaneo con l'intento di proporre alternative non prive d'ironia al loro uso corrente come nell'opera "bara per astronauti".



massimo scoditti

titolo: "bms n27" - 2004

mesagne 1952. vive a porto in portogallo. studi artistici e di architettura a roma. del 1976 sono le prime opere inoggettive. nella sua ricerca lo spazio è un reticolo ortogonale composto da piccolissimi quadrati racchiusi in altri quadrati secondo il codice di esatte proporzioni, basate sul concetto di identità qualitativa tra grande e piccolo. prosegue la ricerca dello spazio pieno evidenziando il rapporto di simmetrie che sembrano essere in attesa di mutare: un caos apparente tendente all'ordine. parallelamente lavora con carta pressata e pregiata con sottilissimi intrecci segnici. del 2007 a madrid è la mostra "del pensiero senza oggetto".



gian mario scola

titolo: "tridimensionalità" - 2004

disegnatore tessile. terminata l'esperienza nel campo dell'arte applicata dove realizza disegni astratti per la produzione industriale nel 2000 sceglie forme geometriche di base per composizioni severe che riflettono le ricerche costruite del primo 900. predilige il disegno. sovente restringe l'uso del colore ai soli bianco, nero, rosso. con queste prerogative realizza disegni dando libero sfogo alla sua creatvità individuale. propone per la prima volta le sue opere in occasione della mostra ?l'arte costruisce l'europa? 2008.



rino sernaglia

titolo: "luce ombra" - 2004

montebelluna 1936. vive a milano. studi artistici a venezia. si occupa di pubblicazioni d'arte. è scenografo alla rai. opera nel settore di educazine artistica del comune di milano. tiene consulenze in qualità di esperto delle avanguardie storiche del 900 e seminari sul suprematismo, costruttivismo e bauhaus. interessi filosofici, sociologici e nel campo della musica dodecafonica. del 65 sono le prime opere inoggettive. del 67 la teorizzazione sui rapporti e significati tecnico-pittorici dell'optical art. negli anni 70 con "positivo negativo" definisce percorsi tridimensionali di luce bianca meccanica, organizzati in uno spazio nero. dal 78 con "luce ed ombra" approfondisce l'aspetto cromatico e cinetico. dagli anni 90 realizza soluzioni strutturali, forme sculturali dalle nuove angolazioni e interazioni con lo spazio. ha fatto parte del movimento madi italia.



michel seuphor

titolo: "pour arte struktura" - 1991

anversa 1901-1999. nel 1921 pubblica il primo numero della rivista "il panorama" che ben presto prenderà la difesa dell'arte astratta. viaggia a berlino e parigi dove entra in contatto con l'ambiente artistico del tempo. nel 25 si stabilisce definitivamente a parigi. nel 26 effettua un viaggio in italia, entra in contatto col gruppo futurista. a roma scrive "l'ephémère est éternel", testo di teatro-antiteatro con la scenografia di mondrian. 1927, incontra torres garcia. pubblica l'unico numero di "documents internationaux de l'esprit nouveau". 1930, a parigi dirige tre numeri della rivista "cercle et carré". soggiorna in svizzera. intercala l'attività di scrittore e disegnatore, produce un gran numero di opere "unilineari" che si svilupperanno nei disegni a linee parallele e orizzontali spaziate. nel 44 partecipa alla resistenza belga in francia. nel 57 su richiesta di aimé maeght pubblica "l'art abstrait, ses origines, ses premièrs maître" a cui seguirà una mostra. è biografo di mondrian.



stefan sevastre

titolo: est-ovest - 1999

nicoresti, romania 1926. studi artistici a bucarest. è membro dell'unione artisti costruttivisti e professore d'arte a bucarest. organizza esposizioni e simposi. agli anni 70 risalgono le strutture con pratiche "environnementales". negli anni 90 amplia l'uso del colore strutturandolo in linee rette o archi. si riferisce al suprematismo sotto l'aspetto simbolico, matematico, poetico. non intende l'arte geometrica come economia, rigore o rappresentazione di un fondamento spirituale ma come visione esistenziale: "il senso del movimento corrisponde al senso di una nuova demiurgia dello spirito umano".



roberto sgarbossa

titolo: senza titolo - 2001

padova 1956. studi artistici a padova dove vive. nell'82 è cofondatore del gruppo "atelier di ricerca" che opera nel settore delle arti visive evidenziando l'importanza del lavoro collettivo. nel 96 fonda l'associazione culturale "proposizione" dove svolge attività di promotore. collabora con il centro culturale "verifica 8+1" di mestre. nelle sue opere, da una rigida composizione ortogonale e modulare di fondo, quasi un muro impenetrabile, emergono partiture, ombre e trasparenze; lati contrassegnati da più vivaci linee cromatiche, talvolta figure geometriche sospese, eteree come pensieri.





elisabetta sgherza

titolo: senza titolo - 1991 molfetta 1995. vive a bari dove insegna. la sua ricerca parte dalle forme geometriche del cerchio, quadrato, rettangolo per scomporle e giungere alla tridemensionalità con "le forme impossibili"; la scelta del non colore conferisce ambiguità. applica le leggi della geometria, della scomposizione dei piani e della psicologia della forma. nel quadro delle attività didattiche nel 2007 partecipa all'iniziativa "un poster per la pace" con la scuola media carlo levi.



turi simeti

titolo: senza titolo - 1990

alcamo 1929. vive a milano. studi classici e di veterinaria a bologna, di diritto a palermo. nel 1958 si trasferisce a roma. negli anni successivi soggiorna a londra, parigi, basilea. nel 65 realizza le prime opere inoggettive sulle possibilità estensive della tela. è invitato a far parte del gruppo "zero avantgarde" che si presenta per la prima volta a milano nell'atelier di lucio fontana. dal 1969 realizza tele sagomate attraverso un sistema di tensione in uno spazio rigorosamente strutturato. realizza grandi dischi, una sola ellisse o un gruppo omogeneo solcano la superficie della tela monocroma modificando la percezione del campo. gli ovali introflessi invitano a riflessioni sulla dialettica del pieno e vuoto; visibile, invisibile.



victor simonetti

titolo: "segno-flusso" - 1987-91

quilpuè, cile 1932. vive a pieve ligure. è docente a bologna. studi di architettura a valparaíso, cile. i corsi di "plastica spaziale" e "prearchitettonico" tenuti da alberto cruz con nuove metodologie e il clima culturale universitario lo orientano all'arte. nel 53 è in italia, prosegue gli studi a firenze. nel 59 con la tesi su casa-scuola per ciechi approfondisce aspetti non visivi dell'architettura sensibilizzandosi alla sua integrazione nel sociale. negli anni 60 realizza molti progetti architettonici parallelamente prosegue le sue ricerche sulle organizzazioni naturali e sull'interpretazione vettoriale che applicherà alle opere plastiche. continua nella ricerca di una grammatica unitaria e universale delle organizzazioni sia da un punto di vista fisico che naturale.



tullio simoni

titolo: "movimento "1/2/3" - 2001

rovigno d'istria 1942. vive a firenze. compie studi informatici e lavora nel campo della ricerca e progettazione. si interessa di gestalt e problemi ergonomici. utilizza il mezzo fotografico nella sua componente comunicativa e sociale. l'espressione risulta dalla pratica dell?essenzialità materica, cromatica, formale, emotiva non privi di ironia che traduce nel coinvolgimento con i problemi contemporanei. l'elemento ludico o edonistico sono invece caratterizzati da una maggiore libertà. la simmetria compositiva, essenzialmente geometrica, percettivamente si "identifica" e propone in quel terreno vagamente ambiguo in cui il simbolo, o cio che ne è sotteso nel mondo naturale, si sovrappone al linguaggio geometrico stimolando una riflessione su di una sua dialettica interpretativa.



enrico sirello

titolo: "frammenti struttura" - 1991

livorno 1930. vive a roma. nel 1957 dirige la galleria "il grattacielo" e fino al 65 la "compagnia sperimentale di teatro" di livorno. dal 1960 al 65 collabora al "giornale del mattino" di firenze per la critica d'arte. nel 65 a roma è coorganizzatore del gruppo "strutture significanti". si trasferisce a roma dove progetta e dirige lavori pubblici. alterna l'attività di pittore con quella di scenografo. a bogliasco (ge) per la rassegna ulisse incontra l'arte "prima del quadro" presenta una selezione di bozzetti dal 1962 al 2006. le scansioni ripetute in bianco e nero creano effetti di mobilità e ambiguità. in questa articolazione indaga le possibilità del segno senza l'uso del colore che utilizza quasi come uno sbarramento.



claudio sivini

titolo: "riflessi urbani 2" - 2000

trieste 1943. compie studi artistici a trieste dove insegna arte nelle scuole statali. dal 1964 espone in pubblico. opera nel campo della grafica e pubblicità. è fondatore del "gruppo 12" e "gruppo 5" di trieste. sovrappone materiali con velature e lievi effetti cinetici ottenuti con l'applicazione sulle superfici di natri traslucidi e films. usa materiali in vetro, cristallo, acridite, films, nastri plastici, traslucidi, colorati. le composizioni coinvolgono il pubblico nell'ambiguità tra naturale e illusione dell'artificiale. del 2005 a trieste è la partecipazione alla mostra "arte astratta e dintorni" che indaga i due grandi filoni dell'arte del 900: l'arte astratta e l'arte figurativa.



mogens skiöth

titolo: "rose calcite" - 1991

arhus, danimarca 1942. vive a arhus. è insegnante. realizza le prime opere inoggettive nel 1974. l'interesse primario è rivolto a costruire spazi ritmati da linee preferibilmente diagonali in sequenze, precisate e scandite da regole e calcoli matematici. le superfici risultano incise da spaccature dove il colore assume un valore direzionale, dilatando lo spazio. utilizza materiali tecnologici che producono effetti di riflessione cromatica.



kennet snelson



francisco sobrino

guadalajara, spagna 1932, normandia 10 maggio 2014. studi artistici a barcellona e buenos aires. nel 1959 si stabilisce a parigi. intraprende ricerche visuali, sulla struttura e dinamica della forma, sulla percezione e sui colori. di quel periodo sono le opere in bianco e nero con forme in progressione che producono effetti ottici. nel '60 con le parc, morellet e stein fonda il "grav" (groupe de recherche d'art visuel) di parigi. che teorizza la funzione sociale dell'arte concepita come produzione collettiva e non più individuale. prosegue le sue ricerche sulla tidimensione, i nuovi materiali traslucidi , sulla luce, la riflessione, ombre e trasparenze. già nel '76 tenta di incorporare l'energia solare nel suo lavoro. come per tutti i componenti del grav le sue opere sono nei più prestigiosi musei del mondo.


stefano soddu

titolo: "comunicazione aperta" - 2004

cagliari 1946. vive a milano dove compie studi classici e in giurisprudenza. interessato all'opera di burri, nei primi anni 60 intraprende la sperimentazione materica realizzando opere di plastica e rame. nel libro "risalendo la corrente" del 95, definisce alcune intuizioni e il progetto di concentrarsi sulla scultura. nel 98 partecipa al gruppo "caos italiano". realizza sculture come stele. per questi oggetti usa un metodo costruttivo esatto. nella teatralità delle scansioni compositive e delle soluzioni pittoriche dei pannelli è riscontrabile una chiara determinazione, "una nostalgia ... per l'astrazione geometrica, per esempio, non estranea alla notazione musicale". (r.sanesi)



jesus raphael soto

ciudad bolivar, venezuela 1923. studi artistici a caracas. vive a parigi e caracas. nel 1950 si trasferisce a parigi. compie ricerche sul cubismo e mondrian. le prime opere inoggettive risalgono al '51 con "répétitions", elementi geometrici semplici e lineari a cui seguono le "progressiones" e "peintures sérielles". già a partire dal 1954, con "déplacementes", realizza opere caratterizzate da punti e linee che determinano vibrazioni ottiche. continua quindi la sua attività occupandosi di problemi spaziali e cinetici. partecipa a numerose esposizioni del gruppo zero. nel '73 viene inaugurato il museo jesus raphael soto al quale soto dona la sua collezione privata.



renato spagnoli

titolo: "96/38" - 1996

livorno 1928. è cofondatore del ?gruppo atoma, del centro "techné" di firenze e collaboratore della casa della cultura di livorno. pubblica recensioni su umanità nova. critico del realismo postbellico nei primi anni 60 realizza lavori astratti caratterizzati da macrosegni prevalentemente in bianco e nero. supera la deideologizzazione post68 attraverso una proiezione utopica aderente alla realtà concreta. traduce l?iniziale ?imperfezione? del gesto in trasgressione strutturale. inizia un lavoro sulla morfologia alfabetica che si protrarrà fino agli anni 70 e continuerà negli anni 80 con i rilievi bianchi e monocromi. degli anni 80-90 sono i tableaux verticali in serie di 2,3,4 dove il processo semantico tende alla liberazione mentre la relazione tra i vari elementi stabilisce nuove dinamiche percettive analoghe a esperienze visive sequenziali. gli ultimi lavori sono solidi geometrici dotati di stabilità nonostante il senso antigravitazionale.



filomena iride spissu

titolo: "n° 524" - 2000

cagliari 1951. studi artistici a cagliari dove è insegnante. lavora come scenografa, collabora con il dipartimento di matematica dell'università di cagliari in un programma di ricerca didattica. del 76 sono le prime opere aniconiche. nell'87 entra a far parte del laboratorio visualità-forma fondato da maesano. matematica e geometria concorrono alla produzione di oggetti frattali. interprete delle teorie sul "pensiero visivo" nelle ultime opere alla dinamicità affianca situazioni di ambiguità percettiva. trasferisce sul piano idee complesse attraverso schemi geometrici la cui composizione è indissolubilmente cromatico-formale. pubblica recensioni e articoli di teoria e arte contemporanea su giornali e riviste.



fausta squatriti

titolo: "scomposizione di un cubo" - 1990

milano 1941. vive a milano. svolge attività di docenza a venenzia. lavora operando in più campi: pittura, scultura, editoria d'arte, design, poesia, critica. nel 1965 ha inizio la sua ricerca inoggettiva. fino al 1973 lavora su volumi in acciaio e metallo laccato cercando l'antitesi tra volumi primari e volumi geometrici "disarmonici". dal 73 all'87 realizza sculture in ferro ruggine e acciaio speculare sezionando volumi primari che, anche per minimi spostamenti, danno luogo ad un equilibrio precario. dall'87 ricerca un nesso tra figure mimetiche e figure geometriche astratte invertendone i ruoli in un complesso discorso tra allegoria e simbolo. ha pubblicato sia sui maestri delle avanguardie storiche che su artisti emergenti delgli anni 60-70. tiene seminari in italia e all'estero.



anton stankowski

titolo: "teilung" - 1969/91

gelsenkirchen, germania 1908-1998. ha vissuto a stoccarda. opera nell'ambito dell'arte costruttiva internazionale e del grafic-design. negli anni 50-60 intraprende ricerche su quantità e variazione con esiti cinetici e interazione percettiva. negli anni 70 con "l'atelier grafico" lavora per grandi complessi architettonici. compie ricerche sui colori e i sistemi informativi; su spazio e volume nel bidimensionale. si occupa di fotografia in senso tecnico, processuale, comunicativo con risultati inediti nello studio del movimento. nell'ambito dell'estetica esatta ha sempre sostenuto il momento della libertà artistica incorporando coscientemente elementi di disturbo ad un dato ordine o principio. sviluppa una teoria origianle che lo portano a illustrare processi o comportamenti piuttosto che oggetti. esperimenti che già dal 75 comprendono l'uso di frattali.



klaus staudt

titolo: "epilog 1" - 1990-91

otterndorf, germania 1932. vive a offenbach/main. studi artistici e in medicina. nel 1960 realizza le prime opere inoggettive. ha una posizione autonoma nel campo dell'arte astratta: è attratto dall'"opera nascente", dalla sua continuità, dal rigore e innovazione. la composizione sistematica e il pensiero geometrico lo portano a comporre forme chiare, semplici a partire dall'astrazione costruttivista del movimento con aperture all'ambiguità visiva. costruisce rilievi in legno bianco, cartone e tela in tridimensione in consonanza con i principi dell'astrazione geometrica. predilige forme prismatiche e quadrate in strutture organizzate secondo leggi combinatorie e simmetriche.



jeffrey steele

titolo: "sg 4° 66 js 90" - 1990

cardiff, inghilterra 1931. vive a portsmounts. negli anni 60 partecipa al "gruppo op" e realizza le prime opere inoggettive. nel 2007 è tra gli artisti a rappresentare l'inghilterra alla mostra "swinging london" aperta a muzeum sztuki di lodz, polonia dove la prestigiosa collezione costruttivista del "gruppo a.r." è stata aperta al pubblico e affiancata alla collezione di grabowski. steele compare nella nuova generazione di artisti dell'astrazione geometrica degli anni 60 e della pop arte inglese. costruisce opposizioni binarie di forme bianche e nere. gradazioni ordinate di tonalità e relazioni di luminosità. lo studio delle diagonali lo induce alla formazione di un codice di numerazione.



joël stein

titolo: "en jaune et bleu" - 1993

saint-martin boulogne, francia 1926 - foucarville 24 luglio 2012. studi artistici a parigi. svolge attività didattica: corsi teorici, pedagogia e atelier pratici a parigi. frequenta l'ambiente artistico parigino e nel 56 realizza opere programmate su sistemi matematici. nel 60 è cofondatore del gruppo "motus" e nel 61 del gruppo di ricerca visiva "grav" che svolge un preciso programma scientifico e si propone come laboratorio per indagare le strutture e i processi della percezione estetica. seguirà la messa in discussione dello statuto dell'artista, la relazione arte-spattatore, la ricerca su materiali, forme, volumi, colori. del 59 sono i rilievi manipolabili in plexiglass. studia quindi la luce polarizzata e realizza la "boite lumineuse polarisée, trièdre, kaleidoscope". per primo usa il laser nelle opere. realizza effetti speciali per il cinema. considera il rapporto colore-forma, l'espansione del colore oltre i limiti formali e "la relatività" cromatica: "ciascun colore del diagramma esiste solo in quanto i colori vicini lo definiscono...". (j.stein)



hans steinbrenner

titolo: senza titolo - 2000

francoforte sul meno, germania 1928. vive a francoforte. fino al 74 insegna scrittura e scultura su pietra a wunstedel quindi pittura e disegno. del 1955 la prima opera inoggetiva: una scultura in tiglio intitolata "komposition". svolge il lavoro partendo dall'origine in modo che pittura e scultura siano considerate sullo stesso piano e corrispondano semplicemente a soluzioni attuate attaverso materiali e mezzi differenti. ogni illusionismo viene rifiutato, la pittura e scultura si distinguono solo per i loro elementi: la superficie e il blocco. dalle fasi organiche o simboliche delle prime sculture perviene a forme rigorosamente ortogonali e volumi rettangolari.



stempfel

titolo: -



walter strak

titolo: senza titolo - 1993

revin, francia 1936. vive a vert le grande. studi artistici a zurigo. è membro dell'associazione internazionale arti plastiche dell'unesco. del 65 sono le prime opere inoggettive, bande orizzontali oblique che solcano la tela. negli anni 80 il quadrato diventa la figura di riferimento nei colori nero, blu, rosso. si rivolge quindi ai materiali: alluminio, smalto, acciaio, neon che utilizza per opere ambientali. rifiuta la prospettiva e altri artifici. nelle opere più recenti suddivide rigorosamente il piano. le partizioni sono leggermente dislocate e interferiscono con l'elemento marginale della tela determinando una dinamica percettiva. nella composizione procede per conservazione: addizione o eleiminazione; forme attive e passive. tende all'essenziale evitando molteplicità e policromia senza cadere nel conformismo con collocazioni inaspettate.



giovanna strada

titolo: "senza titolo" - 2004

ragusa 1960. vive a milano dove compie studi al politecnico di design e ha modo di approfondire le tematiche della psicologia della percezione, della comunicazione, delle teorie del colore. ha come insegnanti tra i maggiori esponenti del concretismo italiano: kanizsa, munari, di salatore, garau... dell'85 sono le prime ricerche inoggettive. a metà degli anni 90 sperimenta gli "spazi virtuali", piccole unità pittoriche disposte nello spazio della parete che secondo relazioni logico-geometriche danno luogo a figure latenti interattive in una dialettica legata sia allo spazio concreto "parete/figura" che alla percezione del fruitore chiamato a un intervento attivo. nella ricerca attuale, espressa in bianco e nero, l'interazione di strutture archetipe prese come misure di riferimento e relazione, genera man mano varietà formali, sfalsamenti e discontinuità creando ritmi e mutamenti in continuo divenire.



ugo strina

titolo: "ritmi" - 1991

cellino san marco 1948. vive a torino. realizza le prime opere inoggettive all'inizio degli anni 80. il colore neutro del supporto fa risaltare i margini dei tasselli sequenziali sulla superficie piatta in espansione. i colori presentano le stesse tonalità, per non creare profondità ma immagini bidimensionali. il nero determina la scansione tra le sequenze.



maria suardi

titolo: "retorno" - 1999

rosario, argentina 1937. dal 1969 espone in molti paesi dell'america latina ed europa. tiene corsi universitari di serigrafia a londra, urbino, bringhton, salamanca e a los angeles. dagli anni 60 incorpora la figura geometrica sul piano. dal 70 si occupa di incisione. nelle serigrafie sviluppa potenzialità emergenti tra sintesi, velo sensoriale e rigore plastico. l'autonomia nella sua opera basa sul rifiuto dell'aneddotico o di oggetti estranei alla composizione. e' verità che riconosciamo in quella forma geometrica: corpi situati nello spazio assunti come referenti della visualità. (alfabeto che per essere svolto plasticamente con coerenza necessita di grande rigore compositivo e sensibilità cromatica.)



grzegorz sztabinski

titolo: "inter-triangles 2" - 2000

lodz,1946. studi artistici a lodz. è insegnante di storia dell'arte e composizione. autore di molte pubblicazioni di arte ed estetica dagli anni 70 presenta dipinti, disegni installazioni e performance. la riflessione e le ricerche sui possibili sbocchi artistici contemporanei è ispirata dalla sua creatività, dall'eredità del costruttivismo polacco e dalla attenzione serrata alla situazione dell'arte contemporanea. dal 1970 l'elemento razionale resta cruciale ma anche l'evento imprevedibile interviene come atto creativo o forza incontrollabile irrazionale. propone costruzioni con elementi geometrici semplici, sovrapposti e trasparenze ottenute da altri materiali oltre che dal colore.



vinicio tartarin

titolo: "nuclenenergie" - 1989

nel 1974 illustra la copertina di "hughes: un problema di sopravvivenza". del 2004 è la partecipaziona a "dove va l'arte - 6 esercizi di stile", milano centro europeo arte cultura e ricerche multimediali. propone opere sintetiche ispirate alle ricerche in campo scientifico e hi-tec.



stevan tesic

titolo: "sol" - 2000

paracin, serbia 1964. studi in architettura a belgrado e milano. vive a brescia. è architetto e docente al politecnico di milano. nel 1989 intraprende l'attività espositiva. dal 95 al 98 collabora con il centro culturale sincron di brescia. con il contributo teorico "manifesto dei vetri" del 1997 propone una serie di lavori in vetro dove la valenza compositiva corrisponde all' assetto statico-materico del vetro, forze geometrico visuali = forze statico gravitazionali. indaga il momento, lo scarto minimo dove nasce e si stabilisce l'equilibrio di una costruzione composta da più elementi in relazione tra loro. fragilità e trasparenza, equilibrio e gravità si misurano tra fisicità e matafora spirituale.



patrizia tibaldo

titolo: "dal quadrato 2" - 1994

nuvolento 1969. risiede a brescia e milano. studi artistici all'accademia di brera. è insegnante di disegno e storia dell'arte, disegnatrice in studi di architettura. dell'89 è la mostra "arte donna" a brescia. nelle opere degli anni 90 usa il bianco e nero, attribuisce al primo un valore di luce e di elemento esterno, al secondo di oscurità e profondità. la ricerca procede sperimentando nuovi materiali. nel 2000 con "pro-posizioni", rivoltella (bs), realizza strutture tridimensionali che rispecchiando l'ambiente lo sottopongono a una percezione distaccata e critica. del 2001 è l'opera multimediale "la gabbia d'acciaio": struttura di metallo, performance, video, fotografie. propone progetti didattici per ragazzi.



nacha timer

titolo: "composizione madi" - 1993

bruxelles 1948. vive a bruxelles. studi artistici, musicali, in scienze economiche e sociali. le prime opere inoggettive sono del 1988. conduce ricerche sul colore, sulla trascendenza della superficie, sul madi e carmelo arden quin. introduce la dimensione dei tagli. realizza opere bidimensionali con particolare attenzione a gamme di variazioni cromatiche di forti tonalità in bande susseguenti strutturate in diagonale e aderenti ai principi dell'arte costruita, madi e optical. nei suoi ultimi lavori ricorre al caso, combinazioni, legge dei grandi numeri. realizza opere originali combinando più forme e materiali.



luis tomasello

titolo: "atmosphere chromoplastique 631" - 1987/91

città de la plata, argentina 1915. studi artistici a buenos aires. nel 51 viaggia in europa. al 52 risalgono le prime opere astratto-geometriche. nel 54 a buenos aires è cofondatore del "salone nuevo". nel 57 si trasferisce a parigi dove conduce ricerche cinetiche bidimensionali. del 58 sono i primi rilievi. aderisce quindi al gruppo della galleria denise rené. propone rilievi in sequenze programmate, allineamenti di corpi geometrici elementari strutturati ortogonalmente dove talvolta le facce interne colorate riflettono sul piano cromie soffuse. la sua fedeltà ai principi della costruzione formale e cromatica non gli impedisce di sviluppare la problematica dell'ambiguità visuale.



armando tomasi

titolo: "dimensione rossa" - 1994

roè volciano 1940. vive a roè volciano. le prime opere inoggettive sono del 1968. degli anni 70 sono le "composizioni astratte". affronta i problemi della riduttività formale dove il colore si costruisce per agire otticamente sul piano. caratterizza la sua operatività con una geometria ad ampie campiture dove il quadrato e la linea, nel contrasto cronmatico, creano dinamismo.



jorrit tornquist

titolo: senza titolo - 1991

graz, austria 1938. risiede a s.gregorio cisano di bergamo. studi in biologia e architettura. è insegnante di teoria del colore, architettura e design a milano e graz. del 1962 sono le prime opere inoggettive. dal 59 si dedica alla pittura. intraprende una ricerca scientifica e tecnica esatta sul colore. sperimenta i parametri di tono, chiarezza, saturazioni e effetti complementari. estende la ricerca dalla dimensione del quadro allo spazio colorato, alla reazione psicologica e comportamentale agli stimoli cromatici. nel 66 realizza il primo color-projet pubblico a cui seguiranno molte altre realizzazioni urbanistiche. nel 72 è tra i fondatori del gruppo "team color" di milano. lavora sul concetto di superficie, sui suoi riflessi e trasparenze. nel 95 fonda il gruppo "color surface" ed è nominato consigliere colorimetrista per la città di torino. molti gli scritti teorici.



victoria trench

titolo: "opus 1" - 1999

buenos aires 1948. compie studi artistici e insegna tecnica espositiva e museologia a buenos aires. dalla fine degli anni 70 espone in pubblico. nelle opere propone il tema della libertà. ricerca una corrispondenza tra concentrazione del pensiero e tensione o allentamento compositivo nella disposizione degli elementi dispersi e isolati, agglomerati e sovrapposti. colori intensi e tonali risultano sovente contrapposti a rarefazioni monocrome. considera il quadro un mondo a sé, differente, supporto fisico di uno spazio significante. usa velature, sovrapposizioni, rilievi su carta, collages.



bjarne w. troelstrup

titolo: "tangram" - 1990

arhus, danimarca 1934. è membro dell'unione artisti "bkf". realizza le prime opere inoggettive all'inizio degli anni 70. le forme sono rese attraverso linee, dai contorni definiti. la ricerca concretizza una poetica razionale attraverso una strutturata scansione dei piani di colore con un linguaggio sintetico dai risultati tridimensionali. le ultime realizzazioni sono costituite da più opere in sequenza dove, su di un piano piuttosto uniforme, compone nastri, linee con deviazioni angolari differenti che emergono formalmente e cromaticamente dando l'impressione di trattenere qualche tratto della tradizione popolare.



alfredo troisi

titolo: "evoluzione di un quadrato" - 1991

foggia 1938. vive a milano e a parigi. studi artistici a venenzia. abilitato all'insegnamento di storia dell'arte e disegno è grafico. realizza le prime opere inoggettive nel 1972. dopo l'esperienza di art director per importanti gruppi, il lavoro nel mondo della stampa e della fotografia lo spingono ad aprire lo "studio troisi". lavora nell'editoria, design, moda, fotografia. dal 99 si occupa di arte e fotografia. la sua ricerca indaga il passaggio dal piano tridimensionale a bidimensionale che propone attraverso colori squillanti. indaga le possibilità espressive del quadrato, la dinamicità delle diagonali e l'espansione del campo al dilà del supporto.



giuseppe turati

titolo: "



giorgi ulivi

titolo: senza titolo - 1992

vicopisano 1938. vive a pistoia. studi artistici a firenze. è docente all'accademia di belle arti di carrara, firenze e bologna. le prime opere inoggettive sono del 1982. una ricerca di studio lo portano a incontrare i componenti del gruppo cobra. del 70 sono "le geometrie impossibili" giocate sull'ambiguità della costruzione dello spazio. nascono poi i piani neri specchianti con prospettive ribaltate su piani sfalsati e aggettanti. segue la serie con fasce parallele di colori instradate su binari divergenti. dagli anni 80 lavora sulle "strutture-colore". cadono i perimetri della tela, cambiano i materiali. la ricerca visiva e pittorica si articola intorno al rapporto struttura-colore. analizza le variabili delle funzioni nelle quali i termini si invertono: struttura-colore o colore-struttura. attua una ricerca analogico-percettiva tra colore e suono.



otto ulrich

titolo:

potsdam 1944. vive a monaco. studia storia dell'arte e archeologia. le prime opere inoggettive risalgono al 1975. l'interesse della ricerca sono il colore nelle sue interazioni e i fenomeni percettivi. il colore viene steso per creare rapporti tra tonalità monocromatiche in equilibrio e suscitare continue variazioni percettive. le forme si costruiscono con ipotesi geometriche in una razionale suddivisione di spazi.



arthur usner

titolo: "chroma plastique strukture" - 1995

enbudo, new mexico 1949. vive a corrales dove compie studi artistici e musicali. studi universitari a nuovo messico. espone dagli anni 80 con il movimento madi ed è presente agli avvenimenti del gruppo tra cui nel 1995 all'art festival di györ (h). nel 2000 cambia il nome in arturo antonio chavez, in onore al nome di famiglia materna. l'interesse prevalente è rivolto alle forme nelle loro reciproche relazioni per accordarle in sequenze ripetitive, in un poliritmo. fa parte del movimento internazionale madi in america.



philippe vacher

titolo: "mutazione mattutina del cubo" - 1998

libourne, francia 1947. vive a deols. studia arti plastiche e insegna storia dell'arte a chateauroux. le sue prime esposizioni risalgono agli anni 80. considera la geometria una ricerca, contrapposta alla disciplina e al purismo. declina l'equilibrio instabile che struttura l' apparente coesione delle cose utilizzando forme e volumi elementari sottoposti a partizioni, deformazioni e squilibri. l' opera d' arte giocando con il mondo rivela i suoi equilibri dinamici sottili, fragili. dal 1990 partecipa al salon des "réalité nouvelles" e alle iniziative della galleria dorval di parigi.



grazia varisco

titolo: "extrapagina - 1978/90

milano 1937. studi artistici all'accademia di brera dove è docente di scienze della comunicazione. nel 1960 fa parte del "gruppo t" di milano. è tra i protagonisti dell'arte degli anni 60. realizza strutture variabili e componibili che interagiscono percettivamente con il fruitore. tavole magnetiche e oggetti cinetici seriali, immagini cinevisuali ottenute per interferenza e rifrazione della luce. indaga il fenomeno delle immagini postume. nel 63 partecipa al movimento internazionale "nouvelles tendences". sottolinea l'importanza della comunicazione collegato alla teoria della percezione. degli anni 70 sono le "extrapagine", "assenze", fenomeni di alterazioni nella pratica tipografica. negli anni 80 approfondisce il tema della piega come passaggio dal piano al volume.



galina vasilyeva

titolo: "black square" - 2002

polotsk, russia 1959. vive a vitebsk città che vide la nascita del gruppo suprematista unovis. studi artistici a vitebsk dove è insegnante e membro dell' unione degli artisti di bielorussia. impegnata in varie scuole d'arte propone anche performances, azioni, crea istallazioni all'aperto, espone ready-made. con il minimo di colore e forma ricerca il massimo di espressione e armonia. il razionale prevale sull'irrazionale, l' espressione lascia posto alla meditazione e semplicità. si rifà alla tradizione iconografica russa in alcuni casi con ironia, in altri con rigore attraverso il linguaggio dell'astrazione geometrica inoggettiva utilizzando i colori oro e argento su nero o viceversa.



roberto vecchione

titolo: "struttura" - 1990

ercolano 1945. vive a milano. studi artistici a napoli. insegna progettazione grafica, si occupa di didattica sperimentale e ricerca in comunicazione visiva. del 75 sono le prime opere inoggettive. impiega materiali prodotti dall'industria prevedendo la possibilità che l'oggetto scultoreo sia dominato dalla "fantasia ingegneristica". nei primi anni 70 a roma partecipa alla mostra "un mondo degno di noi". del 74 la partecipazione a "arte e didattica" nella biblioteca popolare di corsico (mi). nelle sculture l'elemento geometrico di base è il cerchio e l'ellisse. le sue sculture a base simmetrica vengono sezionate: la lettura simultanea del pieno e del vuoto è la costante visibile di molteplici combinazioni dei due elementi positivo-negativo.



milena velikovic

titolo: "dolo" - 2000

krusevac, serbia 1965. vive a brescia. studi in architettura a belgrado e al politecnico di milano dove svolge attività didattica. del 98 è il "manifesto dei vetri, etica della transitorietà". indaga la doppia verità in ogni unica azione dove l'equilibrio tra passato e futuro si dispiega nel continuum spazio temporale. la tensione è data dalla perpetua volontà di stabilire con pari forza l'incidenza dell' azione indirizzata e quella casuale per un'eticità al limite dell'atto creativo. la tensione raggiunta tra l'io e il mondo, tra "vetro e suo equilibrio", è condizione esistenziale, empirica per un'ulteriore costruzione. alla differenza dei lavori corrisponde l'irreversibilità dell'esperienza, la suprema e istantanea azione spirituale dell'emozione umana.



francesco ventura

titolo: senza titolo - 1998

trapani 1965. studia al dams di bologna dove prepare la tesi in arte con renato barilli. compie viaggi di studio a parigi e new york per approfondire le varie tecniche artistiche. in alcuni lavori su tela con colori acrilici, il formato classico quadrato, rettangolo risulta superato con opere su base triangolare. la composizione è geometrica con colori primari e tonali che in alcuni casi coesistono con un incremento di dinamicità dato da linee alternate in bianco e nero.



dirk verhaegen

titolo: "thin blue lines" - 1989/91

vilvoorde, belgio 1950. vive a bruxelles dove è insegnante. nel 1969 realizza le prime opere inoggettive. degli anni 70 sono le opere lineari e alcune di computer grafica. contemporaneamente realizza la serie dei poligoni irregolari. negli anni 80 affronta il problema della gravità . negli anni 90 ripropone dipinti di impianto lineare: una linea dinamica va avanti e indietro in sovrapposizione, l'insieme ricorda la dinamica dei movimenti ouclari o gli spartiti di musica. è razionale e poetico. costruisce forme determinate da sistemi razionali e logici tramite progressione angolare, rotazione, applicazione della gravità. ottiene configurazioni a partire da una struttura ortogonale iniziale, sottoposta a un processo dinamico. dagli anni 80 fa parte del movimento internazionale madi in belgio.



luigi veronesi

milano 1908/1998. compie studi tecnici, si interessa di fotografia, tecnica ed arte. risalgono al 1932 le prime opere astratto-costruttiviste. nel 1949 aderisce al "mac", movimento di arte concreta. sperimenta la tecnica del fotomontaggio, della solarizzazione e fusione tra pittura e fotografia, si occupa di scenografia. concentra quindi la sua attenzione sui rapporti costanti tra pittura e musica. le opere sono sovente un'elaborazione di forme geometriche di base, costruzione di linee orizzontali, verticali, diagonali, centri concentrici in un'archittettura di colori.



giorgio villa

titolo: "secondo peano" - 1990

ancona 1933. vive a cesena dove insegna. si interessa di design, programmazione e organizzazione di mostre d'arte. le prime opere inoggettive sono dei primi anni 70. realizza opere basate su rigidi calcoli matematici ma con equilibrio cromatico e eleganza formale. realizza tensostrutture: superfici modulari in tensione tra bi e tridimensionalità. crea volumi ed effetti optical con i colori. sviluppa matematicamente strutture a partire da un nodo centrale come un cristallo o delle strutture organiche. impiega molti materiali compresi quelli tecnologici da cui è molto attirato. le possibilità espressive e cromatiche della materia si realizzano in strutture concrete occupandosi in particolare del rapporto spazio-volume su superfici interessate da interventi modulari.



jean pierre viot

titolo: "illusion géometrique" - 2003

sens, francia 1937. realizza combinazioni di cerchi, linee, angoli. un lavoro riflessivo, di sensibilità e invenzione rigorosa che non esclude la poesia. l'aspetto chiaro, pallido della tela può caricarsi di cromatismi solo per leggeri tratti molto circoscritti. una cristallizzazione dello spazio e della luce dove le linee non lasciano che il loro riflesso, la loro fragile ma decisa apparizione.



emanuele viscuso

titolo: "sovrapposizione K264 di moduli alpha" - 1998

palermo 1952. vive a milano. studi in giurisprudenza. dopo alcune esperienze "cinetiche" (film "c'era una volta" con sophia loren), a brera promuove il salotto letterario "mercoledì artistici". negli anni 80 si dedica alla composizione musicale e da' vita a "lib lab". la sua musica è legata a schemi armonici che dagli anni 80 trasferisce nelle opere visive con modalità seriali e modulari scorporate dai presupposti che 30 anni prima le avevano determinate. la necessità geometrica si sviluppa da un dosaggio tra calcolo e libera scelta. la riflessione sugli stati e molteplicità della materia ("solid music") sono ricondotti ad una prerogativa metafisica



jaak vuylsteke

titolo: "strukture" - 1991

tielt, belgio 1951. vive a meulebeke. studi artistici a tielt. le prime opere inoggettive sono del 1983. artista costruttivita crea opere basate sul quadrato o il cubo. le strutture si identificano in un approfondimento superficie-spazio. usa segmenti della superficie che, accordati fra loro, creano nuove situazioni spaziali: lo spazio non è più limitato dall'esterno ma viene visualizzato partendo dal suo centro.



digna weiss

zeist, olanda 1943. espone dal 2000. trova nella regolarità matematica della natura la sua fonte di ispirtazione espressa nella regolarità della sua irregolarità. le regole auto-imposte sono un mezzo per ottenere maggiore libertà. tema del suo lavoro più recente è il movimento e il cambiamento così come nella vita e nella pittura. le immagini nascono da una preliminare pianificazione, da un processo sistematico del pensiero. il lavoro è in parte determinato dal materiale usato. nel tentare relazioni non solo letterarie con la realtà applica la dialettica degli opposti. la sensibilità cromatica è applicata a composizioni date da più elementi similari orientati diagonalmente su di una struttura ortogonale dove nelle trasparenze e sovrapposizioni degli elementi la tela acquisisce talvolta effetti di rilievo.



elisabeth weiss

titolo: "strutture" - 1991

silandro 1936. vive a bolzano. compie studi artistici. nel 1963 inizia la sua attività artistica e didattica. realizza un documentario per la rai di bolzano. alla fine degli anni 70 realizza le prime opere inoggettive. seguono sperimentazioni sull'interazione tra spazi reali fisicamente percepibili e spazi virtuali. nascono le prime sculture a muro in filo cucito su vetro acrilico. l'esecuzione è determinata dalla contrapposizione: trasparenza del vetro e opacità del legno o metallo. aggiuge altri mezzi operativi: ombre e trasparenze. dai segni cuciti passa ai volumi, agli spazi virtuali instabili. nelle opere più recenti propone rapporti spaziali e implicazioni psicologiche. ricerca la massima semplicità unita alla tensione del linguaggio. utilizza materiali naturali e approntati dall'industria, riconosce ai materiali una loro poetica.



jacques weyer

titolo: senza titolo - 2001

lione, francia 1946. vive a parigi. ingegnere agronomo si specializza in genetica e biochimica. è ricercatore scientifico in immunologia all'istituto pasteur di parigi, insegnante di genetica a tunisi in un programma di cooperazione. autodidatta, giunge all'astrazione geometrica per ottenere più chiarezza attraverso l'utilizzo di forme geometriche precise. l'inizio degli anni 90 è caratterizzato da un periodo "minimale". nei lavori più recenti la dimensione, il colore, l'irruzione o il defilarsi di bande cromatiche dal campo definiscono ogni elemento di una dinamicità illusoria propria ma relativa. l'accostamento di colori anticonvenzionali conferisce simultaneità alla composizione. la sensibilità è interrogata nel processo percettivo.



lily wicnudel

titolo: "scultura idraulica" - 2000

buenos aires 1950. vive a buenos aires. studi in architettura. è architetto, lavora a buenos aires, in columbia, spagna e stati uniti. molti i progetti di architettura residenziale concretizzati. dal 1993 espone in argentina, stati uniti, europa, realizza idrosculture inserite in progetti privati e urbani. la vocazione monumentale riflette il suo interesse per lo spazio pubblico. utilizza materiali fluidi in particolare cerca di esprimere il fascino esercitato dall'acqua, il suo mistero, l'infinità delle sue forme dinamiche spaziali che trova corrispondenze nel pensiero. la tecnologia è messa a confronto con un elemento primordiale, la costrizione (è messa a confronto) con la libertà fino a evaporare in ricordo, nostalgia, poesia.



ludwig wilding

titolo: "frakt. geom. struktur frg" - 1991

grünstadt, germania 1927. studi di storia dell'arte e filosofia a mainz. al 1948 risalgono i primi tentativi di astrazione e sovrapposizione di linee. dal 1960 utilizza la linea come elemento base e riduce il colore al bianco e nero. nel 61 fa parte del gruppo "nouvelle tendence" e in seguito del gruppo "a.o.s." art of seeng. è tra i protagonisti dell'arte cinetica del 900. continua la ricerca e realizzazione di opere sul movimento apparente, incremento angolare in sequenza, oggetti bidimensionali e tridimensionali con effetti stereoscopici. propone opere di forte coinvolgimento percettivo. degli anni 70 è la ricerca sui corpi paradossali, le interferenze di linee steroscopiche, gli oggetti stereoscopici con corde elastiche. degli anni 80 le microstrutture, e gli oggetti fenditura con griglia orizzontale o struttura di linee. degli anni 90 le immagini con strutture geometriche frattali e le anamorfosi bidimensionali. continua con molteplici ricerche su immagini bidimensionali con nanostrutture , shaped canavas, oggetti steroscopici a fenditura.



martin wörn

titolo: "unglechgewicht XXVI 2003" - 2003

schwetzingen, germania 1954. vive a staufen, lavora a sulzburg. studi artistici a heidelberg e friburgo. dall'85 lavora come artista indipendente. dalla fien degli anni 80 approda all'arte concreta con le ricerche sul colore. dalla metà degli anni 90 realizza le serie di tele: "squilibri", "nero su nero", "pigmento parallelo". il colore è considerato sia in quanto tale che nella peculiarità della sua concretezza. il blu è blu ma solo determinati materiali producono "l'inconfondibile carattere dei singoli pigmenti". la composizione, di norma ortogonale, è basata sul contrasto cromatico, dimensionale e compositivo. organizza mostre e gestisce lo spazio di arte concreta "galerie konkret martin wörn"



mireille wunderly

titolo: "se-t-" - 1991

meilen, svizzera 1930. studi artistici a roma e monaco. le prime opere inoggettive sono del 1965. vive nei pressi di zurigo. le tele oscillano tra la chiarezza della superficie e la spontaneità nell'ordine dei colori creando allo stesso tempo una tensione e la capacità di irritare , di sollecitare un contrasto che nasce dall'insicurezza ma anche dalla necessità di rendere evidente, di essere presi in considerazione. sperimenta i colori con i quali crea spazi cromatici armonici o in dissonanza. la vernice trasparente viene estesa in più strati in un foglio appoggiato su una lastra di alluminio. solitamente con quatto fogli costruisce immagini, dove le linee orizzontali definiscono il sopra e il sotto



shizuko yoshikawa

titolo: "zwei energien" - 1990

omuta/fukuoka, giappone 1934. vive a unterengstringen (ch). studi in letteratura inglese, architettura e design. le prime opere inoggettive sono del 1962. nel 61 è in europa. studia alla "hochschule für gestaltung" di ulm. lavora a partire dai principi dell'arte costruita. cerca una logica strutturale che sia alla base del suo lavoro. dal 76 propone i rilievi-"ombra colore". a partire dalla tradizinale sensibilità formale e cromatica giapponese orienta la sua ricerca sui colori intermedi e la composizione ortogonale dove però sia la forma che il "colore ombra" risultano caratterizzati da rigore matematico. realizza costruzioni formate da un supporto in poliestere, lavorato a quadetti regolari. i moduli sono cubi con zone più o meno in rilievo, secondo regole precise. il colore è steso anche sui bordi dei moduli con tonalità che mutano in base alle leggi della fisica e dell'ottica.



yahya gaber youssef

titolo: "horizontal/vertical 2" - 2004

cairo 1939. studi artistici, architettonici ad aacher. vive ad amsterdam. le prime esperienze artistiche figurative non corrispondono alle sue esigenze. agli anni settanta risalgono dunque le prime opere di astrazione geometrica con lo strudio sul colore e la sua densità. utilizza forme elementari e composizioni. dagli anni ottanta fa si che il modulo sia considerato in quanto tale interessandosi a come la forma si integri nello spazio.



attilio zanetti righi

titolo: "rosso" - 2004

schaffhausen, svizzera 1926. vive a roma e zurigo. espone a partire dagli anni 50. al 1980 risale l'incontro con la pittura murale e le sue ampie dimensioni. nella costruzione geometrica evidenzia la relazione pittura, architettura, progetto, costruzione. con gli ultimi lavori crea sequenze su modelli base creati col computer e poi, nella decostruzione dell'idea, trattati liberamente. i colori primari sono intesi come materia, qualità ed emozione. predilige un metodo razionale e sistematico che però non è meccanico. i suoi "oggetti pittura" si avvicinano a disegni tecnici, costruzioni utopiche, modelli sartoriali che visualizzano non tanto l'opera quanto l'operare.



piergiorgio zangara

titolo: "opera madi n.76" - 2004

palermo 1943. vive a cologno monzese. studi artistici a palermo. insegna disegno e storia dell'arte a trapani e milano. dell'83 sono le prime opere inoggettive. vive per un certo periodo nelle capanne tra i pescatori siciliani, frequenta poi l'ambiente artistico palermitano della libreria-galleria "flaccovio editore". negli anni 70 effettua viaggi studio in europa. per breve tempo è codirettore del centro d'arte "la falena" di palermo. nel 75 si trasferisce a milano. nelle opere bidimensionali media linguisticamente la spazialità: la tridimensione è resa su basi assonometriche aprospettiche e prive di soggettività. prosegue la sua ricerca realizzando lavori tridimensionali dove con materiali tecnologici, sovente trasparenti, evidenzia forme geometriche essenziali in simultanee composizioni e scomposizioni.



guido zanoletti

titolo: "serie: 8° piano" - 2002

genova 1933. vive a genova dove ha svolto attività didattica. realizza le prime opere inoggettive il 1966. nell'83 è inserito tra i protagonisti internazionali dell'arte cinetica e costruita alla 2.a biennale di marostica. opera sul quadrato e il cubo alla ricerca di combinazioni mediate, tridimensionalità, sulle compenetrazioni degli elementi geometrici e sui volumi plastici con modulazioni cromatiche dalle dissolvenze tonali di grigi, azzurri, e cobalto.



eugenio zanon

titolo: senza titolo - 1996

san zenone degli ezzelini 1942. vive a milano. studi in litografia. insegna design a milano. affronta una molteplicità di esperienze: da operaio metalmeccanico orafo a scenografo, da attore di teatro di avanguardi a musicista jazz. del 1990 sono le prime opere astratte. da 1965 fonda molti gruppi: "teatro libero valenza", "archetipo sound", "live art" ... realizza strutture in fili d'acciaio che definiscono i perimetri e corconferenze di triangoli, cerchi poligoni sospesi: forme in oscillazione per forze contrapposte tra equilibrio e gravità. degli anni 90 sono le sculture da indossare, oggetti di estremo rigore grafico-geometrico eseguiti con diversi materiali. tiene uno stage sulle tecniche di micro fusione con designers orafi russi al museo di arti popolari e decorative russo.



romano zanotti

titolo: "spazio fratturato" - 1998

vallo della lucania 1934. vive a parigi. compie viaggi di studio in africa , medio oriente, america. partecipa alle sperimentazioni lumino-cinetiche dei gruppi degli anni 60. nel 1967 fonda con michel seuphor il gruppo "co.mo.", constructivisme et mouvement, dove, alla ricerca cinetica viene accostato il valore "del fare", del mestiere colto anche nel suo risvolto etico. al ciclo "instabilità" del 1964 seguono i "ressorts", grandi molle vibranti e sonore. l'attuale ricerca sullo spazio curvo è indagata tra tensione ed espansione. nel 1979 partecipa a "novelles tendences" nell'ambito delle iniziative della galleria denise rené.



piet van zon

titolo: "configurazione in quattro colori e nero" - 2002

oss, olanda 1944. vive ad amsterdam. studi artistici a tilburg. dagli anni 80 espone in rassegne internazionali legate al costruttivismo e concretismo. definisce le sue opere concrete, risultato di un lavoro "sistematico-costruttivo". pur sottoponendo forma e colore ad un puntuale programma matematico-numerico contesta che il terreno applicativo fisico-matematico sia delegato esclusivamente a ristrette e rigide regole. la dimensione concreta del lavoro si esprime nel processo e nella tensione ad un "continuo superamento" inteso come elevamento della qualità dell'arte e per estensione della vita.



milan zoricic

titolo: senza tilolo - 2004

drnis, croazia 1955. studi in architettura a zagabria. entra in contatto con l'ambiente artistico di zagabria che lo incoraggiano e sostengono a proseguire nel lavoro artistico. del 75 è la prima esposizione a zagabria. nell'88 aderisce all'associazione artisti croati "h.d.l.u.". nel 91 si trasferisce in italia. amplia le sue conoscenze nel campo della storia dell'arte, del rinascimento in particolare, e si avvicina alla tecnica dell'affresco rivisitata in modo del tutto originale. compone su ampie campiture strutturate in diagonale superfici molto definite e in parte sfuocate con effetti di profondità. una drammaticità mediata dall'equilibrio della composizione e dalla sensibilità artistica.



paola zorzi

titolo: "serie schermo: scala trasparenze grigi" - 1996

candelo 1956. vive pralungo (bi). studi classici, informatici e artistici a biella, marsiglia e masserano. del 1990 sono le prime opere inoggettive. si occupa di campionari colore nell'industria tessile. partecipa alle iniziative del movimento dei gruppi artistici italiani degli anni 90. utilizza tecniche e materiali sia tradizionali che tecnologici. degli anni 90 sono le tele struttura-colore bicromatiche quindi i lavori sulla trasparenza e su pellicole impressionate dalla luce, laser, raggi x. nel 2000 presenta una serie di poesie acustico visive: "composizione per computer e stampante ad aghi". continua la serie di lavori in bianco e nero e scale di grigi. più elementi geometrici, per lo più ortogonali e interagenti su base logica concorrono ad affrontare un problema. nel 2007 partecipa ad un simposio artistico nella città di srebrenica.



opy zouni

titolo: "twin cubes" - 2001

cairo, 1941, vive ad atene. dagli anni 70 inizia ad espone in molte città europee e americane. il lavoro multimediale (film, musica, pittura...) e di gruppo è coordinato in ultima istanza dall'artista stessa. il suo backgraund culturale dal cairo ad atene si esprime nella tensione degli elementi in proficua contraddizione. spiritualità e razionalità; illusione prospettica ed espressività del colore sono contrapposte ad una struttura geometrica con cesure e simmetrie infine ripresentate come stimolo percettivo di allerta riconducibile però non ad un evento violento ma ad un'attenzione fondamentalmente "riflessiva". in molte delle sue opere la tradizione occidentale del "duale" al quale il greco antico riservava un "numero" (sigolare, plurale, duale) è presente con il tema del "doppio" come in quest'opera "cubi gemelli".



giuseppe zulberti



castro 1924. vive ad inzago (mi). profondamente sollecitato dalla musica, in seguito agli studi sulla dodecafonia rivolge la sua attenzione all'arte astratta che ritiene più congeniale alla sua sensibilità e formazione. negli anni cinquanta frequenta l'ambiente artistico milanese e realizza le prime opere astratte. i suoi lavori si indirizzano verso un linguaggio segnico che propone strutture geometriche "anomale"in un intreccio dialettico tra simmetria e asimmetria con contrapposizione duale delle forme.



georg zuter

titolo: senza titolo - 2002

schuettorf, germania 1946. studia tipografia quindi arte a dortmund e berlino. nel 72 ottenuta una borsa di studio si trasferisce a napoli e ginostra (stromboli). vive a bologna. si rifà alla tradizione astratta del 900. dal punto di vista formale e compositivo la stesura del colore interna alla campitura è priva di dinamismo che invece ottiene dalla relazione tra i campi. la composizione ortogonale è smussata da elementi ricavati dall'arrotondamento degli angoli e spigoli. attraverso l'interazione dell'esperienza visiva maturata tra nord europa e mediterraneo riesce a cogliere nel mezzogiorno "modulazioni e toni leggeri", aerei che contraddistinguono anche il suo cromatismo.

arte struktura associazione culturale
www.arte-struktura.it
e.mail:arte.struktura@libero.it

per avere maggiori informazioni potete scrivere direttamente una mail
arte.struktura@libero.it

costruttivismo concretismo cinevisualismo nuova visualità e
madi internazionali



torna sutorna su - top


© 2007 arte struktura